Cinisi 1974/78: Peppino e la questione degli edili (Salvo Vitale)

4618 Mangiata luglio 78 - Copia

Peppino e la questione degli edili a Cinisi: una lettera inquietante AMDuemila   12 Gennaio 2021 La lettera Questa lettera è stata inviata a un compagno di Peppino, del quale viene omesso il nome. Dal timbro postale non è leggibile la data e, per quanto Peppino si sia occupato del problema soprattutto tra il 74 e il 75, il riferimento al “Circolo” lascia pensare che sia stata scritta nel periodo del Circolo Musica e Cultura, cioè nel 1977. Si noti che, […]

Leggi tutto... 0

Giuseppe Di Matteo, “u canuzzu”  

x5652902_0730_giuseppe_di_matteo_combo.jpg.pagespeed.ic.3vxt_jwFr-

  Oggi è il 25° anniversario della morte di Giuseppe Di Matteo, ucciso l’11 gennaio 1996. Oggi avrebbe 39 anni. Giuseppe Di Matteo fu rapito il pomeriggio del 23 novembre 1993 a quasi 13 anni su ordine di Giovanni Brusca, boss di San Giuseppe Jato. I sequestratori si travestirono da poliziotti della DIA invitando il ragazzo a seguirli, e facendogli credere che doveva  rivedere il padre, allora sotto protezione. Dice Spatuzza: “Agli occhi del ragazzo siamo apparsi degli angeli, ma […]

Leggi tutto... 0

5 gennaio per Giuseppe Fava e Peppino Impastato, passando per Danilo Dolci (Salvo Vitale)

IMG_20210105_0001

  Due persone con una diversa storia alle spalle, ma con molti punti in comune: entrambi vengono ricordati come “giornalisti” uccisi dalla mafia: per la verità Fava era un “professionista” del giornalismo, Peppino, malgrado qualche rara corrispondenza a “Lotta continua” aveva dedicato la sua attenzione all’informazione orale attraverso Radio Aut. Solo nel 1996 gli sarà concessa., alla memoria, l’iscrizione all’albo dei giornalisti.   Entrambi avevano identificato nei grandi mafiosi della loro zona, da una parte Nitto Santapaola, dall’altra Tano Badalamenti, i […]

Leggi tutto... 0

Rostagno: dopo 34 anni giustizia non è fatta (Rino Giacalone)

rostagno-mauro-820-tratta-da-ilfattoquotidiano

Omicidio Mauro Rostagno, la Cassazione condanna Virga e assolve Mazzara Rino Giacalone 27 Novembre 2020 E’ di poco fa la pronuncia della Cassazione che chiude definitivamente il processo per il delitto di Mauro Rostagno. Respingendo la richiesta del pg che aveva chiesto di rimandare al giudizio di appello il conclamato killer della mafia trapanese Vito Mazzara, annullando quindi l’assoluzione, i giudici hanno confermato per intero la sentenza di secondo grado. Un solo condannato quindi, il già riconosciuto capo della mafia trapanese Vincenzo Virga. […]

Leggi tutto... 0

Sentenza Saguto: Chi la fa l’aspetti: le condanne in soldoni  

    I giornali non hanno fatto molto caso alle sanzioni economiche comminate dal tribunale di Caltanissetta, in primo grado, a tutta la “banda Saguto”. Si tratta di somme stratosferiche, alle quali è seguito anche il sequestro dei beni e una provvisionale, concessa dal tribunale alle parti lese. La sentenza circostanzia le somme:   Al Ministero degli Interni: Silvana Saguto per vari capi d’imputazione, un totale di E. 126.206 Cappellano Seminara E. 115.706 Nicola Santangelo E. 132.800 Lorenzo Caramma E.108.556 […]

Leggi tutto... 0

Uno sguardo in Abruzzo: il virus non ferma la criminalità (Alessio Di Florio)

trasferimento

Abruzzo. Sistemi criminali e mafiosi, violenze. Realtà sottaciute che non devono poter avanzare con le nuove restrizioni contro la pandemia Con le nuove disposizioni per fronteggiare la seconda ondata della pandemia sarebbe vergognoso e sconcertante se una «minoranza a cui non va neanche riconosciuta una dignità» la possibilità di rafforzarsi di nuovo e continuare sfrenata e senza nessun rispetto dell’emergenza e delle minime regole civili e sociali. La continua emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 e l’arrivo della «seconda ondata» della […]

Leggi tutto... 0

Vandalizzato a Riace il murale di Peppino Impastato

affresco_1200-690x362

    A Riace alcuni balordi sembrano avercela proprio con Peppino Impastato. Nel paese di Mimmo Lucano, già “modello d’accoglienza”,  è stata votata, ma guarda un po’, un’amministrazione comunale leghista  che, tra le sue prime cose, come se non ci fosse altro da fare, fece rimuovere un cartellone su Peppino Impastato, quasi si trattasse di una cosa pornografica o di un oltraggio al paese. Adesso, i soliti guerrierini , nella notte del 30 ottobre hanno eroicamente coperto con vernice bianca […]

Leggi tutto... 0

Caso Saguto:  E venne il giorno del giudizio  (Salvo Vitale)

L'ex presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo Silvana Saguto depone nel processo che la vede imputata davanti al Tribunale di Caltanissetta per presunte irregolarità nella gestione dell'ufficio, 20 febbraio 2019.
ANSA

    Il   caso   è   scoppiato   cinque   anni   fa.   Ci   sono   voluti   tre   anni   di   processo,   sono   stati ascoltati quasi un centinaio di testimoni in un centinaio di udienze e alla fine oggi dovrebbe arrivare la sentenza nei confronti di Silvana Saguto e di tutta la sua cricca che   nel   passato   decennio,   e   anche   prima   è   stata   la   signora   assoluta   dell’Ufficio misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, dando vita a quello che i giudici di Caltanissetta hanno definito   “un […]

Leggi tutto... 0

Il coraggio e la sensibilità (della mafia) (Alessio Pracanica)

vignetta-fogliazza

In Sicilia abbiamo tutto. Ci manca il resto. (Pino Caruso – Ho dei pensieri che non condivido) Altro giro, altro regalo. In Sicilia non ci facciamo mancare niente. Come diceva il grande Pino Caruso, abbiamo tutto. O meglio, abbiamo di tutto. L’ultima perla dall’ostrica l’ha estratta l’ex senatrice leghista (ed ex vicesindaco di Lampedusa) Angela Maraventano, in quel di Catania. L’ambientazione è il raduno della creme leghista, accorsa in difesa del ruspante Capitano, perseguitato dalla solita, bieca magistratura politicizzata. Una volta salita sul palco, […]

Leggi tutto... 0

Peppino e Mauro: due storie parallele che s’incontrano (Salvo Vitale)

Peppino e Mauro

  I depistaggi 26 anni per Mauro, 22 per Peppino: alla fine la sentenza è arrivata. Un tempo inumano per chi aspetta giustizia. Due depistaggi delle indagini attraverso tortuosi sentieri e fervide immaginazioni, per nascondere due delitti di mafia: per Peppino le assurde piste dell’attentato terroristico, magari con l’aiuto dei suoi compagni, tra i quali avrebbe potuto nascondersi anche un complice o  l’assassino, oppure un suicidio eclatante, per Mauro “l’omicidio in famiglia”, maturato all’interno della comunità Saman, l’immaginata tresca tra […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook