Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

L’associazione Libero Futuro alla sbarra: la mafia ringrazia

luglio 21 LA PREFETTURA HA CANCELLATO DALL’ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET, LIBERJATO MENTRE NON HA AMMESSO L’ASSOCIAZIONE ANTIRACKET LIBERO GRASSI BAGHERIA VALLE ELEUTERIO: LA PRIMA È STATA CANCELLATA, LA SECONDA NON AMMESSA NELL’ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET. LA DECISIONE DEL PREFETTO ANTONELLA DE MIRO. Tanto per dimostrare che l’antimafia dello stato lavora duro, che la mafia è ormai alle corde, che “pentirsi” e decidere di cambiare vita non serve e non è il caso di farlo, che la collaborazione con lo Stato […]

Leggi tutto... 0

Minacce a “I Siciliani giovani” nel giorno di Borsellino

Una busta contenente una copia dei Siciliani giovani e minacce di morte è stata recapitata nel pomeriggio del 19 luglio alla sede del giornale a Catania. Le minacce erano specificamente destinate al responsabile della redazione catanese, Giovanni Caruso, che pochi giorni prima, presentando il giornale, aveva annunciato l’acquisizione di beni confiscati alle famiglie mafiose catanesi. Sono in corso le indagini. Non si esclude la non casualità della data. Riccardo Orioles     

Leggi tutto... 0

La memoria offesa

Livatino, Falcone, Peppino: Vile, tu uccidi un uomo morto  Il  condottiero  fiorentino Francesco Ferrucci, durante la battaglia di Gavinana, in un ultimo disperato tentativo di rompere l’assedio, venne ferito gravemente, catturato e portato davanti allo stronzo di turno (esistevano anche nel 1530), Fabrizio Maramaldo, che diede ordine ai soldati di finirlo. Poiché i soldati si rifiutarono, egli, proditoriamente, gli conficcò la spada nel petto. Prima di morire Francesco Ferrucci ebbe il tempo di dirgli: “Vile, tu uccidi un uomo morto”. […]

Leggi tutto... 0

Corrado Lorefice: “La fuga dei giovani dalla Sicilia è la nuova peste”

Dura omelia del vescovo di Palermo Corrado Lorefice durante la funzione religiosa in onore della Santa patrona Rosalia.”Le pesti, le grandi, dilaganti emergenze siciliane del nostro tempo si presentano stasera davanti ai nostri occhi. La prima, la più importante credo, è il rischio diffuso della mancanza di futuro. Rischiamo di essere una Città e una Regione senza futuro, il futuro – ricordiamolo – di una storia gloriosa, perché la mancanza endemica di lavoro rischia non solo di gettare in una […]

Leggi tutto... 0

L’amore, la proprietà, le prostitute (Jacopo Fo)

La vera storia del mondo: L’Amore, La Proprieta’ e Le Prostitute Carissimi, anche questa settimana vi proponiamo un brano del libro di Jacopo Fo La vera storia del mondo. Questa volta parliamo de “L’amore, la proprietà e le prostitute”. E’ vero che la prostituta è il più antico mestiere del mondo? No, per niente. Buona lettura! L’Amore, La Proprieta’ e Le Prostitute Si dice che la prostituzione sia il mestiere più antico del mondo. È falso. La prostituzione nacque soltanto […]

Leggi tutto... 0

L’Italia brucia. Colpa è dei piromani?

di Salvo Vitale Ormai è diventato un luogo comune: sono i piromani a dare fuoco, le cause naturali e le responsabilità del degrado ambientale sono elementi secondari e trascurabili. Secondo qualche improbabile statistica i piromani sarebbero responsabili del 90% degli incendi.ani. E quindi caccia al piromane che, nella quasi totalità dei casi si risolve in un nulla di fatto, vallo a trovare, sia perché non c’è, sia perché, se ce n’è qualcuno, non è così scemo da farsi prendere. Qualche […]

Leggi tutto... 0

Via D’Amelio: Memoria di strada martedì 18 luglio 2017 ore 16.30- 19.30

    dedicato a Paolo, Agostino, Claudio, Emanuela, Vincenzo e Walter   Il Centro Studi si propone di scendere in “strada” per fare memoria operante attraverso il movimento delle idee, della storia e dell’impegno di singoli cittadini e di associazioni. In via d’Amelio ci ritroviamo in 8 postazioni diverse a riflettere su storie vissute.  Nei gazebo si alterneranno testimoni, scrittori, artisti che daranno testimonianza del loro vissuto e del loro impegno perché, come diceva Paolo Borsellino “… ognuno deve fare […]

Leggi tutto... 0

Il sistema Saguto

Il sistema “Saguto” Uno degli amministratori giudiziari incaricati da Silvana Saguto , di gestire uno dei  beni sequestrati alla mafia, ha detto ai magistrati nisseni che si stanno occupando dello scandalo scoppiato all’Ufficio Misure di prevenzione del tribunale di Palermo,  che “Silvana Saguto intratteneva rapporti esclusivi con le persone che le interessavano e agiva secondo un modulo a margherita, ossia senza vi fosse alcuna interferenza tra i rapporti che facevano capo a lei….i era al centro dei rapporti e da […]

Leggi tutto... 0

In edicola il nuovo numero de “I SICILIANI giovani” con un articolo di Salvo Vitale: Schegge d’informazione libera in Sicilia

     Schegge d’informazione libera in Sicilia La “Radio dei poveri cristi” Alle ore 19,30 del 27 marzo 1970, da Partinico, un grosso centro agricolo a 30 km da Palermo, nei locali del “Centro studi e iniziative”, partiva un segnale radiofonico sulla lunghezza d’onda dei 20,10 megacicli ad onde corte e sui 98,10 megahtz a modulazione di frequenza. Era un disperato S.O.S. proveniente dalle popolazioni di alcuni paesi della Sicilia Occidentale distrutti, due anni prima (15 gennaio1968), da un devastante […]

Leggi tutto... 0

Crisi e mafia nell’agricoltura siciliana

La Sicilia è una regione devastata da ogni punto di vista – soprattutto quello economico-sociale –, distrutta tanto dai proiettili di Riina quanto dalla corruzione della classe dirigente politica. Oggi, ci ritroviamo con una regione al collasso economico in molti dei suoi suoi settori chiave, soprattutto il comparto agricolo. L’agricoltura siciliana soffre di problemi cronici e strutturali, uno dei quali è sicuramente la limitata dimensione delle aziende agricole. Le aziende agricole siciliane dispongono in media di 6 ettari di terreno che, […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook