Punta Raisi: Storia di un aeroporto sbagliato (Salvo Vitale)

64 59 Donna che bussa al Comune File0009

LA PRIMA PISTA Comincia nel 1953, data di fondazione della società Consorzio Autonomo per l’Aeroporto di Palermo, costituito per individuare un sito, onde sostituire l’allora scalo cittadino, l’aeroporto di Boccadifalco, non più in grado di soddisfare alle richieste e alle esigenze di traffico aereo nazionale e internazionale  e destinato ad aeroporto militare. E’ il periodo (1953-55) in cui al Ministero dei Trasporti c’è Bernardo Mattarella, , che, col ministero dei Trasporti avrà sempre un legame privilegiato, essendo stato anche componente […]

Leggi tutto... 0

Come nacque Radio Aut (S.V.)

147-300x171

  Un articolo In un numero di Radio Sud, domenica 17 giugno 2012, con la scritta: “Se una radio è libera veramente – piace anche di più perché libera la mente”, Rosario Quagliana, uno degli animatori della Radio scrive: “Verso la fine del 76 Radio Kasbah fu concepita una sera d’ottobre da un gruppo di compagni del  liceo scientifico. Il trasmettitore era stato procurato nel giro di qualche giorno, non abbiamo mai indagato sulla provenienza, costato poche lire, era da […]

Leggi tutto... 0

La Saguto va in carcere, però è malata…..(S.V.)

Silvana-Saguto

  L’Italia è la patria del diritto, le leggi italiane reggono un sistema penale che qualche stato ci invidia, qualche altro pensa che i nostri codici siano ancora siano intrisi di fascismo. Il problema nel nostro caso riguarda sempre lei, la “zza Silvana”, quella che una volta il Procuratore Caselli definì “la donna più potente di Palermo. Altro che Totò Reina! Ieri  era stata diffusa sui social la notizia che la Corte di Cassazione, alla quale la Saguto aveva fatto […]

Leggi tutto... 0

Il processo Saguto torna a Caltanissetta: bisogna effettuare saldi e sconti di pena. (S.V.)

Copia-di-copertina-1

    Il processo conclusosi  il 28 ottobre 2020, cioè tre anni fa, con  una storica sentenza di condanna della “banda Saguto” sembrava aver messo una pietra miliare nella storia della magistratura, in particolare di quella siciliana. Per la prima volta erano stati messi in discussione uomini, metodi, incarichi, onorari, affidamenti di consulenze, dell’ufficio misure di prevenzione di Palermo. E il tutto era partito da una piccola televisione di Partinico che aveva avuto il coraggio di entrare nell’operato della giudice […]

Leggi tutto... 0

Rocco Chinnici: memoria di un magistrato (Salvo Vitale)

Chinnici

Ricordando Rocco Chinnici….. Le sue indagini sul delitto di Peppino Impastato   Il 19 gennaio 1925 nacque Rocco Chinnici. Oggi compirebbe 98 anni. Ma il 19 gennaio è anche la data di nascita di Paolo Borsellino.  Su Borsellino è stato detto molto, su Chinnici un po’ meno.  La sua carriera si svolse interamente tra Palermo e Trapani: in quest’ultima città e nella contigua Partanna fece i suoi primi passi di magistrato, prima di essere trasferito a Palermo, dove divenne capo […]

Leggi tutto... 0

Rita Atria? Non ricordo….  

images

    Non fa una grinza la definizione di “settima vittima di via D’Amelio” che fa da sottotitolo all’interessante libro di Cucè-Furnari-Proto pubblicato lo scorso anno. In realtà, a essere precisi non è una vittima di via d’Amelio, ma la sua morte trova la causa in quella strage e, a seguito di  una certa strana assonanza, è accaduta in Viale Amelia a Roma. Quella che Borsellino amava chiamare “ a Picciridda”, non aveva ancora 11 anni quando le uccisero il […]

Leggi tutto... 0

L’uomo che prese a pugni Gaetano Badalamenti

Nunzio Tocco 97 anni

E’ morto all’età di 97 anni Nunzio Tocco. L’episodio per il quale a Terrasini tutti lo guardavano con rispetto, avvenne verso la metà degli anni ’40 , quando il boss Gaetano Badalamenti era ancora agli inizi della sua carriera e si dedicava al suo lavoro di vaccaro.  Un giorno, mentre si trovavano a lavorare in campagna,  Tano si mise a  prendere in giro il cognato di Tocco, Giovanni Vitale, un uomo di bassa statura e all’apparenza fragile. Badalamenti lo sfotteva […]

Leggi tutto... 0

Amministratore giudiziario, con i soldi dei boss aveva realizzato una propria azienda

images

  Difficile ricostruire il momento in cui a Ruggero Rizzuto venne affidato l’incarico di amministratore giudiziario dei beni prima sequestrati e nel 2012 definitivamente confiscati,  ai boss Rosario Spatola e Salvatore Inzerillo, uccisi nel 1981 dalla banda dei Corleonesi di Totò Riina. Di fatto Rizzuto è in azione nel 2005 e sino al 2008  usa i due conti correnti sequestrati ai due boss come una sorta di bancomat personale, prelevando somme consistenti, sino a 621.487, senza l’ autorizzazione del competente […]

Leggi tutto... 0

una ferita all’antimafia vera: La lettera di alcuni docenti su Repubblica Palermo del 26/05/2023

Immagine WhatsApp 2023-05-21 ore 22.43.00

Il 23 maggio 2023 a Palermo, forse per la prima volta nella storia delle manifestazioni antimafia, ad un gruppo di cittadini, tra cui molti studenti e studentesse della scuola secondaria superiore e dell’Università, sindacalisti, membri di varie associazioni del terzo settore, comuni cittadini e cittadine non è stato consentito di esprimere liberamente, così come previsto dal primo comma dell’art. 21 della Costituzione, il loro punto di vista in merito al pericolo di infiltrazioni mafiose in luoghi decisionali del nostro Paese […]

Leggi tutto... 0

23 MAGGIO: CORTEO DEGLI GLI STUDENTI DI PALERMO

Immagine WhatsApp 2023-05-21 ore 22.43.00

      Il 23 maggio, in occasione del 31° anniversario della strage di Capaci, associazioni, comitati studenteschi, sindacati e tante altre realtà sociali, scenderanno per le strade di Palermo con un corteo popolare – che partirà alle ore 15:30 dalla Facoltà di Giurisprudenza – per dire “Basta!”. Basta alle passerelle e alle commemorazioni ipocrite dei martiri di questo Paese, basta al silenzio di Stato sulle stragi e gli omicidi che hanno segnato la nostra storia, basta a una narrazione […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook