Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

RISPOSTA A UN CIALTRONE (Salvo Vitale)

Asino sulla barca

  Riprendo in breve quanto pubblicato sulla pagina facebook “Noi sosteniamo i testimoni di giustizia”, di qualche giorno fa, a proposito dell’arresto di Leonardo Badalamenti e della sua bravata  di rottura del catenaccio di un ex-suo casolare  che una sentenza della Corte d’appello gli aveva restituito. L’articolo, in perfetto stile tipico del  vigliacco, non è firmato.  E’ la seconda volta che, nel giro di un mese qualche persona di questo gruppo, che, secondo il costume dei vigliacchi non ha nemmeno […]

Leggi tutto... 0

RISPOSTA A UN CIALTRONE (Salvo Vitale)

    Riprendo in breve quanto pubblicato sulla pagina facebook “Noi sosteniamo i testimoni di giustizia”, di qualche giorno fa, a proposito dell’arresto di Leonardo Badalamenti e della sua bravata  di rottura del catenaccio di un ex-suo casolare  che una sentenza della Corte d’appello gli aveva restituito. L’articolo, in perfetto stile tipico del  vigliacco, non è firmato.  E’ la seconda volta che, nel giro di un mese qualche persona di questo gruppo, che, secondo il costume dei vigliacchi non ha […]

Leggi tutto... 0

Per Leonardo Badalamenti è finito il “passìo”: Arrestato

trasferimento

  E’ finito il libero “passìo” di Leonardo Badalamenti, il sessantenne figlio di don Tano, che, a quel che si dice, da circa due anni abitava tranquillamente a Castellammare del Golfo, nella casa di sua madre, Teresa Vitale, ormai novantenne. Ad aprirgli le porte del carcere è stata una denuncia da parte del Sindaco di Cinisi Giangiacomo Palazzolo,poiché, nei giorni scorsi, in virtù di una sentenza della Corte d’Assise, che gli restituiva un casolare confiscato a seguito di un errore […]

Leggi tutto... 0

‘A casa è mia e un ci cumanna mancu Ddiu (S.Vitale)

badalamenti-625

La Corte d’Assise ha deciso: il casolare confiscato a Gaetano Badalamenti va restituito al figlio Leonardo STAMPA Dettagli Pubblicato su Antimafia Duemila : 03 Agosto 2020 di Salvo Vitale La vicenda del casolare rivendicato dal Leonardo Badalamenti, figlio di Tano, uno degli ultimi padrini di Cosa nostra, condannato, fra l’altro come mandante dell’omicidio di Peppino Impastato, pone alcune domande e alcune considerazioni: 1) Non si tratta del casolare in cui è stato ucciso Peppino Impastato, ma di una stalla in contrada Uliveto, denominata anche […]

Leggi tutto... 0

La strage di Bologna: dopo quarant’anni  nessuna verità  

IMG_20200730_0005

  Si  trattò del  più grave atto terroristico avvenuto in Italia nel secondo dopoguerra.  Malgrado fosse subito evidente che il gesto era l’ultimo segnale in ordine di tempo della strategia neofascista della tensione che aveva segnato  gli anni ’70 e ’80 in Italia, dopo una serie di depistaggi, la sentenza finale del 1995 condannò Valerio Fioravanti e Francesca Mambro «come appartenenti alla banda armata che aveva  organizzato e realizzato l’attentato di Bologna» e per aver «fatto parte del gruppo che […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di un compagno: Mastro Alfonso

124 Peppino e Mastro Alfonso

Mastro Alfonso Poche le notizie in mio possesso su mastro Alfonso Palazzolo, vecchio compagno della sezione del PCI portata avanti da Stefano Venuti, dalla quale si distaccarono , intorno al 67-68 diversi compagni per riconoscersi nelle scelte più a sinistra prima  nel PSIUP e poi nella Lega dei Comunisti e nel PCD’I ml., assieme a Peppino Impastato. Soprattutto negli anni della “destalinizzazione” voluta da Krusciov rimase invece legato alla figura di Stalin, del quale, nel circolo Che Guevara, creato da […]

Leggi tutto... 0

Egoità individuale ed egoità sociale

images (1)

  Egoità Individuale C’è una linea di demarcazione dove finiscono, si chiudono gli orizzonti degli esseri umani. Sarebbe corretto chiamarla “visione della vita”, se non fosse che il richiamo all’originale tedesco Weltanschaung indica il “modo di vedere il mondo”, la propria interpretazione, e quindi un diverso significato rispetto al confine che chiude la personale prospettiva del mondo, il limite dove l’occhio si ferma e ne circoscrive la visione. I motivi sono in parte dovuti a proprie autolimitazioni, a connaturata incapacità […]

Leggi tutto... 0

GLI SCIACALLI PROVANO AD USARE PEPPINO DICHIARANDO CHE QUALCUNO ABBIA SOTTRATTO IL SUO CADAVERE  (Salvo Vitale)

Magistrato

    Il 5-7-2020  alle ore 18:15 sul sito “ Noi sosteniamo i Testimoni di Giustizia” è comparso questo articolo che ripropongo per intero, affinchè chi legga si possa rendere conto sino a che punto possono  arrivare la disinformazione, il fanatismo, l’infamia e lo sciacallaggio. “LA PARTITA TRUCCATA SULLE MISURE DI PREVENZIONE E LA SOTTRAZIONE DEL CADAVERE DI PEPPINO IMPASTATO Osservava Danilo Dolci che “l’informazione sui fatti essenziali è assolutamente insufficiente, frammentaria, e per i fatti prospettici, proveniente soprattutto dal […]

Leggi tutto... 0

Raddoppiate gratuitamente le aree date in concessione: scompaiono le spiagge libere.

184035831-7401b60e-c780-4b1f-aa5d-828f7a087ae5

   Qualcuno ha pensato, si è illuso   che il Corona virus potesse servire a restituire ai cittadini quelle porzioni di territorio che sono state troppo generosamente date in gestione e in concessione dallo stato , dalle sovrintendenze o dai comuni, ai privati. Si sperava, si sognava che non ci fossero più spiagge a pagamento, niente più strade interrotte dalle sedie e dai tavoli di un locale adiacente, niente angoli paradisiaci della nostra penisola riservati al diletto dei ricchi e preclusi […]

Leggi tutto... 0

Italgas: chiesto un compenso di 120 milioni per un anno di amministrazione giudiziaria. E minchia!!!!!

Sede_Italgas_Torino

STAMPA di Salvo Vitale La scandalosa notizia della richiesta di 120 milioni di compenso, per un anno di amministrazione giudiziaria dell’Italgas, avanzata da parte di quattro “esperti” nominati da a suo tempo dal collegio che decideva le misure di prevenzione, composto da Silvana Saguto e dai suoi collaboratori Fabio Licata e Lorenzo Chiaramonte, è l’ennesima conferma di quanto avrebbe bisogno di essere rivista la legge che dà in mano a un giudice il potere di sequestrare preventivamente, lasciando a successivi accertamenti, a carico del “preposto”, […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook