Peppino e Mauro: due storie parallele che s’incontrano (Salvo Vitale)

Peppino e Mauro

  I depistaggi 26 anni per Mauro, 22 per Peppino: alla fine la sentenza è arrivata. Un tempo inumano per chi aspetta giustizia. Due depistaggi delle indagini attraverso tortuosi sentieri e fervide immaginazioni, per nascondere due delitti di mafia: per Peppino le assurde piste dell’attentato terroristico, magari con l’aiuto dei suoi compagni, tra i quali avrebbe potuto nascondersi anche un complice o  l’assassino, oppure un suicidio eclatante, per Mauro “l’omicidio in famiglia”, maturato all’interno della comunità Saman, l’immaginata tresca tra […]

Leggi tutto... 0

Un amore di Mauro Rostagno   (Rino Giacalone)

Rostagno porcasi

  Proviamo a raccontare di Mauro Rostagno da un altro punto di vista.Arriveremo alla mafia e alla violenza, contro cui si scagliava Rostagno alla fine, dopo essere stato al fianco degli ultimi dentro la Cattedrale di Palermo molti anni prima…Stavolta raccontiamo di Rostagno cominciando da una sua storia d’amore. No, attenzione, non gli “amori” segreti, tanto segreti proprio perché non esistevano, o se c’erano non erano cosa da provocare morte tanto spietata, non sono nemmeno gli “amori” che secondo ragionamenti […]

Leggi tutto... 0

Le mattanze di settembre: Giacomelli, Livatino, Puglisi, Saetta, Rostagno..(Rino Giacalone)

  Il 1988, l’anno in cui Cosa nostra cominciò a togliersi le spine. Oggi la mafia non uccide, ma mascaria e si toglie i “Bellodi” dalla propria strada. L’odio la nuova arma per colpire la Chiesa  Quelli del 1988 furono giorni pregni del sangue dei morti ammazzati dalla mafia. Nomi e numeri sempre eclatanti, però quel 1988 ce lo ricordiamo molto bene. Le vittime di quei barbari delitti, compiuti in quell’anno secondo una terribile sequenza, sono ancora qui, davanti a noi, […]

Leggi tutto... 0

Carlo Alberto Dalla Chiesa 38 anni dopo

IMG_20190902_0002

  «”Ci sono cose che non si fanno per coraggio. Si fanno per potere continuare a guardare serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli. C’è troppa gente onesta, tanta gente qualunque, che ha fiducia in me. Non posso deluderla. » (Carlo Alberto Dalla Chiesa in  ‘Delitto imperfetto’ di Nando dalla Chiesa, 1984) La vita Intrapresa la carriera militare, dopo l’armistizio  dell’8 settembre 1943 entrò nella Resistenza, operando in clandestinità nelle Marche, dove organizzò i gruppi […]

Leggi tutto... 0

Un parco per Libero Grassi

libero-grassi

  Sino a quattro anni fa ci pensava Pina Maisano, sua moglie, a tenere viva la memoria di Libero Grassi. Adesso tocca a noi. Addio pizzo ha organizzato alcune iniziative in occasione della ricorrenza, ma tutto quello che si fa nel ricordo di Libero è sempre troppo poco per valutare e ricordare la grandezza di quest’uomo, il primo a sollevare il velo sul mostruoso fenomeno del pizzo, a ribellarsi ai suoi estorsori e a mandarli in galera, a difendere la […]

Leggi tutto... 0

Una modesta proposta (Alessio Pracanica)

soldi

  Siamo tra quelli che, per principio, non hanno mai creduto alla famigerata trattativa stato-mafia. Troppo alta, solenne, austera è l’immagine che la repubblica ci ha fornito, in tutti questi anni, per avvallare simili invenzioni. Quante volte l’abbiamo visto, il nostro stato, ergersi con l’indice puntato,   ben   più   lungo   delle   altre   dita,   per   giudicare   e condannare   severamente   ogni   iniquità,   foss’anche   la   più insignificante. Sanzionare senza pietà borseggi e abigeati, tettoie abusive   e   parcheggi   in   sosta   vietata,   alieni   di   passaggio   e […]

Leggi tutto... 0

Lirio Abbate ha presentato a Marsala il suo nuovo libro, “U Siccu”

WhatsApp Image 2020-08-27 at 14.21.31

  Ieri sera a Marsala, al Complesso monumentale San Pietro è stato presentato il nuovo libro di Lirio Abbate “U siccu”, uno dei tanti soprannomi con cui è indicato Matteo Messina Denaro, oggi nell’elenco dei primi dieci latitanti più ricercati nel mondo. Ha presentato l’autore il giornalista Giacomo Di Girolamo, direttore del blog TP 24 Trapani, che ha dedicato studi e libri su colui che da più parti è accreditato come l’attuale capo di Cosa Nostra. La sua  “inafferrabilità” dura […]

Leggi tutto... 0

RISPOSTA A UN CIALTRONE (Salvo Vitale)

    Riprendo in breve quanto pubblicato sulla pagina facebook “Noi sosteniamo i testimoni di giustizia”, di qualche giorno fa, a proposito dell’arresto di Leonardo Badalamenti e della sua bravata  di rottura del catenaccio di un ex-suo casolare  che una sentenza della Corte d’appello gli aveva restituito. L’articolo, in perfetto stile tipico del  vigliacco, non è firmato.  E’ la seconda volta che, nel giro di un mese qualche persona di questo gruppo, che, secondo il costume dei vigliacchi non ha […]

Leggi tutto... 0

Per Leonardo Badalamenti è finito il “passìo”: Arrestato

trasferimento

  E’ finito il libero “passìo” di Leonardo Badalamenti, il sessantenne figlio di don Tano, che, a quel che si dice, da circa due anni abitava tranquillamente a Castellammare del Golfo, nella casa di sua madre, Teresa Vitale, ormai novantenne. Ad aprirgli le porte del carcere è stata una denuncia da parte del Sindaco di Cinisi Giangiacomo Palazzolo,poiché, nei giorni scorsi, in virtù di una sentenza della Corte d’Assise, che gli restituiva un casolare confiscato a seguito di un errore […]

Leggi tutto... 0

‘A casa è mia e un ci cumanna mancu Ddiu (S.Vitale)

badalamenti-625

La Corte d’Assise ha deciso: il casolare confiscato a Gaetano Badalamenti va restituito al figlio Leonardo STAMPA Dettagli Pubblicato su Antimafia Duemila : 03 Agosto 2020 di Salvo Vitale La vicenda del casolare rivendicato dal Leonardo Badalamenti, figlio di Tano, uno degli ultimi padrini di Cosa nostra, condannato, fra l’altro come mandante dell’omicidio di Peppino Impastato, pone alcune domande e alcune considerazioni: 1) Non si tratta del casolare in cui è stato ucciso Peppino Impastato, ma di una stalla in contrada Uliveto, denominata anche […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook