Rivoluzionari 2019 (Massimiliano Perna)

Bandiera, donna e Che_n

Sentiamo tante volte parlare di rivoluzione. Ma rimaniamo fermi nelle nostre vite. Ci chiudiamo in quel che ci fa stare bene, o almeno che ci fa stare meglio o meno peggio. Semplicemente quello che ci fa stare al sicuro, circondati dalle cose che conosciamo, le piccole cose delle nostre esistenze. Ci teniamo a bada, ci costruiamo le nostre strade e lo facciamo fidandoci di poche persone. Troppo poche, sì. Perché a volte non ce ne rendiamo conto, ma abbiamo perso […]

Leggi tutto... 0

I rivoluzionari del 2019 (Massimiliano Perna)

Bandiera, donna e Che_n

Sentiamo tante volte parlare di rivoluzione. Ma rimaniamo fermi nelle nostre vite. Ci chiudiamo in quel che ci fa stare bene, o almeno che ci fa stare meglio o meno peggio. Semplicemente quello che ci fa stare al sicuro, circondati dalle cose che conosciamo, le piccole cose delle nostre esistenze. Ci teniamo a bada, ci costruiamo le nostre strade e lo facciamo fidandoci di poche persone. Troppo poche, sì. Perché a volte non ce ne rendiamo conto, ma abbiamo perso […]

Leggi tutto... 0

La mafia e li parrini……..

chiesa-e-mafia-300x210

La mafia e li parrini si déttiru la manu poviru cittadinu, poviru paisanu La mafia e li parrini,eterna sancisuca Unu jsa la cruci l’autru punta e spara unu minaccia ‘nfernu l’autru la lupara E mafia e parrini si déttiru la manu. Chi semu surdi e muti,rumpemu sti catini Sicilia voli gloria né mafia e né parrini E mafia e parrini si déttiru la manu. E mafia e parrini si déttiru la manu   Pubblicato: 20 Agosto 2019 su Antimafia Duemila di Salvo Vitale Il testo Mafia e Parrini scritto […]

Leggi tutto... 0

Platone, il mito della caverna e il rifiuto della  conoscenza

a23b26b6e1adf4ce4ba17b509a2f3858

Il mito è una narrazione fantastica dietro cui ci sono precisi riferimenti e significati. I miti platonici vanno oltre la struttura fantastica e configurano una simbologia, spesso una semplificazione esplicativa, densa di riscontri. Il più affascinante di questi miti è quello della caverna, che da sempre è stato considerato un quadro preciso della condizione dell’umanità, un atto di denuncia nei confronti di chi non sa usare il proprio cervello o appiattisce la propria vita in una prigione di luoghi comuni […]

Leggi tutto... 0

Burocra-zia

piueconomia-burocrazia

  Buro-crazia spesso diventa burocra-nonna per i tempi che portano alla vecchiaia, prima che si risolva un problema.  Lo schifo che la caratterizza, la puzza che essa promana, l’oscenità che la pervade, ci fanno stare lontano, almeno fino a quando è possibile, perché prima o poi bisogna farci i conti. Ed è come il filo di una matassa che, piano piano, avvolge il cittadino, lo stritola, ne succhia ogni possibilità di decisione autonoma. Tutto ruota attorno alla gestione spregiudicata e […]

Leggi tutto... 0

IL PERCORSO DI UNA SOCIETÀ INTERCULTURALE (Piccini-Ginesi)

trasferimento

    Soltanto una lettura laica della storia dà la possibilità di aprire un percorso per giungere a quel pluralismo indispensabile nelle nostre società e arrestare il tentativo da parte del sistema di imporre una monocultura universale. Un approccio laico di ogni problematica impedisce di chiudersi all’interno del proprio pensiero e visione del mondo e apre a spazi di idee e interpretazioni diverse. Si mette così a disposizione la propria lettura della storia perché ne venga utilizzato quanto può esser […]

Leggi tutto... 0

U  spitali ( con una poesia di Gaspare Cucinella)

E’ vero che negli ultimi dieci anni, dal 2010 al 2019, sono stati sottratti alla Sanità pubblica 28 miliardi, come si legge nel quarto Rapporto della Fondazione Gimbe sulla Sostenibilità dell’Ssn, presentato oggi in Senato. E’ vero che la sanità pubblica sta cadendo a pezzi e che la tendenza ormai dichiarata è quella di dirottare i malati presso le strutture private a pagamento. Ma le condizioni in cui sono tenuti i pronto-soccorsi di tutti gli ospedali siciliani, non si riscontrano […]

Leggi tutto... 0

La generazione svanita

safe_image

  La colpa è nostra o meglio della generazione dei nostri genitori, che ci stanno cannibalizzando. Tutto è cominciato con la maleducazione, “siamo in democrazia e fumo dove cazzo mi pare…” “questo è un paese libero e butto la cicca della sigaretta dove voglio…” Siamo tutti cresciuti con il mito del “che” guevara, la maglietta rossa con la sua foto (per realizzarla il fotografo ne scattò più di 400), o quella di Jim Morrison, di Eminem, di Kurt Cobain e […]

Leggi tutto... 0

Tipologia dell’italiano medio  

Poca cultura. Poca immaginazione. Una personalità mediocre e non realizzata. Una incredibile limitatezza interiore. Una mancanza di responsabilità personale. Immaturità. Pochezza di sentimento e di vita. Incapacità di relazionarsi con sincerità con l’altro, di capire le ragioni dell’altro, di sentire la sofferenza dell’altro. L’altro esiste solo in funzione dell’utile che può arrecare.  E intorno un ambiente che aizza all’odio indistinto, per gruppi, per categorie. Che instilla un’abitudine ad aggredire anche ideologicamente chi è diverso, senza lasciarsi sfiorare dall’idea che l’altro […]

Leggi tutto... 0

La subcultura dilagante e il ritorno del medioevo

  Gli elementi della subcultura che hanno avuto inizio con il berlusconismo, che non ne è stato la sola causa,  sono stati lentamente assorbiti , soprattutto a livello inconscio, al punto che ormai chi li  crede autentici, crede che siano il proprio modo di pensare e di essere: è emerso un razzismo cattivo e selvaggio, teso alla criminalizzazione di tutto ciò che non è italiano, con annessi fanatismi e incredibili forme di odio e di selvaggia repressione, verso chi ha […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook