La Corte ha deciso: Il suicidio assistito qualche volta non è punibile  

5d8ba7a81e0000580072148d

   La decisione della Corte Costituzionale sul suicidio assistito chiude per il momento la delicata questione sulla scelta di decidere sulla propria vita quando questa è diventata insopportabile, rimarcando che chi agevola tale decisione o si presta a porla in atto non è equiparabile a chi istiga al suicidio.: “E’ non punibile”, a “determinate condizioni”, chi “agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da […]

Leggi tutto... 0

Crocifissi sì e no

Crocifisso

  La presenza dei crocifissi nelle aule scolastiche costituisce “una violazione dei genitori ad educare i figli secondo le loro convinzioni” e una violazione alla “libertà di religione degli alunni”. E’ quanto ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo nella sentenza su un ricorso presentato da una cittadina italiana. Il caso era stato sollevato da Soile Lautsi, italiana originaria della Finlandia, che nel 2002 aveva chiesto all’istituto statale “Vittorino da Feltre” di Abano Terme (Padova), frequentato dai […]

Leggi tutto... 0

Misure di prevenzione: una non-legge da cancellare

  Il convegno “Misure di prevenzione, interdittive e scioglimento dei comuni per mafia” che il 30 marzo 2019 si è svolto  presso l’Abbazia Sant’Anastasia di Castelbuono, rappresenta un ulteriore tassello con il quale l’”Osservatorio sulle misure di prevenzione”, con la collaborazione di noti giuristi e penalisti sta cercando di porre l’attenzione sulla necessità di una riforma radicale di un istituto che, nato in una situazione di emergenza, ha messo in luce, attraverso una serie di discutibili applicazioni, limiti di costituzionalità […]

Leggi tutto... 0

Come si uccide la possibilità di scherzare con i potenti

Pagina di diario di Salvo Vitale 5 marzo 2018. Arrivo a Caltanissetta con il mio avvocato Bartolo Parrino, puntuale per fissato inizio dell’udienza, prevista alle 10,30. Si inizia invece intorno a mezzogiorno con l’arringa del P.M. Sono accusato, assieme a Riccardo Orioles di avere scritto e pubblicato sul sito di Telejato in data 21 giugno 2016 un articolo dal titolo “Metti una sera a cena”, nel quale ho ricostruito una immaginaria cena di compleanno della Za Vania Saputo alla quale […]

Leggi tutto... 0

 “Cu acchiappa un turcu è suo”

  Riprendiamo una notizia di Riccardo Lo Verso, su Live Sicilia del  07 Gennaio 2018  con il titolo: “Ho avuto un bene tolto alla mafia Ci ho creduto, ma ho perso tutto” e il sottotitolo “Due famiglie “sfrattano” l’associazione Mandarinarte da un bene confiscato alla mafia a Ciaculli”. La notizia ha dell’incredibile e lascia inevitabilmente il posto a una domanda: Esiste più uno stato di diritto in Italia? Indubbiamente non c’è più alcuna legge ne alcun soggetto che la fa […]

Leggi tutto... 0

Il rosatellum è costituzionale? Ci vorranno anni ed anni perché la Consulta lo decida

  La lentezza della Corte Costituzionale non ha paragoni. Anche le lumache o le tartarughe al confronto sono veloci, più veloci del piè veloce Achille. Per dirci che il Porcellum , approvato nel 2006 era parzialmente anticostituzionale sono dovute passare le elezioni del 2006, del 2008, del 2013, sino alla sentenza del gennaio 2014 allorchè,  il suo ideatore, il leghista Calderoli  ebbe a dire: “  Alla buon’ora, io l’ho detto il giorno dopo che andava cambiata. Loro ci hanno impiegato […]

Leggi tutto... 0

Pensioni? Basterebbe fissare un tetto e staremmo tutti bene

    Gli incontri tra governo e sindacati sul nodo delle pensioni, le contrattazioni su quali lavori siano da ritenere usuranti e quindi suscettibili di avere lo sconto di sei mesi per andare in pensione rispetto alla forca caudina imposta dalla legge Fornero,  la ribadita intoccabilità di questa legge, da parte del governo,  nascondono  ipocritamente il problema di fondo del quale  si preferisce non parlare: le scandalose liquidazioni e le incredibili pensioni  e retribuzioni pagate mensilmente ai grandi dirigenti, sia […]

Leggi tutto... 0

Sentenza 50187: a un boss non si può dire che è un “pezzo di merda”. Questione di dignità

di Salvo Vitale Il boss in questione è Mariano Agate, uno dei più grandi mafiosi della provincia di Trapani: è stato capo mandamento di Mazara del Vallo ed è morto nel suo letto il tre aprile 2013 a 73 anni. Sul suo curriculum spiccano diversi ergastoli per una serie di omicidi eccellenti,  come quelli del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto, quello di Falcone, di sua moglie e della sua scorta e quello di Mauro Rostagno. Il suo nome, a partire dagli anni 70 è ricorrente […]

Leggi tutto... 0

La “giurisdizionalizzazione” dello Stato e il partito dei magistrati  (Mauro Mellini)

  Pubblico il grido d’allarme di Mauro Mellini, già deputato radicale, che, a giudicare dalle ultime battute, sembra quasi una sorta di testamento, scritto dall’alto dei suoi novant’anni  e di lascito alle future generazioni di schierarsi in difesa di alcuni aspetti della costituzione che oggi si tende a snaturare nell’ambito di una sorta di furore teso a cancellare gli spazi di partecipazione popolare e il contributo della base al corretto funzionamento della democrazia. Quello che Mellini critica è lo sconfinamento […]

Leggi tutto... 0

Il Rosatellum è incostituzionale: il voto non è libero, uguale e personale

Felice Besostri è un avvocato costituzionalista che da sempre si batte contro l’incostituzionalità dei sistemi elettorali italiani. E’ stato deputato del PdS e, nel 2001, presidente della Commissione affari costituzionali. In questa intervista di Silvio Buzzanca, pubblicata su Facabook  il 1 novembre, illustra gli aspetti di incostituzionalità che contiene il Rosatellum   Il giurista che ha guidato le campagne che hanno affossato il Porcellum e l’Italicum è molto critico con la nuova legge elettorale ROMA – “Alla mia età vorrei […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook