Come la tecnologia sta uccidendo la democrazia

populismo

  NOTA: questo articolo è lo Speech integrale di Carole Cadwalladr, presentato al  TED nell’aprile 2019. Si tratta di un allarme e, nello stesso tempo di un inizio per uno studio, non solo giornalistico, ma psicologico e politico su come l’uso della tecnologia contemporanea, e in particolare di facebook, possano creare false opinioni con false notizie, generare situazioni d’allarme e inculcare pericolose idee anche nei cervelli più immunizzati  dalle manipolazioni. Ormai è chiaro e noto che c’è gente  che sa […]

Leggi tutto... 0

Come la tecnologia sta uccidendo la democrazia  

populismo

  NOTA: questo articolo è lo Speech integrale di Carole Cadwalladr, presentato al  TED nell’aprile 2019. Si tratta di un allarme e, nello stesso tempo di un inizio per uno studio, non solo giornalistico, ma psicologico e politico su come l’uso della tecnologia contemporanea, e in particolare di facebook, possano creare false opinioni con false notizie, generare situazioni d’allarme e inculcare pericolose idee anche nei cervelli più immunizzati  dalle manipolazioni. Ormai è chiaro e noto che c’è gente  che sa […]

Leggi tutto... 0

Piccoli mafiosi crescono   

bambini-mafia-714162

   Crescono tra le braccia e dentro le case di coloro che li hanno generati e, per questo, non possono che introiettare, fare propri, i modelli, le leggi spietate, le regole, il modo di pensare e di agire dell’ambiente nel quale hanno vissuto la loro infanzia. Mafiosi non si nasce, lo si diventa, ma chi nasce in una famiglia mafiosa ha tutte le probabilità di acquisire le identità di appartenenza e a sua volta di tramandarle. Una delle caratteristiche di […]

Leggi tutto... 0

La ragione e il torto

Ragione o torto

  Uno dei maggiori errori degli uomini è quello di pensare che l’uno pensi allo stesso modo con cui pensa l’altro, che usi gli stessi parametri mentali , che esistano “categorie” comuni che rendano omogeneo il giudizio e la valutazione di fatti e idee. E’ vero che da sempre gli uomini hanno cercato di regolarizzare il pensiero, di imbragarlo in schemi preordinati , a partire dalle “idee” platoniche, alle categorie aristoteliche, alla metodologia cartesiana, alle forme a priori  kantiane, ai […]

Leggi tutto... 0

ll capo e il leader

leader

    Appena eletto Zingaretti ha detto di non volere essere “capo” ma leader. Poche settimane dopo Di Maio ha invece ribadito che, malgrado la sconfitta elettorale, egli è e rimarrà “capo” dei Cinquestelle, per altri quattro anni, come da mandato ricevuto dai suoi elettori on-line. Qual è la differenza? La parola “capo” è tornata in auge, da qualche tempo, nel periodo di Berlusconi, ed è diventata normale per indicare chiunque occupi un posto di comando. Mussolini aveva sostituito nominalmente […]

Leggi tutto... 0

Nota sul Populismo

download

  Alla ricerca delle origini del nome alcuni indicano l’inglese “populism”, altri il movimento russo nato tra alla fine de secolo XIX , che si riproponeva  attraverso un’azione rivoluzionaria, un miglioramento delle condizioni di vita  dei contadini e dei servi della gleba, con la creazione di una sorta di comunismo rurale  contrapposto alla via industriale scelta dagli stati europei. Non c’è bisogno  di cercare lontane origini straniere per notare che anche in italiano esiste la parola ”popolo” e che il […]

Leggi tutto... 0

C’eravamo tanto amati: Fenomenologia della negazione

Ragione o torto

      La negazione è la parte conclusiva di un discorso iniziato con l’approccio, il gradimento, la simpatia, la condivisione, il reciproco piacersi, l’ammirazione, la risata, la sbronza, l’esaltazione di un gesto, di una parola, l’inaspettata capacità di far diventare rilevante l’irrilevante, di riempire di senso l’insignificante. Sarebbe lungo cercare le motivazioni alla base della nascita, dell’affermarsi o della ulteriore crisi di un rapporto legato a un giudizio tipicamente emotivo, più difficile tentare un’universalizzazione di ciò che appartiene a […]

Leggi tutto... 0

Tipologia dell’italiano medio  

Poca cultura. Poca immaginazione. Una personalità mediocre e non realizzata. Una incredibile limitatezza interiore. Una mancanza di responsabilità personale. Immaturità. Pochezza di sentimento e di vita. Incapacità di relazionarsi con sincerità con l’altro, di capire le ragioni dell’altro, di sentire la sofferenza dell’altro. L’altro esiste solo in funzione dell’utile che può arrecare.  E intorno un ambiente che aizza all’odio indistinto, per gruppi, per categorie. Che instilla un’abitudine ad aggredire anche ideologicamente chi è diverso, senza lasciarsi sfiorare dall’idea che l’altro […]

Leggi tutto... 0

lo straniero come nemico

  Ormai è un luogo comune: tutti quelli che non sono italiani costituiscono un pericolo per gli Italiani. Non sono più turchi, come una volta, ma sono “stranieri”, anche se alcuni naturalizzati italiani. Tutti i non-italiani, particolarmente se di pelle nera, che commetto qualche reato, vanno sbattuti nella prima pagina di giornali e telegiornali, per dimostrare che la “patria” è invasa da delinquenti che non vogliono lavorare, sono tutti arrapati, e che quindi commettono stupri e violenza sulle donne e […]

Leggi tutto... 0

Giudicare: un’abitudine comune nelle persone frustrate  (F.Hebbel)

Questo brano, postato su facebook il   6 Novembre 2015 è stato tratto dalle opere di Friedrich Hebbel, poeta e drammaturgo tedesco, morto nel 1863. I suoi appunti chiariscono, prima che ancora venissero fuori gli studi di psicologia e psicanalisi,, come gli uomini non perdono il vizio di giudicare gli altri, di non giudicare se stessi, di ratificare i loro giudizi sulla base delle loro condizioni psicologiche, di pregiudizi, di opportunità, di invidie, di gelosie. E pertanto occorrerebbe, prima di giudicare […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook