Pio La Torre e Rosario Di Salvo

        Due maggio  1982. Tra quei centomila che parteciparono al funerale di Pio La Torre e Rosario Di Salvo, in Piazza Politeama c’ero anch’io. Una domenica calda. Arrivarono tutti, quelli in giacca e cravatta e quelli in abito da lavoratori,  giovani in jeans e camicia e vecchi militanti con la coppola e il fazzoletto rosso: ce n’erano tanti, uomini politici da passerella, deputati nazionali e regionali, persino i vertici più alti dello stato, da Sandro Pertini, a […]

Leggi tutto... 0

Portella della Ginestra: fine segreto Mai (Pietro Orsatti)

  Lunedì prossimo sarà il 70esimo anniversario della strage di Portella della Ginestra. La prima strage di Stato della Repubblica Italiana. Migliaia di persone, come ogni anno, saliranno fino al luogo dell’eccidio per commemorare le vittime di quell’eccidio. Senza sapere tutta la verità su quello che accadde realmente il primo maggio del 1947, senza conoscere chi affiancò Salvatore Giuliano e la sua banda, chi erano i mandanti, quali furono i fiancheggiatori e complici fra i politici e le forze dell’ordine, […]

Leggi tutto... 0

Milena: un murales e un libro per Peppino

 

Leggi tutto... 0

Soldi fascisti (L’Espresso)

Mafia Capitale, così Massimo Carminati ha nascosto il suo tesoro a Londra Case, ristoranti, società. Sono in Inghilterra le ricchezze del Cecato. L’Espresso ha ricostruito i percorsi dei soldi tra banche e offshore DI CECILIA ANESI, LORENZO BAGNOLI, MATTEO CIVILLINI E GIULIO RUBINO      24 aprile 2017 10       Al sicuro. Lontano da un processo che sta rivoltando le viscere di Roma, lontano dall’infedeltà dei luogotenenti e dalle inchieste dei magistrati. È a Londra che si nasconde la cassaforte […]

Leggi tutto... 0

Il 25 aprile a venire (Marcello Faletra)

    Il 22 luglio del 1944 sul muro di una cella del carcere di Torino Ignazio Vian prima di essere impiccato a seguito di una delazione scrisse: MEGLIO MORIRE CHE TRADIRE. Oggi, conosciamo bene il senso profondo di quelle parole scritte col sangue. Il tradimento della democrazia è all’ordine del giorno. Il 25 Aprile è la ricorrenza di un fatto eccezionale della storia del nostro paese: l’insurrezione di larghe masse non soltanto per riconquistare la libertà dalla dittatura nazifascista, […]

Leggi tutto... 0

25 aprile 1979: Resistenze

  Pesco un vecchio disco di canti della Resistenza pieno di struscii, rumori di fondo  e di uova fritte e attacco con “Bella Ciao”, poi vado a ruota libera, come se stessi facendo una lezione, il solito vizio professionale. Penso per prima cosa al mio professore di liceo, che ci diceva: “Liberazione, ma da chi?” In realtà, a quella data, cioè nel 1945, noi siciliani eravamo stati “liberati” da un pezzo, pochissimi i colpi sparati, nella marcia degli americani da […]

Leggi tutto... 0

La strage di Bronte dell’Agosto 1860: per non dimenticare le vergogne di Garibaldi e Nino Bixio (Ignazio Coppola)

Sembra incredibile che, ancora oggi, la Sicilia non si sia ancora liberata dal ricordo di questi due assassini. Ancora oggi le statue (soprattutto di Garibaldi) campeggiano in tante città della nostra Isola. E ancora oggi scuole e vie portano i nomi di questi due gaglioffi. Ricordiamo, in questo articolo, una strage che ancora oggi brucia Dal 6 al 10 Agosto del 1860 esattamente 156 anni fa, a Bronte, Nino  Bixio, su mandato di Giuseppe Garibaldi, si rendeva protagonista di un […]

Leggi tutto... 0

Un commento di Pietro Orsatti all’articolo “L’antimafia è morta, viva l’oltremafia”

Savoia, fascisti e mafia. L’Italia. Pietro Orsatti22 aprile 2017Articoli, Dal libro Leggo questo commento di Salvo Vitale a una delle tante polemiche che emergono periodicamente su antimafia e non antimafia. Che condivido. Immediatamente mi torna in mente un brano de Il Bandito della Guerra fredda, che pubblico di seguito, che in qualche modo fa da “spalla” a quello che Salvo va ragionando in questi giorni (per non dire anni e decenni). Non è una risposta a Vitale, ma un completare o corredare […]

Leggi tutto... 0

L’antimafia è morta, viva l’oltremafia

MarcoTravaglio sostiene che, non dovrebbero essere i politici a parlare dei giornalisti, ma i giornalisti a parlare dei politici,  ma quando politici e giornalisti si mettono assieme e ci metti pure qualche magistrato, la frittata è fatta: sono capaci di farti credere che Cristo è un criminale, Galilei è un ignorante, Martin Luther King un terrorista, la Merkel è una spinellara e persino che Trump sia un filosofo. Queste tre categorie hanno decretato a tavolino la morte dell’antimafia, diventata scomoda, […]

Leggi tutto... 2

Giovanardi indagato per mafia. E fa già ridere così.

Ndr: Il senatore Giovanardi, già ministro e sottosegretario berlusconiano, inflessibile crociato  contro il divorzio, contro l’aborto, contro i gay, contro la mancanza di sicurezza, contro i musulmani, contro le musulmane col velo, contro i migranti, contro le aperture persino di Papa Francesco e ultimamente fondatore di un nuovo partito dal nome “Idea”, che dovrebbe raccogliere tutto ciò che di più reazionario e di più arretrato esiste in Italia, uno di quelli che fa ridere al solo guardarne la faccia,  e […]

Leggi tutto... 0