U  spitali ( con una poesia di Gaspare Cucinella)

E’ vero che negli ultimi dieci anni, dal 2010 al 2019, sono stati sottratti alla Sanità pubblica 28 miliardi, come si legge nel quarto Rapporto della Fondazione Gimbe sulla Sostenibilità dell’Ssn, presentato oggi in Senato. E’ vero che la sanità pubblica sta cadendo a pezzi e che la tendenza ormai dichiarata è quella di dirottare i malati presso le strutture private a pagamento. Ma le condizioni in cui sono tenuti i pronto-soccorsi di tutti gli ospedali siciliani, non si riscontrano neanche nei paesi più sottosviluppati. File e attese  da 10 a 24 ore, malati e parenti che bivaccano nelle sale d’attesa, aspettando un turno che non arriva mai, gente in condizioni critiche, con arti spezzati e sanguinanti, bambini in condizioni disperate, pazienti  anziani e in fin di vita abbandonati in barelle nei corridoi e poi cure approssimative, in attesa di una sospirata relazione di dimissioni o di un sospirato ricovero quando ci sono posti.  Il tutto sulle spalle di un solo medico, di uno o due infermieri e di qualche agente di polizia privata, spesso costretto a fermare i pazienti inferociti. E quindi, se esiste un ministro della salute, se ha intenzione di interessarsi di quello che riguarda la salute degli italiani ( e non), se le promesse di cambiare l’Italia siano naufragate nell’incapacità di saper governare,  se i nostri medici debbano andare a cercar lavoro all’estero, se uno ha diritto a essere curato dignitosamente, se uno per aver diritto a una visita debba aspettare un anno, ecc. Dobbiamo aspettare che se ne occupi il pluriministro parolaio? Un posto particolare, in questa desolazione, merita il pronto soccorso dell’ospedale civico di Partinico, dove chi finisce in quel posto da incubo, quando riesce a uscirne si augura di non tornarci  “mai più”.sanita_-_ospedale._letto._paziente_imagefull

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sientu ancuora u scrusciu d’i passi

Ca mi puortanu o’ spitali.

U spitali…,

u spitali è bellu,

minchia ch’è bellu!!!

Ci sunnu tutti cuosi,

un ci manca nienti,

manca sulu a saluti

e poi ci su tutti i malatii d’u munnu,

tuttu u duluri d’u munnu,

tutta a verità d’u munnu.

Cu trasi buonu niesci malatu,

cu trasi malatu niesci muortu.

– “Dutturi,s’u ioca un tiernu a lottu?

Siddu nserta a me’ malatia

u fazzu ncucchiari cu me zia.”

U dutturi schiffaratu

mi talia cu l’uocchi ‘i latu:

– “Chi cazzu t’ai misu ntiesta?

Tuorna dumani ca oggi è fiesta.”

Vinni u tiempu d’i mali vistuti,

c’eranu sgummati, sciancati, ntussicati,

paria n’alligrizza.

Cu si futti a sasizza

e cu mori ‘i dibbulizza.

Gienti chi avianu vinutu aieri

arrivaru a pieri,

chiddi chi avianu vinutu c’u carriettu

circavanu u liettu,

cu si vulia curcari, ma chiè?,

cu vulia manciari

prima ‘i farisi opirari,

cu circava u rinali pi pisciari,

cu s’infilava u tirmometru nn’o culu,

cu si sbattia i cuorna o’ muru,

cu ittava vuci

picchì nn’a tiesta ci scacciavanu i nuci,

cu abbaragghiava picchì stu postu ‘un ci piacia,

finu a quannu ‘un vinni a zza Lucia,

a nfirmiera d’a settima cursia:

– “Ohè, ma chiè stu burdiellu?

Ognunu u so puostu av’a pigghiari.

Faciti silenzio.

Ora veni u zzu Crescenzio:

vi porta u manciari,

u miricinali,

vi fa stinnicchiari,

e senza chiacchiariari.

Dumani a diunu

vi prisintati tutti a unu a unu.

Intantu ricitivi u rusario,

arraccumannativi l’anima o’ Signuri.

Nun si po’ sapiri mai

na stu munnazzu di guai!!!”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Facebook