Addio a Giulietto Chiesa.

unnamed

    La notizia è arrivata poche ore dopo la giornata della Liberazione ed è stata data da tutti i telegiornali come una breve di cronaca, come qualcosa che era giusto dare, ma non più di tanto. A parte le note degli amici, soprattutto su Antimafia Duemila, su cui abitualmente ci siamo incontrati con i nostri articoli, i signori dell’informazione hanno preferito non parlarci di questo collega che aveva un modo di fare giornalismo ben diverso da quello ufficiale, che […]

Leggi tutto... 0

Nel tempo del corona – ogni minchiata è buona  (S.V.)

coronavirus_contagia_i_social_spopolano_vignette_anti_psicosi_b8b474e9

    Il primo impatto è tragico e disastroso, con una “pandemia” che risparmia poche parti del pianeta, ma ne falcidia altri. E tuttavia non mancano aspetti paradossali e cialtroneschi, che ci rendono universalmente vittime, al di là delle vittime “reali”, cioè “incoronate”, sulle quali non si può scherzare. La Lombardia  Si comincia con Borrelli, ormai condannato al suo ruolo di becchino, di speaker di morti e contagiati, con l’annuncio di cifre agghiaccianti, sempre in aumento, ma con la pretesa […]

Leggi tutto... 0

1977: La fantasia al potere: Radio Apache (Gaspare Nuccio)

 Questo articolo è riportato nel libro di Lucio Luca “Prove tecniche di trasmissione”, pubblicato nel marzo 2006 a Palermo dalle edizioni Sigma. Il suo autore Gaspare Nuccio ha avuto un ruolo di primo piano in Democrazia Proletaria ed è stato sempre presente nelle vicende condotte in nome di Peppino Impastato, dopo la sua morte. Va attribuita a Radio Apache la provenienza e il relativo acquisto del trasmettitore da cui è nata Radio Aut, dopo la breve vita di questa emittente.  […]

Leggi tutto... 0

Comunicazione e propaganda nell’era dei network

  Libertà di stampa nel 2018 di Salvo Vitale Nell’annuale graduatoria che la rivista Reporters sans frontières pubblica ogni anno sulla libertà di stampa nel mondo, l’Italia ha fatto qualche passo avanti passando dal 77esimo posto del 2016 al 52esimo posto del 2017, al 46” del 2018 , subito dopo gli Stati Uniti di Trump, con un progresso di 6 punti rispetto all’anno precedente. Ma la situazione è ancora preoccupante. La nota rivista scrive: “Una decina di giornalisti italiani sono ancora sotto una […]

Leggi tutto... 0

L’apparente libertà di stampa

  In Italia Nell’annuale graduatoria che la rivista  Reporters sans frontières pubblica ogni anno sulla libertà di stampa nel mondo l’Italia ha fatto qualche passo avanti passando dal 77esimo posto del 2016 al 52esimo posto del 2017, al 46” del 2018 , subito dopo gli Stati Uniti di Trump, con un progresso di 6 punti rispetto all’anno precedente. Ma la situazione è ancora preoccupante. La nota rivista scrive : “Una decina di giornalisti italiani sono ancora sotto una protezione permanente […]

Leggi tutto... 0

Peppino e Mauro, vite parallele

   I depistaggi 26 anni per Mauro, 22 per Peppino: alla fine la sentenza è arrivata. Un tempo inumano per chi aspetta giustizia. Due depistaggi delle indagini attraverso tortuosi sentieri e fervide immaginazioni, per nascondere due delitti di mafia: per Peppino le assurde piste dell’attentato terroristico, magari con l’aiuto dei suoi compagni, tra i quali avrebbe potuto nascondersi anche un complice o  l’assassino, oppure un suicidio eclatante, per Mauro “l’omicidio in famiglia”, maturato all’interno della comunità Saman, l’immaginata tresca tra […]

Leggi tutto... 0

L’affaire Montante: spioni, magistrati, industriali, giornalisti per rimuovere il sindaco di Recalmuto Salvatore Petrotto

Che il sottoscritto, quando era sindaco di Racalmuto, in modo particolare a partire dal 2010, è stato inghiottito da un ciclone mediatico-giudiziario, con tanto di inchieste pilotate ed una pesante attività di spionaggio, ad opera di servizi segreti deviati, che obbedivano agli ordini dei vertici di Confindustria Sicilia, ormai non ci sono dubbi. Le motivazioni che hanno spinto il Montante ed i suoi correligionari dentro Confindustria, qualche magistrato, nonché alcuni giornalisti, a scagliarsi contro di me, è ampiamente spiegato nelle […]

Leggi tutto... 0

40 anni dopo la morte di Peppino Impastato abbiamo bisogno di un giornalismo privo di pigrizia, vigliaccheria, confusa sciatteria (Rino Giacalone)

di Rino Giacalone Cosimo, Mauro, Giovanni, Mario, Pippo, Mauro, Beppe, Giancarlo, Carlo, Walter, Italo, Graziella, Ilaria, Mirian, Maria Grazia, Enzo, Dafne, Jan, Peppino Impastato. Alcuni nomi che ogni volta che parliamo di informazione, di libertà di informazione, di informazione attaccata, dobbiamo tenere ben presenti. Sono stati uccisi per il profondo rispetto e legame con l’articolo 21 della Costituzione, che non è solo un diritto ma è anche un dovere, estremamente legati tra loro, indissolubile. Li dobbiamo ricordare perché è un lungo […]

Leggi tutto... 0

A cosa serve un giornale (Umberto Eco)

      (un testo di Umberto Eco apparso sull’Unità del 28 marzo 2001, ritornata in edicola, dopo otto mesi di chiusura, con la direzione di Furio Colombo)   Quando nasce un nuovo giornale (e meglio ancora se rinasce in modo nuovo uno antico) si desidererebbe sempre che questo giornale ci dicesse le cose che gli altri non dicono, o dicesse altrimenti quelle che dicono. Certo dare consigli è presuntuoso, e sarebbe più cortese limitarsi agli auguri di rito, ma […]

Leggi tutto... 0

MICROSTORIA DEI GIORNALISTI UCCISI DALLA MAFIA (Aaron Pettinari)

      Giancarlo Siani la Camorra e quell’inchiesta sulla politica La storia di Giancarlo Siani è un esempio indelebile per tutti quei precari che credono nel lavoro. Per cinque anni era stato un “abusivo”, senza contratto e senza diritti, corrispondente a Torre Annunziata per la redazione del Mattino. Poi, in un’estate, era arrivata l’assunzione per due mesi, con la promessa di essere definitivamente assunto in un secondo momento. Una sentenza passata in giudicato nel 2000 ha stabilito che ad […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook