GIUSEPPE LONGO , un grande poeta partinicese dimenticato

Longo.

  Nato a Partinico il 4.11.1881 e deceduto nel 1942. Poche persone, a Partinico, hanno sentito parlare di Giuseppe Longo, pochissime hanno letto qualcuno dei suoi versi. Eppure si tratta di un poeta apprezzato dai critici letterari suoi contemporanei e stimato al punto che il suo ritratto sta nella Galleria degli Uomini Illustri Siciliani. Difficile dare una spiegazione di tanto oblio: è probabile che, nei suoi confronti, sia stata operata una rimozione dovuta al fatto che si trattava di un […]

Leggi tutto... 0

Nei giorni del Maestrale

DSCN4759

(una mia rielaborazione in versi di un post di Daniele Billitteri su facebook del 19.5.2021)   NEI GIORNI DEL MAESTRALE   Giornata fresca, arriva il  vento di Maestrale che muove il mare e i cuori. Sarà una bella giornata, l’alta pressione è una trapunta leggera e protettiva. Nuvole poche e qualche velatura. Pensieri ventosi. Nei giorni del Maestrale l’aria si pulisce, la giornata è come una giovane sposa vestita di una tunica azzurra. Nei giorni del Maestrale, le rondini portano […]

Leggi tutto... 0

Stefano Venuti: un siciliano, un comunista, un artista (S.Vitale)

15509807

  30 Gennaio 2021 Un libro con le sue “quasi” poesie Esce postumo un libro con le poesie di Stefano Venuti. Lo ha curato chi scrive e lo ha pubblicato l’editore Billeci, la cui piccola casa editrice di Borgetto si occupa di valorizzare gli scrittori locali. Buona parte di questo articolo riporta la nota introduttiva. Stefano e Peppino Il libro è un doveroso omaggio a una straordinaria figura di poeta, artista, uomo politico di Cinisi. Malgrado la sua lunga vita, […]

Leggi tutto... 0

John Lennon oggi avrebbe 80 anni

140827-john-lennon-1538_63f8e4ade115da72ea383859d6ba2730

L’8 dicembre 1980 uno stronzo, invidioso del suo successo,  metteva fine alla vita di uno dei più grandi musicisti contemporanei. Aveva 40 anni e già ci aveva regalato immortali capolavori. Oggi ne avrebbe 80 e si può solo “immaginare”” cosa avrebbe ancora potuto darci, non solo come artista, ma come uomo impegnato nella lotta a tutte le distorsioni della civiltà contemporanea. Il testo dell’immortale “Imagine” andrebbe scritto in cielo e appeso in ogni porta perché tutti potessero leggerlo e viverlo: […]

Leggi tutto... 0

RICORDO DI CESARE PAVESE a settant’anni dalla sua morte (S.Vitale)

Pavese_

  Cesare Pavese è definito da Wikipedia, ove ce ne fosse bisogno,  uno dei maggiori intellettuali italiani del XX secolo, ma l’anniversario della sua morte sembra essere stato da tutti ignorato. Forse perché intellettuali in grado di leggere, amare, vivere le cose scritte da Cesare Pavese, in Italia ne sono rimasti ben pochi. In giro si vedono solo intellettuali della propria ignoranza. Pavese si suicidò Il 27 agosto 1950 a Torino in una camera d’albergo a Torino ingoiando dieci bustine […]

Leggi tutto... 0

Sempre con noi: Ricordo di un compagno: Gaspare Cucinella

Gaspare 2003 127

Questo ricordo di Gaspare è riportato nel recente libro di Salvo Vitale “Intorno a Peppino” (Di Girolamo)      E’ morto a novant’anni, lasciandomi buona parte delle sue poesie, delle quali era riuscito a pubblicare solo un libretto, senza grande fortuna. Negli ultimi tempi si lamentava di essere stato dimenticato da tutti, specialmente dai compagni di Peppino. E’ stato uno dei migliori poeti e attori del teatro siciliano contemporaneo. Ha recitato con Franco Scaldati portando in scena linguaggi e momenti […]

Leggi tutto... 0

Una recensione al libro di Salvo Vitale  “SVISATURE” (Elisa Viola)

IMG_20200129_0001

  Molto appropriata è la definizione che l’autore dà alla sua raccolta di poesie: “Cento quasi poesie….”. E’ una raccolta che sembra essere  una vera rapsodia formata da componenti in versi liberi su fatti e immagini tratti dall’esperienza personale di Salvo, che sempre ha vissuto in modo “sui generis” anticonformista e libero da ogni pregiudizio. I temi sociali espressi con intensa vena poetica e, talvolta, in forma prosastica, (vedi “Caro politico”) danno il senso di contestazione e di rabbia contro […]

Leggi tutto... 0

MORTE DI MARAT E ALTRI RACCONTI (S.V.)

munch-morte-di-marat-mi-1907-hthmj8

  Jean Paul Marat, medico Amie du peuple, è stato definito o identificato come il più radicale dei rivoluzionari francesi. Proprio a causa di questo sacro fuoco rivoluzionario  la venticinquenne  girondina Charlotte Corday lo ritenne un pericolo per la rivoluzione stessa e un fomentatore di una guerra civile. La ragazza riuscì a farsi ricevere da Marat, immerso nella sua vasca da bagno per curare un’avanzata dermatite seborroica che gli procurava attacchi di prurito in ogni parte del corpo, e lo […]

Leggi tutto... 0

MUGGHERI E PASSAPORTU

AnamericangirlinItaly

  “Si poteva emigrare legalmente negli USA anche sposando un cittadino o una cittadina americani e negli anni sessanta arrivarono dall’America in paese, in visita ai propri parenti, figlie o nipoti di gente emigrata anni prima. Esse, pur non essendo affascinanti, anzi qualcuna proprio brutta, riuscivano a spuntare matrimoni con giovani aitanti e belli che accettavano di sposare la zoppa o la racchia, pur di realizzare il proprio sogno americano. Per quel che ne so nessuna di quelle  coppie ha […]

Leggi tutto... 0

Fondo del fondo…..(poema a pezzi)

maxresdefault

1   Fondo del fondo, paglia e fango per i mattoni del despota, qualche lama nascosta, per agguati e piccole ferite, travature il cui grado di usura esclude il restauro.   Al suono di una triste musica attendo la morte, il mio sorriso per gli altri, l’acqua per te che non hai voglia d’acqua, forse d’amari elisir che non possiedo.   Per favore, un aggeggio, che non sia questo fallo conforme alla definizione, involtino umiliato, ma il fantasma di una […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook