Pensioni? Basterebbe fissare un tetto e staremmo tutti bene (S.V.)

pensioni-640x342

    Gli incontri tra governo e sindacati sul nodo delle pensioni, le contrattazioni su quali lavori siano da ritenere usuranti e quindi suscettibili di avere lo sconto di sei mesi per andare in pensione rispetto alla forca caudina imposta dalla legge Fornero,  la ribadita intoccabilità di questa legge, da parte del governo e gli apparenti tentativi di modifica,  nascondono  ipocritamente il problema di fondo del quale  si preferisce non parlare: le scandalose liquidazioni e le incredibili pensioni  e retribuzioni […]

Leggi tutto... 0

Siciliani senza futuro e senza passato prossimo (Salvo Vitale)

656

  Nel 1979, infatti, nel corso di un’intervista, ,alla giornalista Marcelle Padovani, nel libro “La Sicilia come metafora”, Leonardo Sciascia disse: «E come volete non essere pessimista in un paese in cui il futuro non esiste?». Riferendosi al fatto che nel dialetto siciliano il tempo futuro morfologicamente non esiste e che al suo posto si usa il presente, lo scrittore si lasciava andare a una sorta di considerazione sui siciliani che non hanno il tempo futuro e che hanno perso la loro capacità di guardare […]

Leggi tutto... 0

Addio, Binirittu….

138 alla Scalidda 1

  Ci ha lasciati Benedetto Filingeri, un personaggio caratteristico e indimenticabile. Da tempo era malato e non lo si vedeva più in giro. Lo ricordo negli anni ’60, nel pieno della sua vigoria, amico inseparabile di Peppino Impastato e dei suoi compagni . Qualche giorno fa ho postato una foto, anche per me  inedita, del suo matrimonio, scattata al  salone  dell’Albergo Italia, nella quale sono presenti Saverio Sgroi, mastro Alfonso, Peppino Impastato, Piero Impastato, Totò Abbulone, Nino Badalamenti, Enzo Vitale, […]

Leggi tutto... 0

12 dicembre 1969, strage di Piazza Fontana, una ferita ancora aperta.

Porcasi Piazza Fontana

    Sono passati 52 anni da quel giorno in cui, il 12 dicembre 1969, alle ore 16,37, a Milano, nella sede della Banca Nazionale dell’agricoltura, in Piazza Fontana, scoppiò una bomba che uccise 17 persone (14 subito) e ne ferì altre 88. Si trovò un’altra bomba inesplosa presso la Banca Commerciale Italiana di Milano, mentre a Roma, poco dopo, alle ore 16.55 esplose una terza bomba presso l’ingresso della Banca Nazionale del Lavoro, ferendo 13 persone. Sempre a Roma, […]

Leggi tutto... 1

Sistemi elettorali e democrazia (Salvo Vitale)

elezioni1

Proporzionale o Maggioritario? La disputa tra sostenitori del sistema proporzionale e di quello maggioritario, tornata a galla dopo il referendum sul taglio dei parlamentari, con la necessità di ridisegnare i collegi elettorali e riscrivere la stessa legge elettorale in vigore, è vecchia ed ha visto, nel tempo, forze politiche, anche d’ispirazione politica opposta, schierarsi per l’uno o per l’altro sistema, a seconda dell’opportunità politica del momento. La Lega e i forzisti, una volta proporzionalisti sono diventati maggioritari, vista l’opportunità di […]

Leggi tutto... 0

“In nome dell’antimafia” a Partinico

locandina IN NOME DELL'ANTIMAFIA

In questo libro ce n’è per tutti e di tutti i colori. C’è l’antimafia vera e quella falsa, la mafia vera e quella apparente, i nuovi padroni di Palermo, parte di un giro che comprende avvocati, magistrati, economisti, bancari e banchieri, costruttori buoni, cioè col certificato antimafia e costruttori cattivi, ai quali il certificato è stato negato con fumose motivazioni, collaboratori di giustizia credibili e altri che raccontano balle, magistrati che sequestrano beni e i cui beni sono stati poi […]

Leggi tutto... 0

Morto il prefetto Caruso: per primo ha denunciato la cattiva gestione dei beni sequestrati ai presunti mafiosi.

Si è spento a Bergamo, a causa di una polmonite fulminante, all’età di 73 anni Giuseppe Caruso: Palermitano purosangue entrò in polizia e ricoprì diversi incarichi distinguendosi prima nella lotta contro il terrorismo e poi in quella contro la mafia. Era prefetto di Palermo quando fu catturato Bernardo Provenzano e l’esultanza della gente per quella vittoria della legge è stata una di quelle cose che egli ricordava con maggiore soddisfazione. Il 20.6.2011 Fu nominato alla guida dell’Agenzia dei Beni sequestrati […]

Leggi tutto... 0

Casi e casini   (Salvo Vitale)

img

Greta, la trattativa, la vicequestora, il bestio, il fascio,  Draghi   Greta La campagna elettorale è finita e i partiti, assieme ai magistrati che ruotano nelle loro orbite, hanno dato il via a quella che in siciliano si chiama “a sparata d’i masculi”, ovvero la parte finale del gioco d’artificio. Il 30.9 ho pubblicato su Antimafia Duemila un articolo dal titolo “Quattro casi, anzi quattro casini”. A distanza di due giorni i casi sono diventati sette. In tanti sono intervenuti […]

Leggi tutto... 0

La minchiata

maxresdefault

  Breve nota sul significato del termine  “minchiata” e sul suo utilizzo. La parola  “minchiata” deriva da “minchia”, vocabolo siciliano che indica espressamente l’organo sessuale maschile.  Si noti che la parola è al femminile e indica l’organo maschile, mentre la parola “sticchiu” è maschile, ma indica l’organo femminile. Il termine è  polivalente, cioè si presta a una serie di significati collaterali che, in linea di massima sono gli stessi di quelli dell’italiano “cazzo”. Si usa come espressione di meraviglia, di […]

Leggi tutto... 0

Una testimonianza sul ’68 di Peppino (Salvatore Lo Leggio)

LO Leggio

Salvatore Lo Leggio è stato un docente di Lettere che ha vissuto assieme a Peppino le vicende del 1968 a Palermo, particolarmente l’occupazione della facoltà di Lettere. Ha condiviso con Peppino l’adesione al PCdI ml, successivamente si è laureato in Lettere e si è trasferito a Perugia, dove ha insegnato nelle scuole superiori. ed è stato impegnato oltre che nell’attività di produzione letteraria, in quella politica. È stato consigliere comunale a Bastia, fino alla svolta di Occhetto. E’ stato un attento […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook