Ricordo di Adolfo Parmaliana (Fabio Strinati)

Docente universitario all’Università di Messina, segretario dei DS nel paese di Terme Vigliatore, Parmaliana fu in prima linea nella lotta contro la mafia: grazie alle sue denunce, il Consiglio Comunale di Terme Vigliatore fu sciolto per mafia. Adolfo Parmaliana, dopo essere stato rinviato a giudizio per diffamazione, si è tolto la vita il 2 ottobre 2008 gettandosi da un cavalcavia sulla Messina-Palermo, lasciando una lettera in cui denuncia le gravi responsabilità di politici e magistrati nel rallentare le indagini sulla mafia.   « La Magistratura barcellonese/messinese vorrebbe […]

Leggi tutto... 0

RICORDO DI PAOLO BONGIORNO, SINDACALISTA DI LUCCA SICULA UCCISO DALLA MAFIA IL 27.9.1960

    A colpi di lupara il 27 settembre del 1960 veniva ucciso a Lucca Sicula, in provincia di Agrigento, da sicari mafiosi, il trentottenne sindacalista e politico comunista Paolo Bongiorno. Bongiorno era segretario della camera del lavoro di Lucca Sicula, padre di cinque figli e venne assassinato alle 22.30 vicino alla sede della Camera del Lavoro dove con coraggio e costanza difendeva i diritti dei lavoratori, e quel giorno aveva presieduto una riunione della Commissione di collocamento e si […]

Leggi tutto... 0

Peppino e Mauro, vite parallele

   I depistaggi 26 anni per Mauro, 22 per Peppino: alla fine la sentenza è arrivata. Un tempo inumano per chi aspetta giustizia. Due depistaggi delle indagini attraverso tortuosi sentieri e fervide immaginazioni, per nascondere due delitti di mafia: per Peppino le assurde piste dell’attentato terroristico, magari con l’aiuto dei suoi compagni, tra i quali avrebbe potuto nascondersi anche un complice o  l’assassino, oppure un suicidio eclatante, per Mauro “l’omicidio in famiglia”, maturato all’interno della comunità Saman, l’immaginata tresca tra […]

Leggi tutto... 0

L’ingiustizia della giustizia. (Pietro Cavallotti)  

  Oggi sono moderatamente incazzato. Questa mattina mio zio mi ha detto che la sua casa è stata saccheggiata. Ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri ma ignoti hanno continuato l’opera di sciacallaggio. Umanamente, si può solo immaginare l’angoscia di un uomo ormai avanti con l’età che, dopo una vita sacrificata totalmente al lavoro e alla cura dei propri figli, piuttosto che godersi la vecchiaia con i nipotini, assiste impotente alla profanazione della sua abitazione, un bene diverso da tutti gli altri […]

Leggi tutto... 0

L’ingiustizia della giustizia. (Pietro Cavallotti)

  Oggi sono moderatamente incazzato. Questa mattina mio zio mi ha detto che la sua casa è stata saccheggiata. Ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri ma ignoti hanno continuato l’opera di sciacallaggio. Umanamente, si può solo immaginare l’angoscia di un uomo ormai avanti con l’età che, dopo una vita sacrificata totalmente al lavoro e alla cura dei propri figli, piuttosto che godersi la vecchiaia con i nipotini, assiste impotente alla profanazione della sua abitazione, un bene diverso da tutti gli altri […]

Leggi tutto... 0

Iniziative per Libero Grassi a Palermo, Addiopizzo: “Estorsioni? Ancora poche denunce”

“Le denunce di estorsione rimangono poche rispetto alle dimensioni del fenomeno”. Lo dice il comitato Addiopizzo in occasione del 27esimo anniversario dell’uccisione dell’imprenditore Libero Grassi il 29 agosto 1991. Addiopizzo e la famiglia dell’imprenditore assassinato da Cosa nostra promuovono una giornata d’iniziative, a Palermo, in suo ricordo e della moglie Pina Maisano. In occasione della giornata si svolgerà la seconda edizione della “Vela per l’inclusione sociale”. I ragazzi di piazza Magione usciranno in barca accompagnati da Addiopizzo e Lega Navale Italiana […]

Leggi tutto... 0

ROCCO CHINNICI : RITRATTO DI UN GIUDICE (Fernando Scarlata)

                                                                                                                       Il 29 luglio 1983 è un venerdì, e come tutte le mattine il giudice Rocco Chinnici si è alzato molto presto, […]

Leggi tutto... 0

Le 13 domande di Fiammetta Borsellino

Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato Paolo, ha scritto a Repubblica 13 domande sul depistaggio che avvenne dopo la strage di via D’Amelio. E sono interrogativi imprescindibili per fare luce su un pezzo d’Italia, oltre che sull’omicidio. Forse, prima dei festeggiamenti, sarebbe il caso di trovare le risposte. Eccole qui: Sono passati 26 anni dalla morte di mio padre, Paolo Borsellino, ucciso a Palermo insieme ai poliziotti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina. E, […]

Leggi tutto... 0

“LE TRATTATIVE”, il nuovo libro di Antonio Ingroia

Le Trattative Dal sistema criminale alla trattativa Stato-mafia Ventisei anni di attacchi ai pm e di ricerca della verità di Antonio Ingroia con Pietro Orsatti «Siamo all’alba di una presunta terza Repubblica. È chiaro che non si può costruire su fondamenta solide una nuova Repubblica che incarni davvero un processo di maturazione della nostra demo- crazia se non si fanno i conti col passato». Il racconto freddo e spietato, dettagliato, a volte doloroso della lunga serie di conflitti e attacchi […]

Leggi tutto... 0

La lotta contro la mafia non è di destra né di sinistra: è vero?

di Salvo Vitale A chi ripete che la lotta contro la mafia non ha colore politico è necessario, prima di dare una risposta, fare un invito alla riflessione, ove riflettere abbia ancora qualche importanza, e invitare a tentare di dare una risposta preliminare ad alcune domande: Prima domanda: come mai i 47 sindacalisti uccisi nel ‘46-47 erano tutti di sinistra? I più moderati, come Placido Rizzotto di Corleone, Epifanio Li Pumadi Petralia Soprana, Calogero Cangialosidi Camporeale, e molti altri, appartenevano al Partito Socialista, che […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook