Piera Aiello scrive, Giovanni Impastato risponde, l’antimafia si lacera  

  9 maggio 2019: prima al casolare in cui è stato ucciso Peppino, e poi durante il corteo, Giovani Impastato e Umberto Santino hanno  invitato ad allontanarsi, e in malo modo, una delegazione del Movimento Cinquestelle composta da Giarrusso, da Roberta Schillaci e da Piera Aiello. Quest’ultima ha scritto una lettera a Giovanni Impastato, dove si legge: «Pochi mesi fa quando siamo stati insieme a Rosarno per il premio nazionale “Valarioti Impastato”, mi hai invitato a ricordare tuo fratello, così […]

Leggi tutto... 0

11 MAGGIO 1978: parte la controinchiesta

  Consueta sosta mattutina alla spiaggia. Non so se andare a scuola o fermarmi qua. Come sempre, seduto appena lì dove il mare non arriva, c’è il solito uomo. Una faccia rugosa di vecchio marinaio, annerita dal sole e dagli anni, lunghi capelli biondi, bianchi in qualche parte, una immobilità quasi ieratica. Sembra un pirata d’altri tempi. Dopo tanti giorni in cui ci siamo guardati sott’occhi, facendo finta di essere indifferenti l’uno alla presenza dell’altro, decido di rompere il ghiaccio, […]

Leggi tutto... 0

10 MAGGIO 1978

    Come ogni mattina, mi reco alla spiaggia per dare un’occhiata al mare. Le onde si strusciano pigre e sonnolente sulla battigia. Cerco di leggere, in questo lento andirivieni, quello che può essere successo. Di certo l’altra sera, lasciandomi davanti casa, Peppino avrà fatto questa strada e si sarà fermato, come spesso faceva, qui. Lo vedo. Spegne il motore. Scende dalla macchina per sentire la sabbia sotto i piedi. In cielo svanisce l’ultima striscia di tramonto. Dentro il sonno […]

Leggi tutto... 0

9 MAGGIO 1978

 Il ricordo di quel terribile giorno nel racconto di chi l’ha vissuto       Le sette del mattino. Notte insonne alla ricerca di Peppino. Eravamo scesi dalla radio, eravamo saliti assieme sulla sua scassatissima 850, mi aveva lasciato poco giù, dove abitavo, “ciao, ci vediamo alle 9”, poi più nulla se non la scia di una macchina nera che aveva girato la traversa dopo Peppino.Torno a casa in mattinata e aspetto qualche notizia. Puntuale la notizia arriva. Suonano il campanello: […]

Leggi tutto... 0

9 MAGGIO  1979: Manifestazione nazionale contro la mafia

Il racconto di quella giornata, che ho vissuto intensamente e alla cui realizzazione ho dato il mio contributo.  La storia non si cancella, ma si scrive, e io sono uno di quelli che l’ha vissuta e l’ha scritta. Purtroppo, chi ha organizzato l’anniversario e il ricordo non ha ritenuto opportuno invitarmi a dare la mia “testimonianza. I motivi mi sfuggono.  9 MAGGIO 1979   Ci abbiamo lavorato sodo. L’idea è quella di ricordare il primo anniversario della morte di Peppino […]

Leggi tutto... 0

Peppino Impastato ce n’è uno solo

Leggo su Globalist l’ennesimo strano accostamento di Antonio Piccirello, il ragazzo di Napoli che ha preso pubblicamente le distanze dalla sua famiglia di camorristi, con la figura di Peppino Impastato. Già qualcosa del genere era stata detta a proposito di Domenico Cimarosa, il nipote di Matteo Messina denaro, che si è dissociato anche lui dal suo “pesante” parente. Nel fare certi paragoni andrei piano: pur apprezzando queste scelte coraggiose, è il caso di puntualizzare che Peppino Impastato, rispetto a loro […]

Leggi tutto... 0

72 anni senza verità. Su Portella della Ginestra, la prima strage di Stato (Pietro Orsatti)

di Pietro Orsatti Sono trascorsi 72 anni dalla strage di Portella Della Ginestra del primo maggio 1947. La prima strage di Stato. Ormai sono trascorsi più di tre anni mezzo da quando venne decretata dal Governo la fine del segreto su quelle carte, ma ancora oggi grana parte di quei documenti non sono fruibili e il resto vengono rilasciati senza alcuna indicizzazione e in formati che ne rendono quasi impossibile la consultazione e l’autenticità. La verità su quella strage è […]

Leggi tutto... 0

1° Maggio: non si può festeggiare il lavoro che non c’è.

La festa dei lavoratori dovrebbe essere la festa di chi lavora. I lavoratori in Italia non arrivano a 23 milioni, un terzo della popolazione attiva, tra i quali, negli ultimi anni continua a crescere il numero degli occupati con più di 35 anni e in particolare gli over 50.  Grazie allo 0,2 che è stato pescato in un settore dell’occupazione in crescita, ci vorrebbero far credere che la crisi è finita e che questo governo sta tirandocene fuori. Balle. Il […]

Leggi tutto... 0

30 aprile 1982 – Ricordando Pio La Torre e Rosario Di Salvo

  Oltre che un sindacalista fu  un attento politico comunista.  Era nato  il 24 dicembre 1927 nella frazione di Altarello di Baida del comune di Palermo da una famiglia di contadini molto povera: il  padre palermitano e la madre figlia di un pastore di Muro Lucano (PZ).] Giovanissimo, lottando con i braccianti nella Confederterra era finito in carcere. Nel 1952 era diventato  segretario provinciale della CGIL Palermo e qualche anno prima nel 1949 , frequentando il Partito Comunista aveva conosciuto […]

Leggi tutto... 0

Musica e’….

     Non ha avuto molto successo, se non per pochi irriducibili il tentativo di richiamare in vita il  33 giri in vinile. Altri tempi. Era grande quanto una pizza, con i testi stampati nella copertina interna,  così che tutti  potevano cantarli andando dietro alla voce del disco, impararli a memoria, o quantomeno apprezzarli, quando erano brani di autentica poesia. Ogni tanto usciva anche il singolo con le due facciate, quella con il brano di successo, l’altra con  un brano […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook