Carlo Alberto Dalla Chiesa dopo 37 anni

IMG_20190902_0002

  «”Ci sono cose che non si fanno per coraggio. Si fanno per potere continuare a guardare serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli. C’è troppa gente onesta, tanta gente qualunque, che ha fiducia in me. Non posso deluderla. » (Carlo Alberto Dalla Chiesa in  ‘Delitto imperfetto’ di Nando dalla Chiesa, 1984) La vita Intrapresa la carriera militare, dopo l’armistizio  dell’8 settembre 1943 entrò nella Resistenza, operando in clandestinità nelle Marche, dove organizzò i gruppi […]

Leggi tutto... 0

Libero Grassi: grandezza di un esempio

7d94ff270ca07620df57f3c782e4fbe7_L

Sino a tre anni fa ci pensava Pina Maisano, sua moglie, a tenere viva la memoria di Libero Grassi. Adesso tocca a noi. Quest’anno, a parte una veleggiata e un ricordo al Nautoscopio, piazza Capitaneria di Porto, organizzato da Addio Pizzo, con i figli di Libero, niente di più per valutare e ricordare la grandezza di quest’uomo, il primo a sollevare il velo sul mostruoso fenomeno del pizzo, a ribellarsi ai suoi estorsori e a mandarli in galera, a difendere […]

Leggi tutto... 0

La mafia e li parrini……..

chiesa-e-mafia-300x210

La mafia e li parrini si déttiru la manu poviru cittadinu, poviru paisanu La mafia e li parrini,eterna sancisuca Unu jsa la cruci l’autru punta e spara unu minaccia ‘nfernu l’autru la lupara E mafia e parrini si déttiru la manu. Chi semu surdi e muti,rumpemu sti catini Sicilia voli gloria né mafia e né parrini E mafia e parrini si déttiru la manu. E mafia e parrini si déttiru la manu   Pubblicato: 20 Agosto 2019 su Antimafia Duemila di Salvo Vitale Il testo Mafia e Parrini scritto […]

Leggi tutto... 0

In ricordo di Rocco Chinnici

chinnici-rocco-eff-c-ansa

Nacque a Misilmeri  il 19 gennaio 1925 . Il 19 gennaio è anche la data di nascita di Paolo Borsellino.  La sua carriera si svolse interamente tra Palermo e Trapani: in quest’ultima città e nella contigua Partanna fece i suoi primi passi di magistrato, prima di essere trasferito a Palermo, dove divenne capo dell’Ufficio Istruzione. A lui che si devono tre grandi intuizioni che hanno rivoluzionato i metodi e il modo di agire contro la mafia: -La creazione del pool […]

Leggi tutto... 0

Passaggi della relazione semestrale della DIA e la situazione della criminalità mafiosa in Sicilia

260px-Logo_della_Direzione_Investigativa_Antimafia

  Nulla di nuovo Nulla di particolarmente rilevante nella relazione semestrale della DIA sulla situazione della criminalità mafiosa in Italia e, particolarmente nelle regioni del sud.  Nello specifico  diamo un’occhiata alla Sicilia,  alla Provincia di Palermo e al mandamento di Partinico. L’analisi inizia con la mancanza di un capo autorevole, dopo la scomparsa di Totò Riina e dopo il tentativo sventato dalle forze dell’ordine nel dicembre 2018 di ricostituzione della cupola, che avrebbe dovuto essere guidata da Settimo Mineo. I […]

Leggi tutto... 0

Partinico zona grigia: dalla sofisticazione del vino allo spaccio di stupefacenti

partinico (1)

STAMPA di Salvo Vitale La sofisticazione del vino Partinico: 30 mila abitanti, a 15 km dall’aeroporto di Punta Raisi, a 25 da Palermo, a 70 da Trapani. A metà strada tra le due province, con un invaso che garantisce acqua a Palermo e molto meno alle campagne circostanti, per cattiva organizzazione. E comunque l’agricoltura è ancora un settore, oggi in forte crisi, ma che ancora tira. In passato è stato un centro di lotte per l’emancipazione, di battaglie democratiche, ma […]

Leggi tutto... 0

9 MAGGIO  1979: Manifestazione nazionale contro la mafia

Il racconto di quella giornata, che ho vissuto intensamente e alla cui realizzazione ho dato il mio contributo.  La storia non si cancella, ma si scrive, e io sono uno di quelli che l’ha vissuta e l’ha scritta. Purtroppo, chi ha organizzato l’anniversario e il ricordo non ha ritenuto opportuno invitarmi a dare la mia “testimonianza. I motivi mi sfuggono.  9 MAGGIO 1979   Ci abbiamo lavorato sodo. L’idea è quella di ricordare il primo anniversario della morte di Peppino […]

Leggi tutto... 0

Peppino Impastato ce n’è uno solo

Leggo su Globalist l’ennesimo strano accostamento di Antonio Piccirello, il ragazzo di Napoli che ha preso pubblicamente le distanze dalla sua famiglia di camorristi, con la figura di Peppino Impastato. Già qualcosa del genere era stata detta a proposito di Domenico Cimarosa, il nipote di Matteo Messina denaro, che si è dissociato anche lui dal suo “pesante” parente. Nel fare certi paragoni andrei piano: pur apprezzando queste scelte coraggiose, è il caso di puntualizzare che Peppino Impastato, rispetto a loro […]

Leggi tutto... 0

72 anni senza verità. Su Portella della Ginestra, la prima strage di Stato (Pietro Orsatti)

di Pietro Orsatti Sono trascorsi 72 anni dalla strage di Portella Della Ginestra del primo maggio 1947. La prima strage di Stato. Ormai sono trascorsi più di tre anni mezzo da quando venne decretata dal Governo la fine del segreto su quelle carte, ma ancora oggi grana parte di quei documenti non sono fruibili e il resto vengono rilasciati senza alcuna indicizzazione e in formati che ne rendono quasi impossibile la consultazione e l’autenticità. La verità su quella strage è […]

Leggi tutto... 0

30 aprile 1982 – Ricordando Pio La Torre e Rosario Di Salvo

  Oltre che un sindacalista fu  un attento politico comunista.  Era nato  il 24 dicembre 1927 nella frazione di Altarello di Baida del comune di Palermo da una famiglia di contadini molto povera: il  padre palermitano e la madre figlia di un pastore di Muro Lucano (PZ).] Giovanissimo, lottando con i braccianti nella Confederterra era finito in carcere. Nel 1952 era diventato  segretario provinciale della CGIL Palermo e qualche anno prima nel 1949 , frequentando il Partito Comunista aveva conosciuto […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook