Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

Sempre con noi: ricordo di alcuni compagni: Agostino Vitale

Agostino Vitale

    Dal libro di Salvo Vitale “Intorno a Peppino” – Editore Di Girolamo – 2020  Sapeva tutto di tutti quelli che stanno a Cinisi. Sapeva chi erano i mafiosi, a quali affari si dedicavano, dove abitavano, di chi erano parenti. Cominciò la sua attività politica nel PCI di Stefano Venuti. Diverse fotografie lo ritraggono con Peppino e con altri amici. Anch’egli maturò presto la sua scissione col partito. Fu tra i redattori de “L’idea” e un suo articolo sulla […]

Leggi tutto... 0

MUGGHERI E PASSAPORTU

AnamericangirlinItaly

  “Si poteva emigrare legalmente negli USA anche sposando un cittadino o una cittadina americani e negli anni sessanta arrivarono dall’America in paese, in visita ai propri parenti, figlie o nipoti di gente emigrata anni prima. Esse, pur non essendo affascinanti, anzi qualcuna proprio brutta, riuscivano a spuntare matrimoni con giovani aitanti e belli che accettavano di sposare la zoppa o la racchia, pur di realizzare il proprio sogno americano. Per quel che ne so nessuna di quelle  coppie ha […]

Leggi tutto... 0

I VALORI DELLA NONNA E LA MAFIA DI UNA VOLTA (Alessio Pracanica)

IMG_20190405_0002

  Non so se avete presente. Quei tempi in cui si mangiava carne con la porta aperta e si dormiva una volta alla settimana. O qualcosa del genere. Però i treni arrivavano in orario. Magari vi diranno che c’era la fame. Che i tassi di analfabetismo e mortalità infantile erano da paese del Terzo Mondo. Addirittura che non c’era libertà. Le solite mene degli intellettualoidi. Mia nonna ha sempre detto che si stava bene. Una pacchia. E se lo diceva […]

Leggi tutto... 0

INTORNO A PEPPINO: Si accettano osservazioni, si respingono provocazioni  

Copertina Intorno a P.

  Ho trovato su facebook questo post di Marcella Stagno che pubblico per intero, perché chi legga possa valutare senza lasciarsi orientare da pregiudizi o da falsi giudizi: “Mi chiedo quale possa essere la motivazione che spinge alla pubblicazione di un nuovo libro su Peppino Impastato che oltre a non aggiungere nulla ( è solo una serie di copia e incolla) come sottinteso filo conduttore ha solo lo scopo di eliminare quei compagni che con lui hanno combattuto e lottato, […]

Leggi tutto... 0

Peppino Impastato e i suoi compagni (Augusto Cavadi)

Copertina Intorno a P.

Rubrica di critica recensioni e anticipazioni by Augusto Cavadi Su Peppino Impastato si è scritto molto e si sono prodotti anche dei buoni film per il cinema e la televisione. A 42 anni dal suo assassinio per mano mafiosa era difficile aggiungere qualcosa di interessante: Salvo Vitale, suo compagno di militanza, c’è riuscito chiedendo un contributo di memoria ad altri protagonisti di quegli anni appassionanti e dolorosi. Infatti ha pubblicato in queste settimane “Intorno a Peppino. Tempo, idee, testimonianze su Peppino Impastato” (Di Girolamo, Trapani 2020, […]

Leggi tutto... 0

Mignotte

Frine

  Nella lingua italiana è curioso notare come alcune parole (e modi di dire), al maschile abbiano un significato, mentre se poste al femminile in taluni contesti ne assumano di completamente diversi, anzi hanno un solo significato. Nello specifico, il termine “mignotta”    si contraddistingue per la sua polivalenza di significati.  Alcuni esempi: Cortigiano: gentiluomo di corte – Cortigiana: mignotta Massaggiatore: chi per professione pratica massaggi, cinesiterapista- Massaggiatrice: mignotta Il cubista: artista seguace del cubismo – La cubista: mignotta Uomo disponibile: […]

Leggi tutto... 0

Gestione dei beni culturali in Sicilia.

tempio-concordia-3

  Durissima la critica del presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna nei confronti del disegno di legge, attualmente in discussione alla Commissione cultura, del quale è firmatario il suo presidente on. Sammartino, sulla gestione dei beni culturali in Sicilia: “È una proposta pericolosa e anticostituzionale. Speriamo che sia fermata subito. Si fanno fuori le Soprintendenze e si assegna ai comuni la pianificazione paesaggistica: un obbrobrio, con nessun fondamento giuridico. Altro che recepimento della Franceschini”. “Mentre ci si preoccupa sugli orientamenti […]

Leggi tutto... 0

La mafia uccide di maggio (Salvo Vitale)

LUOGO SULLA LINEA FERROVIARIA PALERMO-TRAPANI DOVE PEPPINO IMPASTATO VENNE FATTO ESPLODERE CON UNA CARICA DI TRITOLO DOPO ESSERE STATO MASSACRATO DAi MAFIOSI IN UN VICINO CASOLARE.

© MAFEBA/AGF

La mafia uccide di maggio La mafia, si sa, non uccide solo d’estate né solo a maggio, ma proprio il mese di maggio è quello che sembra  scatenare  gli istinti assassini e le pulsioni omicide di alcuni mascalzoni che credono di possedere il “divino” potere di disporre della vita degli altri e di usare il delitto come “pena di morte” per risolvere radicalmente problemi e ostacoli che si frappongono al raggiungimento di obiettivi di potere e di controllo degli ambienti in […]

Leggi tutto... 0

Fondo del fondo…..(poema a pezzi)

maxresdefault

1   Fondo del fondo, paglia e fango per i mattoni del despota, qualche lama nascosta, per agguati e piccole ferite, travature il cui grado di usura esclude il restauro.   Al suono di una triste musica attendo la morte, il mio sorriso per gli altri, l’acqua per te che non hai voglia d’acqua, forse d’amari elisir che non possiedo.   Per favore, un aggeggio, che non sia questo fallo conforme alla definizione, involtino umiliato, ma il fantasma di una […]

Leggi tutto... 0

24 maggio 1915: Il Piave mormorava

unnamed

Il Piave mormorava, calmo e placido al passaggio dei primi fanti il 24 maggio.   In questa data l’Italia, dopo essere stata due anni a guardare,  entrò in guerra contro i suoi alleati della “Triplice Alleanza”, cioè Austria e Germania, schierandosi con la Francia e L’Inghilterra. A Salandra, che aveva avviato le trattative, con il Patto di Londra promisero mari e monti. Scavalcando il parere del parlamento, dove la maggioranza giolittiana era contraria e lasciandosi convincere dalle sirene interventiste, l’Italia si […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook