Dopo 43 anni qualcuno ha parlato: Peppino Impastato era un bombarolo!  

237 bis peppino particolare_02

 

UNA LETTERA

Ti scrivo per raccontarti e magari sentire i tuoi commenti su una cosa capitatami a luglio mentre ero in vacanza a Cinisi;  “Una sera parlando con amici di sempre uno di loro (nessuno di famiglia ‘ntisa o di strascinaquacina che ancora in parte popolano il paesino), non so come parlando di Peppino disse qualcosa del tipo ´la polvere che ha fatto saltare in aria Peppino era la sua´. L’ho fermato chiedendo spiegazioni, perché sedici anni fa avevo già sentito qualcosa del genere e non pensavo di dover sentire i di nuovo stronzate del genere.  L’amico allora (di cui non ti faccio il nome adesso per vergogna -di me per lui- e che sicuramente conosci) mi dice che è’ conosciuta da tutti in paese la passione di Peppino per gli esplosivi, e in particolare la sua abilità’ nel pescare  con la dinamite. Avevo un’altra volta sentito che addirittura fosse stato lui a far saltare in aria per gioco con della dinamite la parete che adesso si vede crollata della torre Mulinazzo. Insomma la teoria sua e di qualche altro era che non era del tutto impossibile che Peppino si fosse fatto saltare in aria da solo, anzi.   A parte lo stupore e la rabbia del momento, a con la distanza e col tempo mi sono ritrovato a pensare tante volte a quell’episodio. Papa’ mi ha sempre detto che sentita la notizia di Peppino, nessuno a Cinisi poteva aver dubbi su chi avesse ordinato quell’omicidio. Evidentemente non e’ cosi’. Ancora dopo 40 anni di sentenze e verità’ giudiziarie, film, documentari e manifestazioni, c’e’ ancora a Cinisi qualcuno che non ha occhi per vedere. E mi chiedo il motivo della avversione di una parte (onestamente devo dire piccola) della gente in paese per la figura di Peppino. Anticomunismo? Simpatia per una fantastica -nel senso prodotto di fantasia- ‘vecchia’ mafia?

 

RISPOSTA

 

Caro amico,

nessuno stupore per quello che ti è capitato di sentire. A Cinisi circolano ancora di queste notizie. Gente che non ha mai visto né conosciuto Peppino pretende di sapere tutto su di lui e tutto vuol dire che era sporco, che era un fannullone, un bestemmiatore, un pervertito, un attaccabrighe, un malacarne, oltre che un comunista terrorista: insomma, come tu sai all’immaginazione non ci sono limiti. La scena che ti racconto è accaduta sotto i miei occhi: era appena arrivato un autobus pieno di studenti in visita a Casa Memoria e due ragazzotti, su un motore si erano fermati guardandoli scendere. Uno dei due disse all’altro: “Ma guarda un po’! Ci u dicissi io cu era Pippino Mpastato”. La professoressa che accompagnava gli studenti, avendo sentito tutto disse ai due stronzetti: “Aspettate un minuto, visto che siete informati, raccontate voi ai ragazzi chi era Peppino”. I due, colti in fallo si allontanarono in fuga col motore. Ancora oggi, persino nelle scuole superiori frequentate da ragazzi di Cinisi senti dire a loro assurdità di questo genere, sicuramente riferite dai genitori. Inutile dirti che se c’è qualcuno che ha conosciuto Peppino questi sono stati i suoi compagni, tra i quali mi onoro di essere: quelli veri, non tutti quelli che dicono di esserlo stati. Gli altri sono il prodotto marcio di una “borghesia mafiosa”, quella che aveva accettato senza porsi alcun dubbio, la teoria che Peppino era morto andando a mettere la sua bomba suoi binari per fare saltare il treno. Il piano prevedeva infatti che non solo si uccidesse il leader più aggressivo di un gruppo, ma che se ne distruggesse la memoria e che si cancellassero i componenti dell’intero gruppo ai quali non avrebbe più potuto togliersi l’etichetta di essere compagni di un terrorista e quindi anch’essi terroristi. Sicuramente il piano non sarà stato partorito da Gaetano Badalamenti, che era troppo rozzo per usare gli strumenti della strategia politica del momento. E tuttavia Badalamenti era la persona più autorevole di Cinisi, l’autentico padrone della vita e della morte non solo dei suoi paesani, ma di tutti gli abitanti delle province di Trapani e Palermo: era il capo della Cupola e tale fu dal 1970 al 1978, anno in cui fu posato, probabilmente anche per non aver saputo gestire bene la vicenda di Peppino. Siamo stati capaci di saper reagire a questa infamia, di metterci a fare le indagini al posto dei carabinieri e del magistrato e di fornire gli elementi per l’avvio di un processo durato 22 anni. Alla fine, soprattutto grazie a Felicia, la mamma dii Peppino, ce l’abbiamo fatta. Tuttavia a Cinisi c’è ancora chi stenta a dare cittadinanza a Peppino, che se ne sta in fondo al corso Umberto, “un nuddu mmiscatu cu nienti”, mentre riconosce come autentica e massima espressione Gaetano Badalamenti, che dall’alto del palazzo dei Benedettini, domina il paese e riesce a spingere lo sguardo persino nel nord e nel sud America. Il giudizio naturalmente non è esteso a tutto il paese. L’imbecille che ha tirato fuori questa notizia non sa nemmeno che all’età di cinque anni, quando Peppino era appena nato, io che abitavo al Molinazzo ricordo che quel buco nella torre esisteva già: forse Peppino era più forte di Ercole che strozzò nella culla due serpenti mandatigli da Giunone per ucciderlo. O forse, chissà, potrebbe essere responsabile delle bombe di Piazza Fontana, di quelle di Piazza della Loggia e, perchè no, di quella che uccise Umberto I! Qualche altro cretino che si spaccia per acuto investigatore, è ancora convinto che egli c’entra qualcosa persino con i due poveri carabinieri uccisi nel 76 alla casermetta di Alcamo Marina. E qualcuno ama ancora aggrapparsi alla prima indicazione di quel lontano 9 maggio 1978, che aveva messo tutti d’accordo: Peppino era un bombarolo, come quello della canzone di Fabrizio De Andrè, che tanto gli piaceva. Il trentenne era lui, le idee quasi niente sbagliate erano quelle della critica alle perversioni della società borghese, il posto era quel lontano e desolato binario:

 

“Intellettuali d’oggi

Idioti di domani

Ridatemi il cervello

Che basta alle mie mani

Profeti molto acrobati

Della rivoluzione

Oggi farò da me

Senza lezione

 

Così pensava forte

Un trentenne disperato

Se non del tutto giusto

Quasi niente sbagliato

Cercando il luogo idoneo

Adatto al suo tritolo

Insomma il posto degno

D’un bombarolo”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Facebook