15 luglio 1978 : scampagnata a Cinisi

  A mare. L’incontro è per mezzogiorno nella campagna di Vita, una ragazza del Collettivo Femminista. Ci sono tutti. Vito sta  arrostendo salsiccia, le ragazze apparecchiano la tavola. Nella radio scorre una cassetta di De Gregori. Ciccio: -“Umberto, oggi non vogliamo sentire parlare né di gabelloti né di borghesia mafiosa. I borghesi non sono mafiosi, sono porci”. Prende la chitarra e attacca a cantare “I borghesi” di Gaber . Umberto: -“Tu non hai  capito un cazzo. Io non ho detto […]

Leggi tutto... 0

Costituzione: e adesso cominciamo ad applicarla davvero (Riccardo Orioles)

   Riccardo Orioles Costituzione E ADESSO COMINCIAMO AD APPLICARLA DAVVERO   Dovremmo ringraziare Renzi per averci ricordato, a modo suo, che avevamo una Costituzione. Una Costituzione mai applicata del tutto, o solo in una parte del Paese, e alla fine completamente cancellata. Il giovane che adesso ha vent’anni non ha mai vissuto un giorno della sua vita sotto una Repubblica; né ha mai conosciuto una Costituzione. “L’iniziativa economica privata non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale…”. Infatti. Da un […]

Leggi tutto... 0

La lunga attesa di Felicia

(Testimonianza di Salvo Vitale) Ho conosciuto Felicia intorno al ’67, quando cominciai a frequentare la casa di Peppino e con lui ci scambiavamo qualche libro o qualche giornale. In quel tempo la ricordo come un’ombra silenziosa, la classica “vestale” del  focolare domestico: solo chi avesse guardato bene i suoi occhi avrebbe potuto intravedervi un dramma interiore di cui all’apparenza non c’era segno. Mi resi conto di questo anni dopo, quando mi disse, tra un singhiozzo e l’altro: “un martirio…quello che […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Michele Pantaleone, nell’anniversario della sua nascita

Il 30 novembre del 1911 nasceva, controvento, Michele Pantaleone, l’uomo che dicono essere stato disobbediente e “scorbutico” (così dicono, ma con chi?), che amò la sua terra a morsi e baci e difese chi ne ebbe la sua cura. Quei contadini che difese sino alle estreme conseguenze educandoli alla legge statale contro ogni forma di sopraffazione parassitaria mafiosa. Il ricordo attraverso il ritratto di Carlo Levi, esposto al museo di Matera     e con una foto mentre coccola i […]

Leggi tutto... 0

Cum panis”. Perché dovete chiamarmi compagno (M.Rigoni Stern)

Mario Rigoni Stern | 21 ottobre 2013 Cari Compagni, sì, Compagni, perché è un nome bello e antico che non dobbiamo lasciare in disuso; deriva dal latino “cum panis” che accomuna coloro che mangiano lo stesso pane. Coloro che lo fanno condividono anche l’esistenza con tutto quello che comporta: gioia, lavoro, lotta e anche sofferenze. È molto più bello Compagni che “Camerata” come si nominano coloro che frequentano stesso luogo per dormire, e anche di “Commilitone” che sono i compagni d’arme. Ecco, noi […]

Leggi tutto... 0

Danilo Dolci: La Sicilia sognata

DANILO DOLCI: LA SICILIA SOGNATA 10 giugno Messina / 11 giugno Trappeto (Pa) La Fondazione CON IL SUD è lieta di invitarla al primo dei cinque appuntamenti della manifestazione “Un futuro mai visto”, promossa in occasione del suo decimo compleanno e che ruota attorno a cinque figure significative per il suo percorso di missione: Franco Basaglia, Danilo Dolci, Lorenzo Milani, Renata Fonte, Adriano Olivetti. Il 10 giugno a Messina e l’11 giugno a Trappeto (Pa), ci sarà un doppio appuntamento dedicato a Danilo Dolci, sociologo, […]

Leggi tutto... 0

Addio a Pina Maisano Grassi. L’Espresso ripropone un’intervista del 2011 (Lirio Abbate)

INTERVISTA E’ scomparsa la vedova dell’imprenditore Libero, ucciso per essersi opposto al pizzo, di cui ha portato avanti la battaglia contro l’omertà. Riproniamo qui la nostra intervista realizzata nel 2011, venti anni dopo la morte del marito DI LIRIO ABBATE 08 giugno 2016 Addio Pina Maisano Grassi, simbolo della lotta alla mafia. Noi lasciati soli contro i boss Pina Grassi Pina Maisano Grassi è stata una donna forte e coraggiosa. Il suo grande esempio ha portato a cambiare faccia a […]

Leggi tutto... 0

I cento passi di Giordana

  Mi sono recato a Cinisi per la prima volta nell’inverno del 1999 insieme a Fabrizio Mosca, il produttore de I Cento passi, al tempo ancora in gestazione. Era stato lui a propormi la bella sceneggiatura di Claudio Fava e Monica Zapelli, insieme decidemmo di fare un primo sopralluogo per vedere i luoghi e soprattutto conoscere i famigliari e gli amici di Peppino Impastato. In cuor mio non avevo ancora deciso di fare il film, molti erano i dubbi che […]

Leggi tutto... 0

Testimonianze su Peppino Impastato: Vito Lo Duca

  Vito Lo Duca è stato  un bell’esempio di compagno, con una robusta  coscienza proletaria, acquistata dalla costante vicinanza con Peppino. E’ morto per  una grave malattia il 20 maggio 1997.  L’esperienza del lavoro politico con gli edili di Cinisi occupò  Peppino nel 1973 e venne condotta assieme alla FILLEA-CGIL di Cinisi. In quell’occasione Peppino ricevette alcune lettere con minacce di morte. Qualche anno dopo la morte di Peppino Vito si trasferì a Milano, con il preciso rifiuto di sottoporsi […]

Leggi tutto... 0

Gli allegri passeggiatori sul cadavere di Pino

Giulio Cavalli che stasera sta presentando a Cinisi un suo spettacolo, come omaggio a Peppino Impastato, ha scritto due giorni fa questo editoriale, pubblicato su “I Siciliani giovani”, il cui senso, anche dopo la conferenza stampa di Maniaci, non cambia molto.   Giulio Cavalli – 06/05/2016 Se siete rimasti sconvolti dal linguaggio di Pino Maniaci, dal suo essere scurrile, sborone, incazzoso, sboccato come un cane sempre arrabbiato e con il fanculo sulla punta della lingua allora, semplicemente, non conoscete Pino. E per […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook