Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

“Inventare il futuro” : un progetto e un’occasione perduta per lo sviluppo della valle Jato

2

      Ho trovato tra i miei vecchi cd e pubblico per intero un progetto datato 30 settembre  1998, scritto dal prof. Giuseppe Casarrubea . ma elaborato da un’ èquipe composta, oltre che dallo stesso  Casarrubea, Fedele Di Marco, Amico Dolci, Giuseppe Fiore, Vito La Fata, Daniele La Rocca, Maria Giovanna Mulè, Giovanni Provenzano, Gioacchino Scasso.Il titolo è “INVENTARE IL FUTURO” , si tratta di un “progetto per un concorso di ide” per la creazione di un “Parco letterario […]

Leggi tutto... 0

Intervista a Salvo Vitale

Coolpix Dina Ottobre 2011 083

    Quest’intervista è stata rilasciata  circa un anno fa al giornale on line “Il carrettino delle idee”, ma è come se fosse stata rilasciata oggi. MI verrebbe da dire, con Quasimodo “Ancora un anno è bruciato – senza un sorriso – levatosi a vincere d’improvviso il giorno”.   1D: L’emergenza Covid sta esasperando delle situazioni sociali già difficili, soprattutto   al   sud.   Tutte   le   cassandre   di   regime   annunciano   un   autunno caldissimo. Tu come la vedi? Non mi esprimo sul virus, […]

Leggi tutto... 0

Processo a Pino Maniaci: le accuse, il processo, la sentenza

pino bavaglio 5

  Dopo cinque anni la sentenza contro Pino Maniaci: assolto per le estorsioni, condannato a un anno e cinque mesi per le diffamazioni.   Sono passati quasi cinque anni da quando, alle tre di notte del 4 maggio 2016, due capitani dei carabinieri bussano alla sede di telejato per notificare a Pino Maniaci un decreto di  divieto di soggiorno nelle province di Palermo e Trapani. Maniaci è il direttore e proprietario di Telejato, una piccola emittente che trasmette da Partinico, […]

Leggi tutto... 0

Buona Pasqua, compagni (Diana Gasperoni)

Compagno

Pubblico volentieri questo saluto di Diana Gasperoni, che, nella sua parte iniziale ribadisce quello che scrivo nella prima pagina di questo sito e che ne motiva la sua nascita e la sua esistenza: “La parola Compagni deriva dal latino “cum panis” cioè “partecipe dello stesso pane”, che accomuna coloro che dividono lo stesso pane. È una parola antica e importante, che racchiude in sé il significato più profondo dell’umanità e ciò che di essa spaventa di più: la generosità, l’altruismo, […]

Leggi tutto... 0

Il cardinale Alberoni, un leccaculo all’Italiana (S.V.)

1346079449175.jpg--_evviva_i_leccaculo__per_i_giudici_sono_loroi_politici_pi__intelligenti

“In ogni ente c’è un leccaculo. Campano i leccaculo e vivono bene”, Scriveva il grande poeta russo Majakovskij. Uno dei tanti libri di Travaglio è “Slurp”, scritto nel 2015, con il sottotitolo di “lecchini, cortigiani e penne alla bava al servizio dei potenti che ci hanno rovinati”. Quindi un libro dedicato all’atavica malattia del giornalismo italiano, di mettersi al servizio dei potenti,  di decantarne le glorie, di promuoverne la beatificazione. Nulla di nuovo rispetto a quanto  non abbiamo visto nella […]

Leggi tutto... 0

Addio a Vaime, un grande….(Salvo Vitale)

images (1)

Se n’è andato Enrico Vaime (Perugia, 19 gennaio 1936 – Roma, 28 marzo 2021) uno dei più grandi autori e conduttori televisivi e radiofonici, un autentico genio della comunicazione, spesso censurato o messo nell’angolo dalla RAI per la sua schiettezza e per il suo anticonformismo e per i suoi orientamenti politici. Autore di testi da cabaret,  di varietà, di satira, ma anche attento lettore dell’evoluzione della società italiana degli ultimi cinquant’anni.  Vaime è famoso anche per i suoi aforismi e […]

Leggi tutto... 0

51 anni fa nasceva a Partinico la prima radio libera

RADIO-DEI-POVERI-CRISTI-1

S.O.S…S.O.S……..qui si sta morendo   Sono le 19,30 del 27 marzo 1970.  Da Partinico, un grosso centro agricolo a 30 km da Palermo, dalla sede di Palazzo Scalia, nei locali del “Centro studi e iniziative”, parte un segnale radiofonico sulla lunghezza d’onda dei 20,10 megacicli ad onde corte e sui 98,10 megahertz a modulazione di frequenza. Si tratta di un disperato S.O.S. proveniente dalle popolazioni di alcuni paesi della Sicilia Occidentale distrutti, due anni prima (15 gennaio1968), da un devastante […]

Leggi tutto... 0

Nascita, vita e morte di un Consorzio per l’ambiente nel racconto di Toti Costanzo (Salvo Vitale)

Toti costanzo pasqua 18.19.29

    Tra le cose scritte da Toti Costanzo c’è un opuscolo del settembre 1997 e  distribuito ai consiglieri comunali di Partinico, dal titolo: “Dalla lotta agli inquinatori al Consorzio per il disinquinamento e riequilibrio dell’area del Partinicese.”  Si tratta di un pamphlet nel quale è raccontata la vicenda di un organo nato come consorzio  tra la fine del 1984 e il 1985 per iniziativa della Provincia di Palermo e dei Consigli Comunali di Partinico, Borgetto, Giardinello, Montelepre, Trappeto, Terrasini, […]

Leggi tutto... 0

Per le vittime di mafia ( e per tutte le altre vittime)

IMG_20210321_0003

Ad oggi sono morte per mano mafiosa 1002 persone. Il primo omicidio di mafia riconosciuto in quanto tale in Italia è stato quello di Giuseppe Montalbano, medico e patriota che aveva partecipato anche all’impresa dei Mille con Garibaldi, ucciso il 3 marzo 1861 a Santa Margherita di Belice, in provincia di Agrigento. L’ultima vittima invece è Francesco Vangeli, giovane di 26 anni calabrese ucciso dalla ‘ndrangheta il 9 ottobre 2018. Di queste 1002, 96 sono donne e 112 sono minori (di […]

Leggi tutto... 0

Di chi è la mia vita? (Salvo Vitale)

trasferimento

  Suicidio, eutanasia e altro tra teocrazia e laicità  Il parlamento spagnolo ha approvato, con molte restrizioni, la scelta dell’eutanasia. In Italia, malgrado gli inviti della Corte Costituzionale, per una  legge che non si presti ad equivoci o a deleghe, il problema è continuamente rinviato, onde evitare levate di scudi da parte dei settori più retrivi del  mondo cattolico.I tempi delle leggi sul divorzio e sull’aborto sono lontani e nello schieramento politico italiano nessuno vuol correre il rischio di lacerazioni […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook