Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

”Svisature”, cento quasi poesie di Salvo Vitale –

vitale-salvo-610

STAMPA Salvo Vitale presenta mercoledì 19 febbraio alle 15.30, presso il Liceo Scientifico di Partinico, in Contrada Turrisi Soprana, il suo nuovo libro di poesie: “Svisature”, con il sottotitolo “Cento quasi poesie e una ballata per Falcone”. Il libro è stato pubblicato dalle Edizioni Billeci di Borgetto (PA) e comprende una postfazione di Caterina Brigati. Questa l’introduzione dell’autore: “Ho coltivato, sin dall’infanzia, la passione per la musica e per la poesia. Quando cominciai a suonare, mi accorsi che la rigida matematica delle note sul pentagramma, la loro lettura, la struttura del brano, erano dei limiti […]

Leggi tutto... 0

Nel nome di un santo che con l’amore non c’entra niente

images

  Prima di   parlare della festa dell’amore bisognerebbe specificare di quale amore si parla,se di amore filiale, se di amore materno e paterno, se di amore religioso, se di amore verso il prossimo, se di amicizia, se di amore sessuale, omo ed etero, se di tutti i tipi di amore.  Se ci riferiamo  al 14 febbraio, dovrebbe trattarsi della “festa degli innamorati”, anche se da più parti si sostiene che sia una banalità, per due innamorati, dedicare un giorno per […]

Leggi tutto... 0

INTELLETTUALI DI TUTTO IL MONDO UNITEVI (Massimo Cacciari)

cacciari_1209aeb2b677aa8d04d1f4d297912fe3

  Non ho vissuto l’età dei totalitarismi, l’età della morte del pensiero critico ma oggi più che mai posso considerare quanto sia pericoloso il sonno della ragione. Nell’età del ritorno dei Malvolio di montaliana memoria un semplice prendere le distanze non può bastare, non è piu possibile una “fuga immobile” anzi può rappresentare una scelta immorale, un disimpegno colpevole. Oggi non è più tempo di tacere, è tempo di prendere una posizione perché ogni esitazione potrebbe mettere a rischio le […]

Leggi tutto... 0

I tre giorni della merla

merla8_thumb2

Sono i giorni più freddi dell’anno. Ci sono versioni diverse su quali siano: secondo alcuni sono il 29, 30 e 31, secondo altri il 30 e 31 gennaio e il primo di febbraio.   Lo studioso lucchese Sebastiano Pauli, nel suo libro “Modi di dire toscani”, scritto  nel 1740 diede questa spiegazione: « “I giorni della Merla” in significazione di giorni freddissimi. L’origine del quel dettato dicon esser questo: dovendosi far passare oltre Po un Cannone di prima portata, nomato la […]

Leggi tutto... 0

Sulla manifestazione antifascista di Trappeto

83493747_10218981285157567_510086104372740096_n

  Ripropongo quanto detto nel mio intervento: “Ritengo che la manifestazione sia stata un momento importante per ricordare, non solo ai trappetesi, ma a tutta la Sicilia, che l’antifascismo è un momento centrale della nostra Costituzione Repubblicana. Un momento troppo spesso dimenticato, ignorato. Troppa tolleranza ha consentito a rigurgiti camerateschi di rialzare la testa, di organizzarsi,  di essere presenti in tutta l’Italia  con oscene e buffonesche esibizioni di saluti col braccio alzato e  slogan d’altri tempi. Per non parlare di […]

Leggi tutto... 0

A San Cataldo (CL) un ricordo di Peppino

Domenica 12 gennaio alle ore 18 presso Teatro D’essai La Condotta, in Corso Vittorio Emanuele 10, a San Cataldo (CL) si terrà un incontro-dibattito con Salvo Vitale e Faro Di Maggio, compagni di Peppino Impastato. Con gli ospiti sarà l’occasione e il momento per riaccendere i riflettori sul fenomeno mafioso. Vitale e Di Maggio paleranno di Peppino Impastato, ucciso da Cosa nostra il 9 maggio 1978, anche attraverso attraverso gli scritti pubblicati da Faro Di Maggio e avremo l’opportunità di vedere dei video inediti. Dopo il saluto del direttore del teatro, Michele Celeste, modereranno l’evento Claudia Cammarata e Armando Fonti. L’iniziativa è realizzata […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Faber

Fabrizio De Andrè

    Ventuno anni fa, (1999) è scomparso  Fabrizio De Andrè, uno dei più grandi, se non il più grande cantautore italiano. Nato nel 1940 a  Genova visse le sue prime esperienze musicali assieme a Luigi Tenco, a Gino Paoli e ad altri artisti della Genova degli anni 60: sin dalle sue prime incisioni cercò di sprovincializzare la musica italiana accostandosi al genere musicale di grandi autori come Jacques Brel, Leonard Cohen, Georges Brassens e Bob Dylan. E’ stato il […]

Leggi tutto... 0

Come uccisero Giuseppe Di Matteo

giuseppe-di-matteo-600x300

Nell’anniversario della barbara uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo pubblico quasta confessione del suo assassino Vincenzo Chiodo, uomo di fiducia di Brusca e Bagarella, tratta da Atti del processo del libro “Al posto sbagliato, Storie di bambini vittime di mafia” .- Vengono i brividi nel leggere sino a che punto può arrivare la crudeltà e l’efferatezza dei mafiosi.  “Io ho detto al bambino di mettersi in un angolo, cioè vicino al letto, quasi ai piedi del letto, con le braccia […]

Leggi tutto... 0

La legge del sospetto

download

  Il sospetto è definito come  l’opinione più o meno fondata che fa ritenere qualcuno responsabile di un’azione colpevole.  In genere, in rapporto ai vari regimi più o meno autoritari, l’applicazione delle norme del sospetto  risalgono ai tribunali speciali istituiti da Costantino nel IV secolo per punire gli eretici . In quel caso vigeva il sistema accusatorio, in cui era ancora possibile un dibattito tra le parti, mentre successivamente cominciò a diffondersi il sistema inquisitorio, codificato nel 1205 da Innocenzo […]

Leggi tutto... 0

Nascita (immaginata) del pool antimafia

Chinnici th

28 LUGLIO 1983: Magistrati   Immagino un’altra scena:  al Palazzo di Giustizia di Palermo, nella stanza del giudice Chinnici, che alza la cornetta: -“Giovanni, ci vediamo al solito posto” E poi, telefonando di nuovo:-“Paolo, tra un’ora ci vediamo dove sai tu” . Escono. Ognuno sale sulla macchina con la scorta e prendono direzioni diverse. Si ritrovano sulla parte più alta di Monte Pellegrino, dove c’è la statua di santa Rosalia. Sotto i loro occhi scorre il panorama, pieno di luce […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook