Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

La novena di Sant’Antonio al Mulinazzo

233 Cappilluzze X_mod

Sant’Antonio spesso è omologato con Sant’Antonino, ma si stratta di Santi diversi . Sant’Antonino Pierozzi, è noto anche come  Sant’Antonino da Firenze (Firenze, 1389 – Montughi, 2 maggio 1459) e la sua ricorrenza è quella del 10 maggio. Anche su Sant’Antonio ci sono due ricorrenze: la prima è quella di Sant’Antonio Abate, chiamato anche  sant’Antonio d’Egitto, sant’Antonio del Fuoco, sant’Antonio del Deserto, sant’Antonio l’Anacoreta , morto nel deserto della Tebaide, 17 gennaio 356), ,  eremita egiziano, considerato il fondatore del […]

Leggi tutto... 0

Difendiamo l’informazione locale: manifestazione a Roma il 10 giugno

246 Radio Aut

  Il 10 giugno 2021 avrà luogo a Roma una grande  manifestazione delle Radiotelevisioni Europee Associate (REA)  ovvero delle emittenti locali,  assieme al sindacato che le rappresenta,  LibersindConfsal . Il processo di restringimento del numero delle emittenti locali radiofoniche e televisive procede a ritmo serrato e le radio libere locali  che, al momento della loro nascita erano più di 5000 si sono ridotte a un migliaio, ma minacciano di scomparire, assorbite dalle grandi reti nazionali. La stessa cosa vale per […]

Leggi tutto... 0

Qualche parola sul caso Brusca (Alessio Pracanica)

brusca-falcone-borsellino-repubblica_it

Ripropongo questa riflessione del mio buon amico dott. Pracanica pubblicata su Antimafia Duemila del 05 Giugno 2021. Senza fronzoli, senza luoghi comuni, magari con il senso di repulsione che ci attenaglia, ma  con la precisa considerazione che se lo stato ha fatto qualche passo avanti nel torbido terreno mafioso,  è grazie a questa norma che oggi ha rimesso in libertà un criminale, ma che ha anche consentito di fermare altri criminali e bande di assassini e di tenerli sottochiave, non […]

Leggi tutto... 0

Confisca anomala dei beni di Calcedonio Di Giovanni

slide-home

Il 2.6.2021 l’ufficio Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, presieduto da Raffaele Malizia ha deciso la riconsegna di beni, stimati per un miliardo e 600 mila euro agli imprenditori Virga di Marineo. Due giorni dopo la corte d’Appello di Palermo ha confermato invece una sentenza già emessa dal tribunale di Trapani nel 2016 decidendo la confisca definitiva dei beni di Calcedonio Di Giovanni, per un ammontare di 100 milioni di euro. Chi è Calcedonio Di Giovanni è un costruttore ultraottantenne che abita a Monreale, […]

Leggi tutto... 0

Riprendiamoci la storia (Flora Bonaccorso)

98593899_256435922394313_8858577207157587968_n

Parte un nuovo progetto, “Gli Annali di Storia”,  per lo studio e per una interpretazione della storia libera dagli stereotipi che l’hanno sinora caratterizzata, con l’adesione forte di numerosi studiosi internazionali, tutti di prestigio globale, e con una redazione ben selezionata, a cura dello storico  Carlo Ruta, sulle vie di una ricerca disseminata. di Flora Bonaccorso «Riprendiamoci la storia» potrebbe essere la parola d’ordine di questo progetto d’eccellenza di studi storiografici che non nasce a Cambridge o a Princeton, bensì […]

Leggi tutto... 0

 Peppino non era solo cultura e politica (Piero Impastato)

74 con Piero

Una testimonianza di Piero Impastato, compagno, amico e cugino di Peppino Impastato, pubblicata nel mio recente libro  “Intorno a Peppino” (editore Di Girolamo Trapani). Piero è un ottimo chitarrista classico e vive a Cinisi.  (S.V.)                     Mi piace cominciare questi miei ricordi su Peppino citando la prima strofa della canzone di Francesco De Gregori “Cercando un altro Egitto”:   “Era mattino presto, e mi chiamano alla finestra mi dicono “Francesco ti vogliono […]

Leggi tutto... 0

GIUSEPPE LONGO , un grande poeta partinicese dimenticato

Longo.

  Nato a Partinico il 4.11.1881 e deceduto nel 1942. Poche persone, a Partinico, hanno sentito parlare di Giuseppe Longo, pochissime hanno letto qualcuno dei suoi versi. Eppure si tratta di un poeta apprezzato dai critici letterari suoi contemporanei e stimato al punto che il suo ritratto sta nella Galleria degli Uomini Illustri Siciliani. Difficile dare una spiegazione di tanto oblio: è probabile che, nei suoi confronti, sia stata operata una rimozione dovuta al fatto che si trattava di un […]

Leggi tutto... 0

22 maggio 1978 : un delitto tra amici (S.V.)

10 funerale_04

43 anni fa in una mia pagina di diario. Per una strana, ma non troppo, coincidenza, la stessa tesi del “delitto in famiglia” verrà riproposta con l’omicidio di Mauro Rostagno. E’ il colpo di genio più schifoso per distruggere non solo la vittima, ma anche tutti coloro che hanno creduto in lui o che hanno sostenuto le sue stesse idee. (S.V.)     Ormai è estate. Vado a bagnarmi i piedi a mare, ma non ho il coraggio di andare oltre. Mi […]

Leggi tutto... 0

Nei giorni del Maestrale

DSCN4759

(una mia rielaborazione in versi di un post di Daniele Billitteri su facebook del 19.5.2021)   NEI GIORNI DEL MAESTRALE   Giornata fresca, arriva il  vento di Maestrale che muove il mare e i cuori. Sarà una bella giornata, l’alta pressione è una trapunta leggera e protettiva. Nuvole poche e qualche velatura. Pensieri ventosi. Nei giorni del Maestrale l’aria si pulisce, la giornata è come una giovane sposa vestita di una tunica azzurra. Nei giorni del Maestrale, le rondini portano […]

Leggi tutto... 0

Contro la mafia leggiamo Sciascia (Antonio Ciniglio)

borsellino-sciascia

Ripropongo volentieri questo articolo di Antonio Ciniglio, , apparso due giorni fa su “Il Riformista”, che bene individua la sciasciana linea di demarcazione tra i cosiddetti “talebani dell’antimafia”  e coloro che sostengono che la mafia si batte utilizzando le norme dello “stato di diritto” (S.V.)   Quando scrisse Il giorno della civetta negli anni in cui in Sicilia, per tanti, la mafia non esisteva, lo accusarono di vilipendere l’immagine del Mezzogiorno. Poi i negazionisti di allora ascesero a una casta superiore, divenendo “professionisti […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook