Diritto di vita e di morte

    Eluana Englaro, (2009) 17 anni di accanimento terapeutico, Piergiorgio Welby, (2006) che volle morire, ma cui furono negati i funerali, non invece a Mario Cal, (2012) amministratore del San Raffaele, la cui morte venne definita “un suicidio da buon cristiano”, Pietro D’Amico (2013) un magistrato  cui venne diagnosticata una malattia incurabile che, dopo la sua morte si scoprì non essere tale,  Lucio Magri (2011), un addio senza clamore in una clinica svizzera dove i medici, se il paziente […]

Leggi tutto... 0

Progetto per risolvere i problemi economici dell’Italia

  -Stipendi dei Parlamentari, 2.000 euro, per un massimo di 200 parlamentari, con pensione a 70 anni, solo se si sia rimasti in parlamento per una legislatura; – Tetto massimo delle retribuzioni per i dirigenti, 100.000 euro l’anno; – Durata massima della legislatura 4 anni; – Gli esiti di un referendum possono essere cambiati, solo con un altro referendum; – Abolizione dei rimborsi elettorali, cioè del finanziamento ai partiti, già abolito da un        referendum; – Abolizione dei finanziamenti ai giornali; […]

Leggi tutto... 0

Ricordando Guido Orlando

  Ricorre in questi giorni il quinto anniversario della morte di Guido Orlando, fotografo, poeta, amico, e soprattutto “compagno”, ovvero una persona con cui “ho condiviso il pane”. Siamo stati fortunati ad averlo con noi per un lungo periodo della nostra vita. Ciao, Guido, Ti ricordo attraverso questa tua poesia   Ricordarti com’eri non è più possibile Il tempo ha portato via i tuoi sogni e le tue paure le hai chiuse nell’ultimo cassetto di un cassettone vecchio e sgangherato […]

Leggi tutto... 0

Terrasini: Mostra fotografica di Guido Orlando nel quinto anniversario della sua morte

Guido e la sua inseparabile amica, che mai lo deluse. A cinque anni dalla morte mostra fotografica organizzata da “Asadin”    (Terrasini Oggi) Per Guido Orlando la fotografia fu sicuramente la principale passione (sarebbe più esatto dire “dedizione”), come una finestra spalancata sulla realtà umana nella sua complessità. Contestuale fu tutto il resto, a iniziare da una particolare visione anticonformistica della vita, con le sue rotture autentiche, il rifiuto del compromesso volgare, con le sue inequivocabili scelte di campo e […]

Leggi tutto... 0

Intervista a Salvatore Borsellino

Borsellino: ”La mafia è cambiata ed è più forte che mai” Dettagli Pubblicato: 17 Febbraio 2017 su Antimafia Duemila di Savino Balzano A quasi 25 anni dalla morte di Paolo Borsellino, raccogliamo l’intervista di suo fratello Salvatore, uno dei protagonisti dell’antimafia civile in Italia. Dopo tanto tempo dalla scomparsa del grande giudice, ancora molti lati oscuri restano su una vicenda che assume i sinistri contorni di una vera e propria strage di Stato. Te ne accorgi subito se quella che […]

Leggi tutto... 0

L’antimafia è morta, viva l’oltremafia

Pubblicato: 14 Febbraio 2017 su Antimafia Duemila di Salvo Vitale Marco Travaglio sostiene che, non dovrebbero essere i politici a parlare dei giornalisti, ma i giornalisti a parlare dei politici, ma quando politici e giornalisti si mettono assieme e ci metti pure qualche magistrato, la frittata è fatta: sono capaci di farti credere che Cristo è un criminale, Galilei è un ignorante, Martin Luther King un terrorista, la Merkel è una spinellara e persino che Trump sia un filosofo. Queste […]

Leggi tutto... 0

Cocaina, la droga di moda: che cos’è, dove si produce, quali sono i suoi effetti, come si riconosce il drogato

febbraio 12 19:122017 di Salvo Vitale LA COCAINA È UN ALCALOIDE CHE SI TROVA NELLE FOGLIE DELLA COCA (ERYTHROXYLUM COCA), PIANTA ORIGINARIA DEL SUD AMERICA, PRINCIPALMENTE DEL PERÙ, DELLA COLOMBIA E DELLA BOLIVIA. Da tempo ha sostituito l’eroina come droga di cui si fa maggior consumo, sia per il minor costo, sia per la maggiore reperibilità sul mercato, sia per una falsa opinione, secondo cui non creerebbe assuefazione e provocherebbe meno danni dell’eroina. In Colombia sono stati fatti interi disboscamenti per far posto alla coltivazione di coca, diventata […]

Leggi tutto... 0

Tra sequestri e confische, tra fallimenti con qualche successo continua il calvario di proprietari e lavoratori dei beni nelle mani delle misure di prevenzioni. Adesso tocca alle cave

  Dopo il danno la beffa. Qualche giorno fa, durante una visita Telejato l’ing. Lena aveva espresso la certezza che  nell’ultima imminente udienza gli sarebbe stato restituito tutto, viste le assoluzioni ricevute nei tre gradi di giudizio, dai quali si evinceva, senza ombra di dubbio che il creatore e costruttore dell’Abbazia Sant’Anastasia di Castelbuono era estraneo alle accuse fatte nei suoi riguardi dalla Procura, nonostante i ripetuti ricorsi, compreso anche uno del giudice Di Matteo, nei confronti delle sentenze di assoluzione. Ma tutto […]

Leggi tutto... 0

Beni confiscati? È un gran casino!

febbraio 10 13:482017 di Salvo Vitale   Nei giorni scorsi a 32 lavoratori della Pellegrino Group che avevano avuto in affitto dall’Agenzia dei beni confiscati alla mafia una cava non è stato rinnovato il contratto per il rinnovo della locazione, con la conseguenza che tutti sono rimasti  in mezzo alla strada, dopo che in quella cava erano stati fatti investimenti per l’acquisto dei macchinari. Oggi ne scopriamo un’altra e non dalla Sicilia, ma addirittura da Roma, dove, se non prendiamo abbagli, […]

Leggi tutto... 0

Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere

L’ultima lettera di un giovane disoccupato suicidatosi a 30 anni ad Udine nell’agosto passato. Solo oggi i genitori hanno deciso di renderla nota affinchè non passi inascoltato il disperato bisogno di lavoro dei giovani d’oggi di MICHELE Ho vissuto (male) per trent’anni, qualcuno dirà che è troppo poco. Quel qualcuno non è in grado di stabilire quali sono i limiti di sopportazione, perché sono soggettivi, non oggettivi. L’ultimo addio di Michele prima di togliersi la vita: “Io, precario, appartengo a […]

Leggi tutto... 0