RICORDO DI UN AMICO: GUIDO ORLANDO

guido e giorgio 2010

 

guido e giorgio 2010

Sembra ieri e già sono passati nove anni dalla sua morte. Una storia, quella di Guido, che non si può staccare dalla sua inseparabile macchina fotografica, con la quale documentava i nostri momenti, la nostra vita, le nostre iniziative. Una storia che parte da  lontano, da quando, negli anni 70, esponeva in piazza, in alcuni tabelloni, con le foto della speculazione edilizia a Calarossa, incurante del fatto che, tra le persone sotto accusa, c’era anche suo padre. Quella della rottura familiare non è stata una caratteristica solo di Peppino Impastato, ma di gran parte della nostra generazione, che si è trovata a vivere valori diversi da quelli ereditati dai nostri padri.

Guido diede il suo contributo al Circolo OM, un’esperienza che cercò di avvicinare al teatro, soprattutto al teatro politico, i giovani di Terrasini, e poi fu uno di coloro che parteciparono alla nascita e alle attività di Radio Aut assieme a Peppino Impastato e ai suoi compagni. Appartengono a Guido le poche fotografie scattate a Peppino dentro la Radio e, in una di esse Guido e Peppino sono insieme, quasi  in un confronto tra le loro solitudini.

Da allora non ha mai smesso di  mettere il suo impegno al servizio del cambiamento della sua terra: negli anni ’90 partecipò  assieme a  suo fratello Ambrogio, al Gruppo Verde di Terrasini,  un’esperienza politica ambientalista che riuscì a mettere in crisi l’intero sistema di potere locale, sino a far  dimettere in blocco chi ne faceva parte.

Se fosse vissuto in un altro ambiente avrebbe avuto ben altre possibilità per mettere a frutto le sue grandi capacità di fotografo: alcune sue immagini che si possono trovare sul sito “Colori di Sicilia”, e non solo quelle su Terrasini, costituiscono una preziosa documentazione di angoli, gente, tradizioni, momenti di tutto quello che appartiene alla nostra gente e che spesso, con il tempo, rischia di perdersi nella memoria: Guido ha saputo salvare queste immagini.

E appartiene a Guido la creazione del sito www.peppinoimpastato.com, che per più di un decennio è stato il punto di riferimento, d’informazione, di contatto di tutto quello che  si organizzava o si pensava negli ambienti della sinistra alternativa, soprattutto nei confronti di tutti quei giovani che hanno visto in Peppino un esempio e un modello. Purtroppo alcuni incapaci sono stati capaci  solo di scippare il sito a chi lo aveva portato avanti e di farlo morire. Uno dice: ma come, essere compagni significa mandare avanti lo strumento  e l’eredità che ci ha lasciato un compagno. E invece…. E’ un’attività che Guido aveva  condotto con ostinazione, assieme a chi scrive, nel proposito di andare oltre le divisioni che ci hanno caratterizzato: “Io sto con chi lavora”, diceva sempre, rifiutando di schierarsi e partecipando alle iniziative in nome di Peppino, indipendentemente da dove provenissero. E’ questo che ancora oggi, nove anni dopo la sua morte, ci dà la misura della distanza che esiste tra lui e altri che sono stati suoi compagni.

Negli ultimi anni abbiamo portato avanti  un progetto di recupero della memoria di Peppino attraverso la sbobinatura, condotta puntigliosamente, e la pubblicazione delle trasmissioni di Radio Aut, di cui sono usciti due volumi e  altri piccoli libri  di documentazione fotografica, come “Tre anni con Peppino”.

E’ rimasto incompiuto il lavoro di sbobinatura delle ultime trasmissioni di Radio Aut, “La Stangata”.

Guido è stato anche,  il creatore e il direttore della collana “Fiori di campo”, dell’editore Ottavio Navarra, con cui sono state pubblicate le poesie di Peppino, un “Tributo a Felicia”  e un  prezioso documento sul progetto di creazione della Radio dei poveri Cristi di Danilo Dolci del 1970.

E’ stato fortunato chi ha conosciuto quest’uomo  di una sensibilità eccezionale, di una dolcezza incredibile, di una coerenza lineare e limpida, di una professionalità e di una tecnica che appartiene solo ai maestri dell’immagine.  Forse la vita non gli ha dato tutto lo spazio che egli meritava, ma chi gli è stato vicino conosce chi era e cosa valeva.

E’ pronto da alcuni anni, in attesa dell’OK della famiglia , un libro, da me curato , del quale posso inviare il file a chi me lo richiede, con le poesie di Guido, tra le quali ho scelto questa:

 

 

Vaghiamo ai confini del mondo

come bestie rare in uno zoo umano

un giorno pagheranno per vederci

il futuro è nelle loro mani

ma l’infinito è nelle nostre menti

loro preparano banche atomiche

in cui fare prelievi di radioattività

noi prepariamo coscienze colme d’amore

che però non riescono ad amare

Forse solo la solitudine

sarà la vincitrice del concorso per il futuro

tante anime sole in ogni punto del mondo

a guardare dentro se stesse

per trovarvi solo se stesso che ti guardi:

un bimbo può raccogliere un fiore!

L’unica soluzione

è che non esiste nessuna soluzione

in quanto non esiste nessun problema:

ma anche questo non può essere vero!

Di’ oggi quello che puoi negare domani

poiché tutto può essere affermato

così come tutto può essere negato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Facebook