Auguri, Peppino

204 Peppino 1977 2

Peppino a 72 anni. Magari  con rughe, spalle ricurve, voce arrochita dalle sigarette. Magari senza  addosso il colore nero con cui amava vestirsi. Magari a vivere da solo in qualche angolo di una qualunque città, o magari solo a Cinisi, nella sua casa. Magari a vivere “nei paesi caldi”, dove voleva andare finita la campagna elettorale,o magari a dirigere e organizzare quello che egli sognava di costruire in un suo terreno, un grande Centro Politico che potesse accoglòiere i rivoluzionari di tutto il mondo.  Magari a vivere insieme con qualche compagna o compagno d’altri tempi. Magari con uno, due, tre figli,   che magari sono andati via, per altre strade e per altre idee.  Magari senza i compagni di una volta, dai quali lo hanno separato troppe distanze, o magari ancora con qualcuno di loro, sopravvissuto agli ultimi quarantadue anni. Magari tra le sardine a cantare Bella Ciao,  o molto distante da esse, rilevandole l’inconsistenza ideologica e progettuale. Magari con gli ex di Rifondazione,o di LeU, o di Potere al Popolo, o del Partito Comunista  o del PCd’I di cui esiste ancora qualche traccia. O magari lontano anche da questi, deluso dalla loro litigiosità e gframmentarietà. Magari dentro qualche corteo di disoccupati e licenziati o in qualche  gruppo ecologista per il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente. Magari fuori da qualsiasi schieramento politico di estrema sinistra e dentro la fiaccola sempre accesa dell’anarchia che riverbera i suoi bagliori nel progetto del comunismo. Davvero non saprei  immaginare Peppino oggi senza il rischio di dovere sbagliare. Auguri, ragazzo. Per fortuna sei rimasto quello che eri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Facebook