GLI SCIACALLI PROVANO AD USARE PEPPINO DICHIARANDO CHE QUALCUNO ABBIA SOTTRATTO IL SUO CADAVERE  (Salvo Vitale)

Magistrato

    Il 5-7-2020  alle ore 18:15 sul sito “ Noi sosteniamo i Testimoni di Giustizia” è comparso questo articolo che ripropongo per intero, affinchè chi legga si possa rendere conto sino a che punto possono  arrivare la disinformazione, il fanatismo, l’infamia e lo sciacallaggio. “LA PARTITA TRUCCATA SULLE MISURE DI PREVENZIONE E LA SOTTRAZIONE DEL CADAVERE DI PEPPINO IMPASTATO Osservava Danilo Dolci che “l’informazione sui fatti essenziali è assolutamente insufficiente, frammentaria, e per i fatti prospettici, proveniente soprattutto dal […]

Leggi tutto... 0

Italgas: chiesto un compenso di 120 milioni per un anno di amministrazione giudiziaria. E minchia!!!!!

Sede_Italgas_Torino

STAMPA di Salvo Vitale La scandalosa notizia della richiesta di 120 milioni di compenso, per un anno di amministrazione giudiziaria dell’Italgas, avanzata da parte di quattro “esperti” nominati da a suo tempo dal collegio che decideva le misure di prevenzione, composto da Silvana Saguto e dai suoi collaboratori Fabio Licata e Lorenzo Chiaramonte, è l’ennesima conferma di quanto avrebbe bisogno di essere rivista la legge che dà in mano a un giudice il potere di sequestrare preventivamente, lasciando a successivi accertamenti, a carico del “preposto”, […]

Leggi tutto... 0

Tre mesi di proroga anche per i mafiosi

Cura-Italia-696x355

  Prorogato con il decreto “Cura Italia”, da 90 a 180 giorni il tempo riservato al prefetto per la sospensione dei Consigli comunali e provinciali e per la nomina di un commissario prefettizio: uguale proroga per lo scioglimento dei consigli comunali e provinciali a seguito di fenomeni di infiltrazione mafiosa (articolo 143, comma 4); da 45 a 135 giorni il termine entro il quale, dal deposito delle conclusioni della commissione d’indagine, il prefetto invia al Ministro dell’Interno la relazione con […]

Leggi tutto... 0

Beni per 30 milioni di euro sequestrati a Giovanni Pilo, imprenditore vicino a Cosa nostra

Dia-e1531904089150

  La DIA di Palermo ha eseguito un decreto di sequestro nei confronti di Giovanni Pilo, 83enne, imprenditore edile palermitano residente a Guidonia Montecelio (Rm). Il provvedimento è stato emesso dalla Prima Sezione Penale e Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, presieduta dal dott. Raffaele Malizia, su proposta del Direttore della DIA, Generale Giuseppe Governale, d’intesa con il PM dott. Dario Scaletta, dell’Ufficio Misure di Prevenzione, coordinato dal Procuratore Aggiunto dott.ssa Marzia Sabella. Giovanni Pilo, nel 1976 e nel […]

Leggi tutto... 0

I VALORI DELLA NONNA E LA MAFIA DI UNA VOLTA (Alessio Pracanica)

IMG_20190405_0002

  Non so se avete presente. Quei tempi in cui si mangiava carne con la porta aperta e si dormiva una volta alla settimana. O qualcosa del genere. Però i treni arrivavano in orario. Magari vi diranno che c’era la fame. Che i tassi di analfabetismo e mortalità infantile erano da paese del Terzo Mondo. Addirittura che non c’era libertà. Le solite mene degli intellettualoidi. Mia nonna ha sempre detto che si stava bene. Una pacchia. E se lo diceva […]

Leggi tutto... 0

La mafia uccide di maggio (Salvo Vitale)

LUOGO SULLA LINEA FERROVIARIA PALERMO-TRAPANI DOVE PEPPINO IMPASTATO VENNE FATTO ESPLODERE CON UNA CARICA DI TRITOLO DOPO ESSERE STATO MASSACRATO DAi MAFIOSI IN UN VICINO CASOLARE.

© MAFEBA/AGF

La mafia uccide di maggio La mafia, si sa, non uccide solo d’estate né solo a maggio, ma proprio il mese di maggio è quello che sembra  scatenare  gli istinti assassini e le pulsioni omicide di alcuni mascalzoni che credono di possedere il “divino” potere di disporre della vita degli altri e di usare il delitto come “pena di morte” per risolvere radicalmente problemi e ostacoli che si frappongono al raggiungimento di obiettivi di potere e di controllo degli ambienti in […]

Leggi tutto... 0

Per Falcone

Falcone e scorta

  da leggersi il giorno prima dell’anniversario della sua morte     Non li voglio vedere!!! Stanno preparando il vestito buono per la festa. Passeranno la notte a lustrarsi le piume. E domani, l’uno dopo l’altro, con una faccia che definire di bronzo è un eufemismo, correranno da una parte all’altra della penisola cercando i riflettori della tivvù, il microfono dei giornalisti, per inondarci di vomitevole retorica in ogni angolo della rete; loro, tutti loro, gli assassini di Giovanni Falcone, […]

Leggi tutto... 0

Pax et solitudo (Alessio Pracanica)

donna coperta dal mare

STAM di Alessio Pracanica “Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant Dove creano il deserto, gli danno il nome di pace”. (Vita e costumi di Giulio Agricola – Publio Cornelio Tacito) Così scrive Tacito, a proposito della tanto decantata Pax Romana. Ragionamento che potrebbe valere anche per altre forme di pace apparente. Come l’altrettanto desertificante, ma spesso sottostimata pax mafiosa. Fenomeno mimetico, che agli occhi di chi se ne lascia accecare diventa effetto ottico, miraggio di falso movimento, come in ogni deserto […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Turiddu Carnevale nel 65° della sua morte

Turiddu Carnevale

  Salvatore Carnevale, detto Turiddu è uno degli ultimi sindacalisti uccisi dalla mafia, dopo la mattanza degli anni 1946-48.  Fu assassinato il 16.5.1955 a Sciara, un paese delle Madonie, all’età di 32 anni. Aveva dato fastidio ai proprietari terrieri locali, difendendo i diritti dei braccianti agricoli. Nel 1951 fondò la sezione del P.S.I, organizzando la locale Camera del lavoro e portando avanti le lotte contadine con l’occupazione simbolica, qualche anno dopo, delle terre di contrada Giardinaccio, di proprietà della baronessa […]

Leggi tutto... 0

Quello che Peppino ci ha lasciato

Copertina Intorno a P.

STAMP di Salvo Vitale Da più parti viene posta la domanda: “Cos’è rimasto dell’eredità di Peppino?” La risposta non è facile. Va riscontrato che in Sicilia i mutamenti sono lentissimi per tutta una serie di ragioni storiche. Nel caso di Peppino dobbiamo valutare che cosa è rimasto nel suo paese, Cinisi e che cosa invece è maturato fuori, nel resto d’Italia. A Cinisi formalmente c’è la cosiddetta via del mare che è intestata a lui, idem dicasi per l’aula consiliare. […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook