Giustaitalia: don Ciotti lancia 18 proposte per ripartire

Ciotti_mail

  #Giustaitalia, un “Patto per la Ripartenza” fondato sull’etica della responsabilità promosso da Libera con Avviso Pubblico, Legambiente, Arci, Rete dei Numeri Pari, Rete della Conoscenza, Fuci, Centro Studi Pio La Torre, Cooperare con Libera Terra, Acsi, Us Acli, Cngei, Fondazione Interesse Uomo, Cgil, Cisl, Uil. Diciotto proposte concrete rivolte al Governo e al Parlamento, perché ascoltino la voce della società civile, del mondo del lavoro, delle imprese, degli enti locali, di tutti coloro che, hanno a cuore la ripartenza […]

Leggi tutto... 0

Portella della Ginestra: per non dimenticare

703 Portella

STAMPA di Salvo Vitale Primo Maggio, festa dei Lavoratori. Quest’anno, come per il 25 aprile, niente festa, causa virus, ma la storia è sempre lì e non si cancella. A partire dal 1889, quando questo giorno venne istituito nel ricordo di alcuni anarchici uccisi nell’Illinois, questa data è diventata in tutto il mondo l’occasione per ricordare e portare avanti i problemi, le lotte e i diritti di tutti coloro che attraverso il loro lavoro danno il proprio contributo per migliorare […]

Leggi tutto... 0

TORNARE ALLA TERRA (Salvo Vitale)

terreni-agricoli-vendita

  E’ una storia arcinota. Melesecche aveva un asino e pensò che se gli dimezzava la quantità di biada, l’asino sarebbe vissuto lo stesso. Dopo un certo tempo, visto che l’asino era sopravvissuto,  pensò di dimezzarla ancora. E poi ancora. L’asino dimagriva paurosamente, ma resisteva, sino a quando, finito l’ultimo resto di razione mori’ di fame e Melesecche rimase senza asino. La Fao da anni sostiene che la produzione agricola e di allevamento dovrà aumentare del 70%, se vorremo andare […]

Leggi tutto... 0

Fare presto (e bene) perché si muore di pregiudizi. Danilo Dolci per cambiare il presente

Ripropongo questo interessante articolo di Pietro Piro pubblicato sul blog Vita.it il 23 febbraio 2019. La foto è stata scattata in occasione della Marcia della Protesta e della pace organizzata da Danilo nel 1967. Il ragazzo che a destra porta un cartello in cui è scritto, “Pace al Vietnam, libertà ai popoli oppressi, Lavoro ai siciliani”, di cui si intravede una parte del viso,  è PEPPINO Impastato, Si sbaglia chi crede di poter indurre cambiamenti “a forza di legge” senza […]

Leggi tutto... 0

Danilo Dolci e lo sciopero alla rovescia

Avvenne 63 anni fa a Partinico. I momenti di questa vicenda sono stati raccontati da Danilo Dolci nel libro “Processo all’articolo 4” edito da Sellerio, con questa  premessa;: “ Gli avvenimenti di Partinico, come d’ogni paese, non sono un episodio isolato: una precisa documentazione d’un singolo avvenimento facilita la conoscenza di tanti altri intorno, intimamente connessi”, con l’invito a non distaccarsi dal contesto in cui sono avvenuti i fatti. E il contesto è quello di 6000 disoccupati in un paese […]

Leggi tutto... 0

Palermo: Chiudono i negozi Bagagli dopo 5 ani di amministrazione giudiziaria

    La storia comincia il 3 maggio 2013, quando la Dia mette i sigilli agli otto negozi “Bagagli”, di Palermo, una catena di negozi “in”, che lavora da 25 anni, specializzata in griffe, pelletterie, borse e scarpe di marca, composta dal gruppo Bagagli s.a.s., (che gestisce i negozi di Via Mariano Stabile, via XX settembre, Viale Strasburgo, Bagheria), dalla Bagagli  srt (negozio a Catania, outlet e Furla, quest’ultimo chiuso dall’amministratore giudiziario e svenduto per pochi soldi), e dalla  Bagagli […]

Leggi tutto... 0

!° Maggio: niente da festeggiare

La festa dei lavoratori dovrebbe essere la festa di chi lavora. I lavoratori in Italia non arrivano a 23 milioni, tra i quali, negli ultimi anni continua a crescere il numero degli occupati con più di 35 anni e in particolare gli over 50. Il numero di persone occupate tra i 15 e i 34 anni di età è rimasto stabile a 5 milioni nel corso degli ultimi tre anni. Poco più di 5 milioni sono lavoratori autonomi (partite IVA, […]

Leggi tutto... 0

Pensioni? Basterebbe fissare un tetto e staremmo tutti bene

    Gli incontri tra governo e sindacati sul nodo delle pensioni, le contrattazioni su quali lavori siano da ritenere usuranti e quindi suscettibili di avere lo sconto di sei mesi per andare in pensione rispetto alla forca caudina imposta dalla legge Fornero,  la ribadita intoccabilità di questa legge, da parte del governo,  nascondono  ipocritamente il problema di fondo del quale  si preferisce non parlare: le scandalose liquidazioni e le incredibili pensioni  e retribuzioni pagate mensilmente ai grandi dirigenti, sia […]

Leggi tutto... 0

Una lettera

  “Ieri era una splendida domenica di sole, uno di quei giorni che ti viene voglia di uscire, di vedere tutto sotto quella luce brillante. Ma non può (si sa) andare tutto come uno lo immagina. Così vedi che tua moglie è strana, la vedi pensierosa, e con gli occhi lucidi. Ti avvicini titubante e timoroso e le chiedi cosa è successo. E qui crolla la serenità. Incominci a rinfacciarti che non è più possibile andare avanti cosi; che non […]

Leggi tutto... 0

Brindisi: squallida storia di caporali e di schiavi.

Conveniva andare con loro, dicevano, perché così riuscivano a lavorare per molti mesi. Con l’agenzia, invece, sostenevano che l’impiego nei campi sarebbe durato al massimo un mese. E le braccianti, tutte donne, quasi esclusivamente italiane, accettavano la proposta dei presunti caporali, spinte dallo stato di indigenza e necessità. Sopportavano la ‘cresta’ e orari di lavoro prolungati. Si accontentavano di 38 euro al giorno per 8 ore di lavoro, invece di 55 per 6 e mezza come era scritto nel contratto. Dovevano perfino […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook