Morto un papa se ne fa un altro: la corsa alla successione di Totò Riina.

E così, secondo  alcune accreditate ipotesi, morto “u zu Totò u Curtu” la tiara  dovrebbe finire sulla testa di un nuovo capo. Se non vogliamo chiamarlo papa, chiamiamolo re o presidente. Sarebbe logico ritenere che la carriera di Riina è finita nel giorno in cui è stato arrestato, ma c’è chi sostiene che egli ha continuato a portare la corona sino al giorno della sua morte. DIA compresa. E pertanto si è aperta la corsa alle ipotesi di successione, Si […]

Leggi tutto... 0

Siciliani si nasce….

Quello di scambiare una parte per il tutto, di includere nel tutto parti che nulla hanno a che fare con esso è un vecchio vizio di cui pochi riescono a liberarsi. Le elezioni regionali siciliane e il suo strascico sui candidati “impresentabili” ed eletti con migliaia di preferenze hanno scatenato i soliti commentatori, in particolare quelli delle reti nazionali pubbliche e private , che in queste cose “ci bagnano il pane” e che hanno riversato sui siciliani i soliti banali […]

Leggi tutto... 0

Riina era ancora il capo?

C’è un’ipotesi diversa, rispetto alle teorie, alle analisi di mafiologi, rispetto ai rapporti delle forze dell’ordine e  alle ricostruzioni dei magistrati, universalmente accettate, secondo cui  Totò Riina  era ed   è rimasto il capo della “cupola”, o, se si preferisce, della Commissione (provinciale o regionale è poi da discutere), sino al momento della sua morte.  Si sostiene che la Commissione non si è più riunita dal giorno del suo arresto e che pertanto, in mancanza di un suo sostituto, egli sia […]

Leggi tutto... 0

Il rosatellum è costituzionale? Ci vorranno anni ed anni perché la Consulta lo decida

  La lentezza della Corte Costituzionale non ha paragoni. Anche le lumache o le tartarughe al confronto sono veloci, più veloci del piè veloce Achille. Per dirci che il Porcellum , approvato nel 2006 era parzialmente anticostituzionale sono dovute passare le elezioni del 2006, del 2008, del 2013, sino alla sentenza del gennaio 2014 allorchè,  il suo ideatore, il leghista Calderoli  ebbe a dire: “  Alla buon’ora, io l’ho detto il giorno dopo che andava cambiata. Loro ci hanno impiegato […]

Leggi tutto... 0

Pensioni? Basterebbe fissare un tetto e staremmo tutti bene

    Gli incontri tra governo e sindacati sul nodo delle pensioni, le contrattazioni su quali lavori siano da ritenere usuranti e quindi suscettibili di avere lo sconto di sei mesi per andare in pensione rispetto alla forca caudina imposta dalla legge Fornero,  la ribadita intoccabilità di questa legge, da parte del governo,  nascondono  ipocritamente il problema di fondo del quale  si preferisce non parlare: le scandalose liquidazioni e le incredibili pensioni  e retribuzioni pagate mensilmente ai grandi dirigenti, sia […]

Leggi tutto... 0

Sinistra, è urgente cambiare gioco

intervista a Alfio Mastropaolo di Pierluigi Mele – 7 novembre 2017 La tornata elettorale siciliana di domenica scorsa, probabilmente, fa segnare una svolta nella politica italiana. Per alcuni osservatori, visti i risultati siciliani e quelli di Ostia, il prossimo confronto elettorale sarà il campo di battaglia tra due populismi: quello dei 5Stelle e quello del centrodestra. Un bipolarismo inedito per il nostro Paese. Intanto la sinistra cerca di ricostruire una possibile unità. Un esito non scontato. Con il professor Alfio Mastropaolo, […]

Leggi tutto... 0

Regionali in Sicilia: divide et impera (Lorenzo Baldo)

 “E’ una schifezza!”, non ci gira troppo attorno, Letizia Battaglia, commentando i risultati definitivi delle elezioni regionali in Sicilia. L’analisi della grande fotografa palermitana è tranciante, il motivo del successo del Caimano è alquanto scontato. “Berlusconi porta con sé il fascino dei soldi – sottolinea Letizia –.  A chi lo ha scelto non gliene frega nulla delle nuove indagini sulle stragi che lo vedono coinvolto assieme a Dell’Utri. Tutti sanno che è indagato e che possibilmente ha contribuito a creare morte e distruzione, ma lo […]

Leggi tutto... 0

”O con me o contro di me” (Salvo Vitale)

  Troviamo la frase “con me o contro di me” nel vangelo di Matteo (12,30) e in quello di Luca (11,23) “Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde”. La frase di Cristo fa seguito a un contesto in cui egli, dopo aver guarito un indemoniato sordo e muto è accusato dai farisei di agire in nome di Belzebù e reagisce sostenendo di agire in nome dello Spirito, dicendo: “Qualunque peccato e […]

Leggi tutto... 0

Elezioni: creare due, tre, molti Vietnam (G.Ferraris)

  La nuova legge elettorale detta Rosatellum è una vera porcheria e viene da chiedersi chi sia il vero autore, perchè non può essere il ragioniere Rosato ad aver ideato un simile labirintico abominio. La legge è concepita per costringere gli elettori a votare ancora una volta dei candidati nominati dai partiti e ha il duplice obiettivo di danneggiare il M5S e di impedire la nascita di una formazione di sinistra. Tuttavia, a volte può capitare di ottenere il risultato […]

Leggi tutto... 0

On the road: La strada chiama, la strada è l’unica salvezza

Ipotesi per una nuova idea di sinistra: o stiamo con gli scartati o siamo da scartare   Quale sinistra? “C’è solo la strada su cui puoi contare, la strada è l’unica salvezza” cantava Giorgio Gaber. E la strada, è l’unica salvezza possibile anche per noi. Chi osserva quel che sta succedendo a livello nazionale (e non solo), un giovane che vorrebbe fare militanza, una persona che vorrebbe votare a sinistra, chiunque sente sulle spalle la necessità di lottare per migliorare […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook