UNA QUESTIONE DI COLORE (Piero Riccobono)

Parecchi anni fa (insegnavo al liceo scientifico di Partinico), durante un ricevimento di genitori una gentile signora mi confidò di essere preoccupata perché suo figlio, da quando aveva scoperto con me la filosofia, aveva cominciato a mettere in dubbio la sua fede religiosa. Risposi alla signora che nessuna fede autentica può esistere se non fa i conti col dubbio, che la fede non è assenza del dubbio ma suo superamento e che quindi esige il dubbio come suo polo opposto […]

Leggi tutto... 0

Ancora sulle magliette rosse (Massimiliano Perna)

    Sinceramente con i post sui “radical chic” in maglietta rossa, citando alcuni personaggi controversi che l’hanno indossata, avete anche un po’ rotto le palle (evitiamo i francesismi, perché credo che capiate meglio solo certi linguaggi). Così come avete rotto dicendo che non servono a niente queste cose o che non arginano la deriva razzista di questo Paese. Così come avete rotto dicendo che non c’è spazio per tutti o che i migranti ce li dobbiamo portare a casa […]

Leggi tutto... 0

Magliette rosse: cattiveria e disinformazione scatenate sul web

    Sulla vicenda delle magliette rosse indossata da una commissione di esami di stato come momento di adesione alla giornata,  organizzata da don Ciotti il 7 luglio, “per fermare l’emorragia di umanità” che sta attraversando il mondo, si è scatenato il fini-mondo. Tutti quelli che col ditino sul cellulare sono pronti a schizzare veleno su chi osa avere qualche idea diversa dalla propria, hanno ritenuto di potere dire la propria con affermazioni offensive, ingiurie, minacce, idiozie al limite del […]

Leggi tutto... 0

Per qualche maglietta rossa…

di Salvo Vitale E’ bastata una maglietta rossa per scatenare il finimondo. Eserciti di lombrichi, di miserabili, di fanatici, di presuntuosi, di bugiardi, di deviati mentali, di fascistelli dell’ultima ora, di autentici mascalzoni si sono scatenati, usandolo strumento a loro disposizione, cioè facebook, per schizzare il loro veleno senza esclusione di colpi. E cominciamo con la rassegna delle “minchiate”, ci si perdoni il termine, tra le quali ci si può imbattere digitando là dove, non saprei se definirlo coraggioso o […]

Leggi tutto... 0

Partinico: incredibili transumanze per le elezioni comunali

DOPO LA BUFERA DELL’ULTIMO GIORNO, ORMAI L’AREA SI VA RASSERENANDO E PER GLI OTTO CANDIDATI A SINDACO DI PARTINICO SI APRE UFFICIALMENTE UNA CAMPAGNA ELETTORALE CHE PER ALCUNI DI ESSI ERA INIZIATA MOLTO PRIMA. Ora è tempo di cercare i voti casa per casa e di organizzare riunioni, sit-in con le categorie produttive, con la chiesa, con le associazioni e con tutti quelli che vogliono condividere nomi e programmi. Intanto già quasi tutti hanno fatto la rituale presentazione della lista, […]

Leggi tutto... 0

!° Maggio: niente da festeggiare

La festa dei lavoratori dovrebbe essere la festa di chi lavora. I lavoratori in Italia non arrivano a 23 milioni, tra i quali, negli ultimi anni continua a crescere il numero degli occupati con più di 35 anni e in particolare gli over 50. Il numero di persone occupate tra i 15 e i 34 anni di età è rimasto stabile a 5 milioni nel corso degli ultimi tre anni. Poco più di 5 milioni sono lavoratori autonomi (partite IVA, […]

Leggi tutto... 0

25 aprile 2018: RITORNO AL PASSATO

    Ad abolire il 25 aprile ci hanno provato in tutti i modi. Berlusca non partecipava alle parate, Fini ha istituito la giornata delle foibe, il 27 gennaio, pomposamente definita giornata della memoria, per ricordare i morti uccisi dai comunisti in Istria, Violante, sin dal 1996, ha sostenuto che i morti di destra e di sinistra sono tutti uguali e che bisognava dimenticare tutto per fare la riappacificazione, Pansa continua a scavare, con un astio personale, e con forti […]

Leggi tutto... 0

A Sant’Agata Militello (Me)  con gli studenti si parla di Peppino Impastato e di Rocco Chinnici

17.3.2018. Io e Faro Di Maggio, con il quale, dai tempi di Peppino condividiamo militanza e impegno nel testimoniare le nostre esperienze e il nostro rapporto con Peppino, continuiamo il nostro itinerario, che ormai dura da quarant’anni, in giro per l’Italia, per parlare di lui. Questa volta andiamo in un grosso centro in provincia di Messina, Sant’Agata Militello, dove  siamo stati invitati a partecipare a un’assemblea studentesca del Liceo Classico Sciascia. Da tempo sono stato  contattato da uno studente, Arturo […]

Leggi tutto... 0

Destra e sinistra sono morte? Vai a studiare la storia….

Le ideologie non finiscono e nemmeno le idee   di Salvo Vitale La fine del socialismo Filosofi e politici danno ormai come scontata la fine delle ideologie. Rispetto al consueto vizio di giudicare una parte per il tutto, questa volta si prende il tutto (le ideologie) per giudicarne una parte. La parte di cui si vorrebbe giudicare la morte è il socialismo, perché altre ideologie continuano a vivere senza che nessuno si sogna di decretarne la fine: prima fra tutte […]

Leggi tutto... 0

Come si uccide la possibilità di scherzare con i potenti

Pagina di diario di Salvo Vitale 5 marzo 2018. Arrivo a Caltanissetta con il mio avvocato Bartolo Parrino, puntuale per fissato inizio dell’udienza, prevista alle 10,30. Si inizia invece intorno a mezzogiorno con l’arringa del P.M. Sono accusato, assieme a Riccardo Orioles di avere scritto e pubblicato sul sito di Telejato in data 21 giugno 2016 un articolo dal titolo “Metti una sera a cena”, nel quale ho ricostruito una immaginaria cena di compleanno della Za Vania Saputo alla quale […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook