Processo a Pino Maniaci: le accuse, il processo, la sentenza

pino bavaglio 5

  Dopo cinque anni la sentenza contro Pino Maniaci: assolto per le estorsioni, condannato a un anno e cinque mesi per le diffamazioni.   Sono passati quasi cinque anni da quando, alle tre di notte del 4 maggio 2016, due capitani dei carabinieri bussano alla sede di telejato per notificare a Pino Maniaci un decreto di  divieto di soggiorno nelle province di Palermo e Trapani. Maniaci è il direttore e proprietario di Telejato, una piccola emittente che trasmette da Partinico, […]

Leggi tutto... 0

Per le vittime di mafia ( e per tutte le altre vittime)

IMG_20210321_0003

Ad oggi sono morte per mano mafiosa 1002 persone. Il primo omicidio di mafia riconosciuto in quanto tale in Italia è stato quello di Giuseppe Montalbano, medico e patriota che aveva partecipato anche all’impresa dei Mille con Garibaldi, ucciso il 3 marzo 1861 a Santa Margherita di Belice, in provincia di Agrigento. L’ultima vittima invece è Francesco Vangeli, giovane di 26 anni calabrese ucciso dalla ‘ndrangheta il 9 ottobre 2018. Di queste 1002, 96 sono donne e 112 sono minori (di […]

Leggi tutto... 0

Placido Rizzotto e la mafia corleonese (Giuseppe Casarrubea)

IMG_20210310_0002

 Il 10 marzo 1948 veniva ucciso da Luciano Liggio e dai suoi sicari, Placido Rizzotto. In questo breve saggio il compianto storico partinicese Giuseppe Casarrubea ricostruisce, con la sua capacità radiografica, la figura e l’opera del sindacalista di Corleone e quella delle cosche mafiose che alcuni anni dopo avrebbero preso in mano le redini di Cosa Nostra in Sicilia.  I quadri nel link di copertina sono di Gaetano Porcasi.(S.V.) Il quadro generale Una ragione di fondo giustifica e rende attuale, […]

Leggi tutto... 0

Beni sequestrati, confiscati, spolpati, liquidati in un’inchiesta della Commissione Regionale Antimafia (Salvo Vitale)

Claudio Fava_n

La Commissione Regionale Antimafia alza il velo sui beni confiscati… e subito c’è chi si ribella Salvo Vitale 28 Febbraio 2021 C’è voluto un po’ di tempo, ma alla fine il nodo è venuto al pettine. Per la verità a Telejato se ne sono occupati sin dal 2013, cioè già da otto anni, mettendo in vetrina la criminale gestione dei beni sequestrati fatta dall’ufficio misure di prevenzione di Palermo, allora in mano a Silvana Saguto e a tutto il suo cerchio magico fatto di […]

Leggi tutto... 0

Cinisi 1974/78: Peppino e la questione degli edili (Salvo Vitale)

4618 Mangiata luglio 78 - Copia

Peppino e la questione degli edili a Cinisi: una lettera inquietante AMDuemila   12 Gennaio 2021 La lettera Questa lettera è stata inviata a un compagno di Peppino, del quale viene omesso il nome. Dal timbro postale non è leggibile la data e, per quanto Peppino si sia occupato del problema soprattutto tra il 74 e il 75, il riferimento al “Circolo” lascia pensare che sia stata scritta nel periodo del Circolo Musica e Cultura, cioè nel 1977. Si noti che, […]

Leggi tutto... 0

Giuseppe Di Matteo, “u canuzzu”  

x5652902_0730_giuseppe_di_matteo_combo.jpg.pagespeed.ic.3vxt_jwFr-

  Oggi è il 25° anniversario della morte di Giuseppe Di Matteo, ucciso l’11 gennaio 1996. Oggi avrebbe 39 anni. Giuseppe Di Matteo fu rapito il pomeriggio del 23 novembre 1993 a quasi 13 anni su ordine di Giovanni Brusca, boss di San Giuseppe Jato. I sequestratori si travestirono da poliziotti della DIA invitando il ragazzo a seguirli, e facendogli credere che doveva  rivedere il padre, allora sotto protezione. Dice Spatuzza: “Agli occhi del ragazzo siamo apparsi degli angeli, ma […]

Leggi tutto... 0

5 gennaio per Giuseppe Fava e Peppino Impastato, passando per Danilo Dolci (Salvo Vitale)

IMG_20210105_0001

  Due persone con una diversa storia alle spalle, ma con molti punti in comune: entrambi vengono ricordati come “giornalisti” uccisi dalla mafia: per la verità Fava era un “professionista” del giornalismo, Peppino, malgrado qualche rara corrispondenza a “Lotta continua” aveva dedicato la sua attenzione all’informazione orale attraverso Radio Aut. Solo nel 1996 gli sarà concessa., alla memoria, l’iscrizione all’albo dei giornalisti.   Entrambi avevano identificato nei grandi mafiosi della loro zona, da una parte Nitto Santapaola, dall’altra Tano Badalamenti, i […]

Leggi tutto... 0

Rostagno: dopo 34 anni giustizia non è fatta (Rino Giacalone)

rostagno-mauro-820-tratta-da-ilfattoquotidiano

Omicidio Mauro Rostagno, la Cassazione condanna Virga e assolve Mazzara Rino Giacalone 27 Novembre 2020 E’ di poco fa la pronuncia della Cassazione che chiude definitivamente il processo per il delitto di Mauro Rostagno. Respingendo la richiesta del pg che aveva chiesto di rimandare al giudizio di appello il conclamato killer della mafia trapanese Vito Mazzara, annullando quindi l’assoluzione, i giudici hanno confermato per intero la sentenza di secondo grado. Un solo condannato quindi, il già riconosciuto capo della mafia trapanese Vincenzo Virga. […]

Leggi tutto... 0

Sentenza Saguto: Chi la fa l’aspetti: le condanne in soldoni  

    I giornali non hanno fatto molto caso alle sanzioni economiche comminate dal tribunale di Caltanissetta, in primo grado, a tutta la “banda Saguto”. Si tratta di somme stratosferiche, alle quali è seguito anche il sequestro dei beni e una provvisionale, concessa dal tribunale alle parti lese. La sentenza circostanzia le somme:   Al Ministero degli Interni: Silvana Saguto per vari capi d’imputazione, un totale di E. 126.206 Cappellano Seminara E. 115.706 Nicola Santangelo E. 132.800 Lorenzo Caramma E.108.556 […]

Leggi tutto... 0

Uno sguardo in Abruzzo: il virus non ferma la criminalità (Alessio Di Florio)

trasferimento

Abruzzo. Sistemi criminali e mafiosi, violenze. Realtà sottaciute che non devono poter avanzare con le nuove restrizioni contro la pandemia Con le nuove disposizioni per fronteggiare la seconda ondata della pandemia sarebbe vergognoso e sconcertante se una «minoranza a cui non va neanche riconosciuta una dignità» la possibilità di rafforzarsi di nuovo e continuare sfrenata e senza nessun rispetto dell’emergenza e delle minime regole civili e sociali. La continua emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 e l’arrivo della «seconda ondata» della […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook