Bilancio del 2017

Quest’anno c’è stato un buon raccolto. Grazie a diverse operazioni condotte dalle forze dell’ordine coordinate dai magistrati, sono finiti in carcere diversi PDM. Attenzione, secondo una recente sentenza, PDM si può dire della mafia in generale, ma non dei singoli mafiosi, perché costoro hanno diritto a vedere rispettata la loro dignità, ma siccome noi riteniamo che i mafiosi dignità non ne abbiano di nessun tipo, continueremo a chiamarli PDM, augurandoci che qualche magistrato scrupoloso non ci denunci, come spesso succede […]

Leggi tutto... 0

Dalla “Radio dei poveri cristi” a Radio Aut

Nel 20 anniversario della morte di Danilo Dolci  ripropongo questo articolo, pubblicato sul libro “Era di Passaggio” (Navarra editore),che mette a confronto l’uso dello strumento radiofonico  per Danilo Dolci e per Peppino Impastato e  la sua importanza come strumento di diffusione delle idee.                                                                            […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Danilo Dolci nel ventesimo della sua scomparsa

Danilo Dolci nasce il 28 giugno 1924 a Sesana, in provincia di Trieste. Nel 1952, dopo aver lavorato per due anni nella Nomadelfia di don Zeno Saltini, si trasferisce a Trappeto, a metà strada tra Palermo e Trapani. Il 14 ottobre dello stesso anno, dà inizio al primo dei suoi numerosi digiuni, sul letto di un bambino morto per  denutrizione. La protesta viene interrotta solo quando le autorità si impegnano pubblicamente a eseguire alcuni interventi urgenti, come la costruzione di […]

Leggi tutto... 0

C’E’ SINISTRA E SINISTRA (Salvatore Lo Leggio)

  Abbia pazienza, Renzi. Il reintegro del lavoratore licenziato senza giusta causa fu una battaglia per cui il movimento operaio e la sinistra avevano combattuto per decenni. Gino Giugni e il partito socialista di Nenni e De Martino lo ritenevano il fondamento dello Statuto dei diritti dei lavoratori, perché metteva fine all’abuso – diffusissimo – dei licenziamenti politici mascherati da disciplinari. L’Unità e il PCI (che poi si astenne nel voto finale sullo Statuto dei Lavoratori per le limitazioni assai […]

Leggi tutto... 0

La generazione svanita

La colpa è nostra o meglio della generazione dei nostri genitori, che ci stanno cannibalizzando. Sono stati gli ultimi ad avere un qualche rispetto delle regole e i primi a mettersele sotto i piedi. Tutto è cominciato con la maleducazione, “siamo in democrazia e fumo dove cazzo mi pare..”, “questo è un paese libero e butto la cicca della sigaretta dove voglio…” Siamo tutti cresciuti con il mito del “Che” , la maglietta rossa con la sua foto (per realizzarla […]

Leggi tutto... 0

Un giudizio sui  siciliani    (Giuseppe Fava)

  Voglio fare un discorso corretto e sereno sui siciliani, premettendo naturalmente che io sono perfettamente siciliano. Un discorso sulla stupidità dei siciliani. Noi affermiamo spesso di essere straordinariamente intelligenti, quanto meno di avere più fantasia e piacere di vivere, rispetto a qualsiasi altro popolo della terra. Non è vero! La storia è là a dimostrarlo. Da migliaia di anni siamo semplicemente terra di conquista, gli altri arrivano, saccheggiano, stuprano, costruiscono qualche monumento, ci insegnano qualcosa, e se ne vanno. […]

Leggi tutto... 0

Liturgia del regalo natalizio

Ormai è questione di ore ed è già Natale. Che non è più il compleanno del Cristo, l’anniversario della sua nascita, avvenuta 2017 anni fa, ma è la festa del regalo, la festa dell’albero che, con la scarsa vegetazione che c’è a Gerusalemme e a Betlemme ha ben poco a che fare, la festa di un pupazzo vestito di rosso che viaggia in slitta e porta i regali ai bambini buoni, ma anche ai grandi, anche se sono cattivi, e […]

Leggi tutto... 0

AUT, a Piacenza un nuovo spettacolo su Peppino Impastato

Leggi tutto... 0

Ricordando Felicia nel 13° della sua scomparsa

FELICIA BARTOLOTTA IMPASTATO 1916 – 2004 La madre di Peppino Impastato Felicia Impastato Felicia nasce in una famiglia della piccola borghesia provvista di qualche appezzamento di terra, coltivato ad agrumi e ulivi. Il padre è impiegato al Comune, la madre casalinga, come sarà anche Felicia. Si sposa, nel 1947, con Luigi Impastato, di una famiglia di piccoli allevatori legati alla mafia del paese. Il 5 gennaio 1948 nasce Giuseppe, detto Peppino; nel 1953 nasce il secondogenito Giovanni. Luigi Impastato, durante il […]

Leggi tutto... 0

Salvo Vitale denunciato dal procuratore Lo Voi, offeso dalla sua satira  

    Seconda udienza ieri a Caltanissetta nel processo che vede imputati Salvo Vitale e Riccardo Orioles, denunciati dal dottor Lo Voi, capo della Procura di Palermo, in merito a un articolo a firma di Salvo Vitale, trasmesso a Telejato il 21 giugno 2016 e pubblicato, nella stessa data, sul sito dell’emittente. L’articolo, dal titolo “Metti una sera a cena”, è una ricostruzione satirica di una ipotetica e immaginaria cena che si sarebbe svolta nella casa di tale Vania in […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook