Sempre con noi: Ricordo di un compagno: Gaspare Cucinella

Gaspare 2003 127

Questo ricordo di Gaspare è riportato nel recente libro di Salvo Vitale “Intorno a Peppino” (Di Girolamo)      E’ morto a novant’anni, lasciandomi buona parte delle sue poesie, delle quali era riuscito a pubblicare solo un libretto, senza grande fortuna. Negli ultimi tempi si lamentava di essere stato dimenticato da tutti, specialmente dai compagni di Peppino. E’ stato uno dei migliori poeti e attori del teatro siciliano contemporaneo. Ha recitato con Franco Scaldati portando in scena linguaggi e momenti […]

Leggi tutto... 0

Una recensione al libro di Salvo Vitale  “SVISATURE” (Elisa Viola)

IMG_20200129_0001

  Molto appropriata è la definizione che l’autore dà alla sua raccolta di poesie: “Cento quasi poesie….”. E’ una raccolta che sembra essere  una vera rapsodia formata da componenti in versi liberi su fatti e immagini tratti dall’esperienza personale di Salvo, che sempre ha vissuto in modo “sui generis” anticonformista e libero da ogni pregiudizio. I temi sociali espressi con intensa vena poetica e, talvolta, in forma prosastica, (vedi “Caro politico”) danno il senso di contestazione e di rabbia contro […]

Leggi tutto... 0

MORTE DI MARAT E ALTRI RACCONTI (S.V.)

munch-morte-di-marat-mi-1907-hthmj8

  Jean Paul Marat, medico Amie du peuple, è stato definito o identificato come il più radicale dei rivoluzionari francesi. Proprio a causa di questo sacro fuoco rivoluzionario  la venticinquenne  girondina Charlotte Corday lo ritenne un pericolo per la rivoluzione stessa e un fomentatore di una guerra civile. La ragazza riuscì a farsi ricevere da Marat, immerso nella sua vasca da bagno per curare un’avanzata dermatite seborroica che gli procurava attacchi di prurito in ogni parte del corpo, e lo […]

Leggi tutto... 0

MUGGHERI E PASSAPORTU

AnamericangirlinItaly

  “Si poteva emigrare legalmente negli USA anche sposando un cittadino o una cittadina americani e negli anni sessanta arrivarono dall’America in paese, in visita ai propri parenti, figlie o nipoti di gente emigrata anni prima. Esse, pur non essendo affascinanti, anzi qualcuna proprio brutta, riuscivano a spuntare matrimoni con giovani aitanti e belli che accettavano di sposare la zoppa o la racchia, pur di realizzare il proprio sogno americano. Per quel che ne so nessuna di quelle  coppie ha […]

Leggi tutto... 0

Fondo del fondo…..(poema a pezzi)

maxresdefault

1   Fondo del fondo, paglia e fango per i mattoni del despota, qualche lama nascosta, per agguati e piccole ferite, travature il cui grado di usura esclude il restauro.   Al suono di una triste musica attendo la morte, il mio sorriso per gli altri, l’acqua per te che non hai voglia d’acqua, forse d’amari elisir che non possiedo.   Per favore, un aggeggio, che non sia questo fallo conforme alla definizione, involtino umiliato, ma il fantasma di una […]

Leggi tutto... 0

25 MAGGIO 1978: Interiorità di Peppino

204 Peppino 1977 2

  Il mare è piatto come una tavola. Mi sono sempre chiesto com’era il volto sentimentale di Peppino, cosa c’era sotto la scorza esteriore dell’”animale politico”, che tutti gli conoscevamo.  Peppino non parlava mai dei suoi momenti interiori, dei suoi problemi personali, dei suoi amori, se pure ne aveva avuti. Gli appunti che ho trovato mi hanno aperto un nuovo orizzonte, quasi un pozzo senza fondo. C’è un particolare del quale ho discusso con Giovanni: abbiamo deciso, per il momento, […]

Leggi tutto... 0

Per Falcone

Falcone e scorta

  da leggersi il giorno prima dell’anniversario della sua morte     Non li voglio vedere!!! Stanno preparando il vestito buono per la festa. Passeranno la notte a lustrarsi le piume. E domani, l’uno dopo l’altro, con una faccia che definire di bronzo è un eufemismo, correranno da una parte all’altra della penisola cercando i riflettori della tivvù, il microfono dei giornalisti, per inondarci di vomitevole retorica in ogni angolo della rete; loro, tutti loro, gli assassini di Giovanni Falcone, […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Turiddu Carnevale nel 65° della sua morte

Turiddu Carnevale

  Salvatore Carnevale, detto Turiddu è uno degli ultimi sindacalisti uccisi dalla mafia, dopo la mattanza degli anni 1946-48.  Fu assassinato il 16.5.1955 a Sciara, un paese delle Madonie, all’età di 32 anni. Aveva dato fastidio ai proprietari terrieri locali, difendendo i diritti dei braccianti agricoli. Nel 1951 fondò la sezione del P.S.I, organizzando la locale Camera del lavoro e portando avanti le lotte contadine con l’occupazione simbolica, qualche anno dopo, delle terre di contrada Giardinaccio, di proprietà della baronessa […]

Leggi tutto... 0

11 APRILE 2002: il giorno della la sentenza: Badalamenti ha ucciso Peppino

Badalamenti a filicudi5

    E’ il giorno della sentenza. Lo abbiamo aspettato da 24 anni. Nell’aula del maxiprocesso, all’Ucciardone ci siamo tutti e c’è una grande animazione. Entra il Presidente, tutti si alzano in piedi, legge: -“In nome del popolo italiano, visti gli articoli 110, 575 e 577 del Codice Penale, questa corte condanna l’imputato Badalamenti Gaetano alla pena dell’ergastolo.” Ci abbracciamo. Giovanni dice a Umberto: -“E’ finita”. – “No che non è finita. Di sicuro ci sarà l’appello”. -“Quello che volevamo […]

Leggi tutto... 0

Littra di Pippinu lmpastatu

44 autografo sul retro della foto 43

La littra di Pippinu lmpastatu   Sugnu n’arma o forsi n’ummira cà camina strata strata sugnu nta l’aria, nta lu ventu, quannu sbrizzìa, quannu sbapura ciauru di terra vagnata, ti staiju sempri d’allatu e nun ti lassu mai sulu tu nun mi viri, ma spissu mi mettu a braccettu di tìa ti fazzu na carizza, ti mettu la manu ‘n capu la spadda, e’mmucca ‘mmucca ti taliu priatu, quannu parri di mìa. Jo nun sugnu cchiu fattu di carni, ma […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook