Morto il prefetto Caruso: per primo ha denunciato la cattiva gestione dei beni sequestrati ai presunti mafiosi.

Si è spento a Bergamo, a causa di una polmonite fulminante, all’età di 73 anni Giuseppe Caruso: Palermitano purosangue entrò in polizia e ricoprì diversi incarichi distinguendosi prima nella lotta contro il terrorismo e poi in quella contro la mafia. Era prefetto di Palermo quando fu catturato Bernardo Provenzano e l’esultanza della gente per quella vittoria della legge è stata una di quelle cose che egli ricordava con maggiore soddisfazione. Il 20.6.2011 Fu nominato alla guida dell’Agenzia dei Beni sequestrati e Confiscati alla criminalità mafiosa, dove rimase sino al 28.2.2014. Caruso  è stato il primo ad aprire la finestra,  sulle debolezze e le distorsioni della legge sui beni sequestrati, affidati a un ristretto numero di amministratori giudiziari che avevano fatto del loro incarico un autentico vitalizio. Ha evidenziato anche lo stato di abbandono dei beni confiscati, quasi sempre destinati al fallimento e alla distruzione. Anche se non ha attaccato la Saguto, a quel tempo intoccabile, ha individuato in Cappellano Seminara il re degli amministratori giudiziari, denunziandone i metodi. Potremmo dire che ha fatto da apripista al  lavoro della nostra emittente, suscitando polemiche e malumori, anche da parte della stessa Commissione Antimafia, allora presieduta da Rosy Bindi, alla quale Caruso , nell’audizione del 18 gennaio 2012  denunciò discrasie, irregolarità, insufficienze nella gestione dell’immenso patrimonio sequestrato e confiscato ai mafiosi e ai  presunti mafiosi. Nel  libro “In nome dell’Antimafia” viene dedicato  diverso spazio alle dichiarazioni di questo coraggioso funzionario dello Stato che  a causa delle sue denunce attirò su di sé una serie di critiche, da parte di quei settori della magistratura e della politica sempre pronta a ritenere  l’operato dei magistrati  irreprensibile e al di sopra di ogni critica. Allora, con molta amarezza Caruso preferì andare in pensione, per non dire che fu messo in pensione. Telejato rende omaggio all’operato di  questa persona  onesta e irreprensibile che ha avuto il coraggio di dire come stavano le cose, accettandone i rischi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Facebook