30 luglio 2017; è morto Nicola Cipolla

E’ morto a 95 anni Nicola  Cipolla, sindacalista e senatore del P.C.I. Nato ad Agrigento e trasferitosi con la famiglia a Palermo ebbe come compagni di classe  liceo  Napoleone Colajanni, Enzo Sellerio e Nino Sorgi. Già dotato di una salda conoscenza marxista, con la fine del fascismo  aderì al Partito socialista, adoperandosi sia alla fondazione del Fronte del lavoro, sia alla riapertura nel 1944 della Camera del Lavoro di Palermo. Nel  del 1946, Cipolla e altri giovani socialisti tra i […]

Leggi tutto... 0

Carini: ruspe in azione per bonificare la costa

    Giovì Monteleone è uno di quei sindaci che, da quando è stato eletto, dopo una lunga carriera politica di consigliere comunale nel PD, ce l’ha messa tutta per dare alla sua città, Carini ,un aspetto più dignitoso da quello di area degradata della periferia di Palermo che questa città ha assunto sin dai tempi in cui, a seguito della costruzione dell’autostrada e dell’aeroporto di Punta Raisi, numerosi esponenti dell’alta borghesia palermitana si sono impadroniti di chilometri di costa […]

Leggi tutto... 0

I SICILIANI, LA VITTORIA DI ORIOLES

C’è una persona a Catania che più di tutte, secondo noi, ha contribuito a vincere la battaglia contro Santapaola, i cavalieri e Mario Ciancio. Si chiama Riccardo Orioles, è stato – assieme a Giuseppe Fava – uno dei fondatori storici de I Siciliani: è un tipo strano, un caratteraccio, ma coerente e cocciuto come pochi, generoso anche. E poi ha un modo originale di insegnare – ovviamente gratis – il mestiere di giornalista, ma anche di disegnatore, di illustratore e […]

Leggi tutto... 1

Dalla relazione semestrale della DIA si evince che Cosa nostra fa finta di dormire, ma continua ad esserci

luglio 27 LA DIA, NELLA SUA RELAZIONE SUL SECONDO SEMESTRE DEL 2016 FA IL PUNTO SU COSA NOSTRA E SULLA SUA ATTUALE SITUAZIONE A PALERMO E PROVINCIA. Il territorio al momento attuale è composto da 15 mandamenti, di cui 8 solo a Palermo e sette in provincia. A sua volta le varie articolazioni comprendono 80 famiglie mafiose, delle quali 32 a Palermo e 48 in provincia. La relazione non riporta i nomi di questo piccolo esercito di malandrini, ma parla […]

Leggi tutto... 0

Incendi ovunque. L’ombra del business dello spegnimento privatizzato (Alessandro Avvisato)  

Non ci sarà una regia unica, ma una convergenza di interessi criminali certamente sì. L’impressionante sequenza di incendi che stanno distruggendo il patrimonio boschivo italiano ha facile esca nella siccità eccezionale di questi mesi, ma anche se non fossero stati trovati alcuni incendiari in azione, oltre che numerosi “inneschi” nelle aree distrutte, la concentrazione dei fuochi è altamente sospetta. Nel caso del Vesuvio, all’evidenza, addirittura pianificata. Senza alcuna pretesa di trovare i “colpevoli” per via di deduzione logica, alcuni elementi […]

Leggi tutto... 0

Populismo

   Alla ricerca delle origini del nome alcuni indicano l’inglese “populism”, altri il movimento russo nato tra alla fine de secolo XIX , che si riproponeva  attraverso un’azione rivoluzionaria, un miglioramento delle condizioni di vita  dei contadini e dei servi della gleba, con la creazione di una sorta di comunismo rurale  contrapposto alla via industriale scelta dagli stati europei. Non c’è bisogno  di cercare lontane origini straniere per notare che anche in italiano esiste la parola ”popolo” e che il populismo […]

Leggi tutto... 0

Fiammetta Borsellino : su mio padre macerie a forma di silenzi, depistaggi, interessi sporchi

   Fiammetta Borsellino, figlia del giudice Paolo,  ha incontrato la Commissione Antimafia esprimendo tutti i suoi dubbi per “25 anni di schifezze e menzogne”. “Questo abbiamo avuto: un balordo della Guadagna come pentito fasullo e una Procura massonica guidata all’epoca da Gianni Tinebra che è morto”, ha detto a Rosi Bindi. E ora si aspetta “che ognuno faccia la propria parte” Il 19 luglio ha deciso di onorarlo nell’unico modo in cui riesce a riconoscersi nel giorno in cui 25 anni […]

Leggi tutto... 0

Pistola e sigarette nella bara di Agostino Badalamenti

  Il 15 luglio 2017 i carabinieri, grazie alle dichiarazioni del nuovo collaboratore di giustizia Salvatore Bonomolo hanno riesumato il cadavere di Agostino Badalamenti, i cui resti sono conservati nel Cimitero di Santa Maria di Gesù a Palermo e hanno rinvenuto dentro la bara una pistola a tamburo di fabbricazione italiana e una borsa con altri oggetti di cui non è stato reso noto l’elenco. C’era dentro anche un pacchetto di sigarette Agostino Badalamenti non è parente del più famoso […]

Leggi tutto... 0

L’associazione Libero Futuro alla sbarra: la mafia ringrazia

luglio 21 LA PREFETTURA HA CANCELLATO DALL’ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET, LIBERJATO MENTRE NON HA AMMESSO L’ASSOCIAZIONE ANTIRACKET LIBERO GRASSI BAGHERIA VALLE ELEUTERIO: LA PRIMA È STATA CANCELLATA, LA SECONDA NON AMMESSA NELL’ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET. LA DECISIONE DEL PREFETTO ANTONELLA DE MIRO. Tanto per dimostrare che l’antimafia dello stato lavora duro, che la mafia è ormai alle corde, che “pentirsi” e decidere di cambiare vita non serve e non è il caso di farlo, che la collaborazione con lo Stato […]

Leggi tutto... 0

Minacce a “I Siciliani giovani” nel giorno di Borsellino

Una busta contenente una copia dei Siciliani giovani e minacce di morte è stata recapitata nel pomeriggio del 19 luglio alla sede del giornale a Catania. Le minacce erano specificamente destinate al responsabile della redazione catanese, Giovanni Caruso, che pochi giorni prima, presentando il giornale, aveva annunciato l’acquisizione di beni confiscati alle famiglie mafiose catanesi. Sono in corso le indagini. Non si esclude la non casualità della data. Riccardo Orioles     

Leggi tutto... 0