Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

I “melones” non maturi (S.V.)

WhatsApp Image 2022-10-02 at 11.32.08

Dall’affondamento del Conte due al trionfo dei ”melones” Salvo Vitale 01 Ottobre 2022 I fratelli, sorelle, figli, cugini, cognati, suoceri, generi, nuore, nonni, nipoti, zii,compari, padrini, figliocci d’Italia non sono certo la maggioranza del paese, neanche con i leghisti e i forzisti: messi assieme non vanno molto lontani dai numeri offerti dagli altri partiti che non si definiscono di centrodestra, ai quali vanno aggiunti anche gli astensionisti, che rappresentano circa il 50% degli elettori. E tuttavia, grazie a una legge […]

Leggi tutto... 0

RIFLESSIONI SULLA NONVIOLENZA (Giuseppe Barone)

Danilo 20 -1992

                      Questo articolo di Giuseppe Barone sulla non violenza, pubblicato sul sito del Centro per lo sviluppo creativo “Danilo Dolci” di Palermo il 21 giugno 2012 pone una serie di riflessioni sul senso della non violenza, sull’impegno costante che sostituisce con metodi di lotta inventati o generati dalle situazioni critiche sulle quali si vuole intervenire. A distanza di dieci anni la sua attualità è evidente in un momento in cui […]

Leggi tutto... 0

ORWELL E HUXLEY, distopie a confronto (S.Vitale)

9788804663072

  Il blog di Beppe Grillo ha recentemente ripreso un tema affrontato  nel libro “Divertirsi da morire” di Neil : si tratta di individuare due posizioni sulla società del futuro e sulla ipotizzata fine della libertà. La  prima ipotesi è quella di un futuro di tremenda chiusura di ogni spazio democratico, sul tipo della dittatura staliniana, intravisto da Orwell:  “1984”  ha segnato un momento fondamentale nell’individuazione di un mondo governato dal Grande Fratello con tutta una serie di regole, strategie, tecniche […]

Leggi tutto... 0

Orfeo e Euridice: per una rilettura del mito (Salvo Vitale)

201 Stanhope-Orpheus-and-Eurydice

  Orfeo: Qualcuno lo dice figlio di Eagro, re della Tracia, qualche altro di Apollo: nessun dubbio sulla madre Calliope, “dalla bella voce” musa della poesia epica,  ed essendo le muse una sorta di harem di Apollo, ci sono pochi dubbi che il dio della musica, raffigurato con la lira in mano, possa essere stato padre di Orfeo. E Apollo gli insegnò a suonare la lira, alla quale Orfeo aggiunse altre due corde, per sviluppare armonie più inebrianti e più […]

Leggi tutto... 0

Parlarsi e non spararsi: riflessioni sulle ipocrisie dell’Occidente (Carlo Rovelli)

Revelli prof

  Il professor Carlo Rovelli, saggista, fisico, docente universitario in Francia presso l’ateneo di Aix-Marseille, è considerato da Foreign Policy uno dei cento pensatori più influenti del pianeta. Dall’inizio del conflitto in Ucraina ha fatto più volte sentire la sua voce puntando l’indice contro l’ipocrisia di chi dice di volere la pace facendo la guerra. Come le parole che conclusero il suo intervento ospite nella trasmissione di Gramellini su Rai 3, verso coloro che dicono ‘fermi, buttiamo acqua e non […]

Leggi tutto... 0

Carlo Alberto Dalla Chiesa quarant’anni dopo

IMG_20190902_0002

  «”Ci sono cose che non si fanno per coraggio. Si fanno per potere continuare a guardare serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli. C’è troppa gente onesta, tanta gente qualunque, che ha fiducia in me. Non posso deluderla. » (Carlo Alberto Dalla Chiesa in  ‘Delitto imperfetto’ di Nando dalla Chiesa, 1984) La vita Intrapresa la carriera militare, dopo l’armistizio  dell’8 settembre 1943 entrò nella Resistenza, operando in clandestinità nelle Marche, dove organizzò i gruppi […]

Leggi tutto... 0

L’OBSOLESCENZA DELL’UOMO (Gunther Anders)

12115584_1708284276072241_7248390236302656372_n

“” “Per soffocare in anticipo qualsiasi rivolta, non bisogna usare la violenza. Metodi come quelli usati da Hitler sono superati. Basta sviluppare un condizionamento collettivo così potente che l’idea stessa di rivolta non passerà nemmeno per la mente della gente. Idealmente, gli individui dovrebbero essere condizionati limitando le loro capacità biologiche innate fin dalla nascita. Poi, si continuerebbe il processo di condizionamento riducendo drasticamente l’istruzione per riportarla ad una forma di integrazione nel mondo del lavoro. Un individuo non istruito […]

Leggi tutto... 0

Proverbi siciliani sulla donna

WhatsApp Image 2022-08-30 at 10.15.03

La concezione e il ruolo della donna nella cultura mafiosa    Proverbi sulla donna   bellezza – Cu bedda voli pariri milli peni havi a suffriri – Cu nasci bedda nasci maritata – A fimmina ch’è schetta va pulita s’alliscia e pettina cu a matinata, ma quannu poi pi sorti si marita diventa nna ciuccazza mpasturata -Fimmina ca si mpupa e fa tu letta o è nnamurata o è caiorda netta -Pigghiala bedda e pigghiala pi nenti  nca di la […]

Leggi tutto... 0

Per chi votare (Riccardo Orioles)

Orioles e salvo

Fra poco si vota, non solo in Italia ma anche in Sicilia (lo stato di cui l’Italia fa parte) e questa è una cosa davvero strana: un sacco di gente si presenta per diventare presidente (o governatore, come in Texas o in Lombardia) della regione siciliana. E che c’è di strano? Il fatto è che il poveraccio ha avuto appena il tempo di presiedere un po’ che arrivano le guardie e se lo portano via. In Sicilia esiste infatti la […]

Leggi tutto... 0

Il parere di un generale italiano sulla guerra ucraina

WhatsApp Image 2022-08-23 at 08.16.17

Non è facile che un generale si esponga a tal punto e dica senza mezzi termini come la pensa, cosa che in Italia potrebbe mettere a rischio persino il suo ruolo. Riporto il suo parere con la precisazione, onde evitare le alzate di scudi dei seguaci delle verità ufficiali televisive, che l’aggressione russa è da condannare, come tutte le aggressioni militari a uno stato sovrano, ma da questo aspetto nessuno è innocente, a partire dagli Stati Uniti, falsi paladini della […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook