Sentenza 50187: a un boss non si può dire che è un “pezzo di merda”. Questione di dignità

di Salvo Vitale Il boss in questione è Mariano Agate, uno dei più grandi mafiosi della provincia di Trapani: è stato capo mandamento di Mazara del Vallo ed è morto nel suo letto il tre aprile 2013 a 73 anni. Sul suo curriculum spiccano diversi ergastoli per una serie di omicidi eccellenti,  come quelli del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto, quello di Falcone, di sua moglie e della sua scorta e quello di Mauro Rostagno. Il suo nome, a partire dagli anni 70 è ricorrente […]

Leggi tutto... 0

Uomini d’onore? Uomini di merda. Il boss ordina di uccidere la figlia

Ecco, tanto per ricordare cos’è la mafia:   La figlia del boss mafioso di Bagheria, Pino Scaduto, arrestato oggi in un’operazione antimafia, avrebbe avuto una relazione con un maresciallo dei carabinieri e per questo il mafioso avrebbe ordinato al figlio di ucciderla. “Tua sorella si è fatta sbirra”, diceva il boss al figlio. Ma il giovane, 30 anni, temeva di finire in carcere. “Io ho 30 anni e non mi consumo per lui”, diceva ad un amico intercettato dai carabinieri. […]

Leggi tutto... 0

Le bugie sul nuovo 41 bis (di Nando Dalla Chiesa)

 17 ottobre 2017 (di Nando Dalla Chiesa, da il Fatto Quotidiano, 13 Ottobre 2017) Ho stima e considerazione del ministro Orlando, con il quale ho anche collaborato sulle mafie al Nord. Ma la libertà di giudizio è irrinunciabile. Specie nei tornanti in cui il vento è a sfavore. La vicenda della “riforma” del 41-bis è una di queste. Alla mafia il carcere non è mai piaciuto, se non come residenza temporanea in cui accumulare potere e prestigio; luogo da cui dare ordini […]

Leggi tutto... 0

Sequestrati beni per tre milioni all’amministratore giudiziario Elio Collovà  

  Gli incarichi Il nome di Elio Collovà è venuto prepotentemente alla ribalta dopo  il  servizio delle Iene trasmesso il 2.4.2017. E’ un amministratore giudiziario con una carriera di tutto rispetto di dottore commercialista, di revisore dei conti, di perito del tribunale sia della Direzione Distrettuale Antimafia  di Palermo, incaricato di consulenze tecniche e di  amministrazioni giudiziarie distribuite tra le procure di Trapani, Palermo, Agrigento, Caltanissetta, Messina e persino Cuneo. E’ considerato un autentico “esperto” delle misure di prevenzione, di […]

Leggi tutto... 0

Nuovo sequestro per i figli di Andrea Impastato (S.V.)

LIVE SICILIA OGGI SCRIVE COME SOTTOTITOLO DELLA NOTIZIA: “LA COLPA DEL PADRE CADE SUI FIGLI”. L’avvocato Andrea dell’Aira, legale degli Impastato, ha rilasciato una dura dichiarazione: “Bisogna fare ricadere sui figli e per sempre le colpa del cognome che portano? Il provvedimento di sequestro ci sorprende. I figli non sono mai stati direttamente coinvolti in nessun processo e il Consiglio di giustizia amministrativa il mese scorso ha accolto il ricorso contro un’interdittiva antimafia della prefettura che aveva colpito la Unicem. […]

Leggi tutto... 0

Erika e lo spaccio in discoteca: 200 euro ogni 5 minuti”

Riprendo questa notizia da Palermo Today perchè offre un quadro preciso e desolante di quel che succede a Palermo in alcuni ambienti della cosiddetta “movida” notturna, di come circolano certi tipi di droga, dell’impressionante flusso di denaro che finisce dalle tasche dei giovincelli in cerca di emozioni a quelle di mafiosi e trafficanti senza scrupoli, e della disinvoltura con cui certe ragazze in cerca di guadagni facili  hanno fatto dello spaccio un lavoro. Questa volta la “roba” arrivava dall’Argentina  I […]

Leggi tutto... 0

Il generale Antonio Subranni e quelle strane visite di natura investigativa

di Franco Di Carlo Seguo il processo che si sta svolgendo a Palermo, il cosiddetto processo Trattativa Stato-mafia, e con interesse ho ascoltato le dichiarazioni spontanee rese dall’imputato generale Antonio Subranni. Non ha perso tempo, il generale, ad attaccare come prima cosa il teste Francesco. Di Carlo, per quanto dichiarato avanti la Corte d’Assise presso la quale si celebra il processo, testimonianza resa il 29 gennaio 2014 ed il 6 marzo successivo. Il nostro generale, ha foga di parlare, e […]

Leggi tutto... 0

Il sequestrato Ferdico e il suo amministratore Miserendino, ovvero quando il re spodestato non ha perso la sua corona

Rimestando nel  calderone dei beni sequestrati e confiscati a mafiosi e sull’allegra gestione che ne ha fatto il suo ex presidente Silvana Saguto, continuano a venir fuori pezzi di un sistema, quello delle misure di prevenzione, che si sperava potesse essere riformato con il nuovo Codice Antimafia, recentemente approvato dal Parlamento, e che invece ha conservato la sua struttura di base, anzi ha esteso i poteri e le caratteristiche, fondate sulla legge del sospetto, ai reati di corruzione, concussione e […]

Leggi tutto... 0

Peppino Impastato e Mauro Rostagno, due storie che s’incontrano

Oggi ricorre il 29° anniversario del barbaro assassinio di Mauro Rostagno. Quasi tutti sembrano essersene dimenticati. Eppure si tratta di uno di quegli uomini che è andato incontro alla morte per rendere migliore la Sicilia. Questo breve saggio è stato pubblicato su Antimafia duemila il 17.5.2014. ed è stato postato su questo blog in quella stessa data. Lo ripropongo, dopo averlo pubblicato nel recente libro “Era di Passaggio”, edito da Navarra Peppino e Mauro: due storie parallele che s’incontrano I […]

Leggi tutto... 0

MOVIMENTO ANTI ANTIMAFIA: CONSIDERAZIONI (M.Mellini)

  Quanto andiamo scrivendo da lungo tempo sul carattere e le pericolose implicazioni e degenerazioni dell’”Antimafia Devozionale” come la chiama Vitiello con ineguagliabile puntualità, sta trovando negli ultimi tempi un consenso e provoca degli sviluppi decisamente impensabili ancora qualche mese fa. Da più parti mi si invita a dar vita ad un “movimento”, a prenderne nientemeno che la direzione. All’acquiescenza imposta ed accettata fino a non molto tempo fa, si direbbe che stia subentrando l’impazienza ed il desiderio di dare […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook