MICROSTORIA DEI GIORNALISTI UCCISI DALLA MAFIA (Aaron Pettinari)

      Giancarlo Siani la Camorra e quell’inchiesta sulla politica La storia di Giancarlo Siani è un esempio indelebile per tutti quei precari che credono nel lavoro. Per cinque anni era stato un “abusivo”, senza contratto e senza diritti, corrispondente a Torre Annunziata per la redazione del Mattino. Poi, in un’estate, era arrivata l’assunzione per due mesi, con la promessa di essere definitivamente assunto in un secondo momento. Una sentenza passata in giudicato nel 2000 ha stabilito che ad […]

Leggi tutto... 0

 “Cu acchiappa un turcu è suo”

  Riprendiamo una notizia di Riccardo Lo Verso, su Live Sicilia del  07 Gennaio 2018  con il titolo: “Ho avuto un bene tolto alla mafia Ci ho creduto, ma ho perso tutto” e il sottotitolo “Due famiglie “sfrattano” l’associazione Mandarinarte da un bene confiscato alla mafia a Ciaculli”. La notizia ha dell’incredibile e lascia inevitabilmente il posto a una domanda: Esiste più uno stato di diritto in Italia? Indubbiamente non c’è più alcuna legge ne alcun soggetto che la fa […]

Leggi tutto... 0

Il giudice Saguto chiama in causa i suoi colleghi

  Dopo alcuni mesi di silenzio il giudice che per quasi un decennio  è stata la “signora” delle misure di prevenzione, facendo e disfacendo tutto quello che voleva, nella prospettiva del processo che la vede imputata per una serie di gravi reati, legati all’esercizio della sua funzione, ha deciso di passare al contrattacco e  di chiamare in ballo tutti i suoi colleghi e personaggi vari, per testimoniare che il suo modo d’agire era quello di tutti gli uffici delle misure […]

Leggi tutto... 0

5 dicembre 2017

Arrestata donna boss, ma non è una novità Sembra che i giornali stiano scoprendo oggi l’esistenza di una donna boss, detta “a patruna” e indicata come la “reggente” della famiglia di Resuttana, una borgata della periferia palermitana. In realtà,  si tratta di figlia d’arte , ed ha incrementato le sue quotazioni sul campo sposando Salvino Madonia,   indicato come il killer di Libero Grassi, anche lui esponente di una famiglia mafiosa di salde tradizioni e radici. I due si sposarono nello […]

Leggi tutto... 0

A Torre Artale il 2 dicembre incontro sul tema “Antimafia?” Stato di diritto

  Si terrà giorno 2 dicembre, a partire dalle ore 10, a Trabia, presso l’ìhotel residence Torre Artale un convegno, ma più correttamente un incontro di riflessione sul tema “Antimafia? Stato di diritto”. L’incontro è aperto a tutti ed è organizzato dal Partito Radicale, che è presente attraverso due relatori, Rita Bernardini e Sergio D’Elia. Saranno presenti anche imprenditori che sono stati oggetto delle misure di prevenzione, particolarmente nel periodo della gestione Saguto, ma parteciperanno anche diversi avvocati, assieme ad […]

Leggi tutto... 0

Rinviati a giudizio la Saguto e alcuni dei suoi “complici”

novembre 26 13:192017 Print This ArticleCondividilo con gli amici  di Salvo Vitale0 Comments PER ANNI C’È STATA UNA GESTIONE SPREGIUDICATA DEI PATRIMONI SOTTRATTI ALLA MAFIA”, HANNO DETTO ALL’UDIENZA PRELIMINARE I PUBBLICI MINISTERI DI CALTANISSETTA MAURIZIO BONACCORSO E CLAUDIA PASCIUTI. In realtà si può parlare di un autentico “sistema criminale” attraverso il quale un’associazione di persone, più o meno in relazione tra di loro prima identificavano il bersaglio, ovvero il bene da sequestrare, poi, attraverso la ricerca, condotta scrupolosamente da organi […]

Leggi tutto... 0

Western a Mafiopoli

  Onda pazza del 7 aprile ’78: Protagonisti  Peppino Impastato, Faro Di Maggio, Salvo Vitale. Si può ascoltare il testo integrale della trasmissione su questo sito, cliccando alla voce “Peppino Impastato” , aprendo la finestra “Onda Pazza” e cliccando sulla voce “Western a Mafiopoli”. La trasmissione si riferisce a un tentativo di speculazione edilizia relativo a un progetto di villaggio turistico, che avrebbe dovuto essere ubicato  nella costa sottostante l’aeroporto di Punta Raisi, con una serie di azionisti legati alla […]

Leggi tutto... 0

Morto un papa se ne fa un altro: la corsa alla successione di Totò Riina.

E così, secondo  alcune accreditate ipotesi, morto “u zu Totò u Curtu” la tiara  dovrebbe finire sulla testa di un nuovo capo. Se non vogliamo chiamarlo papa, chiamiamolo re o presidente. Sarebbe logico ritenere che la carriera di Riina è finita nel giorno in cui è stato arrestato, ma c’è chi sostiene che egli ha continuato a portare la corona sino al giorno della sua morte. DIA compresa. E pertanto si è aperta la corsa alle ipotesi di successione, Si […]

Leggi tutto... 0

Riina era ancora il capo?

C’è un’ipotesi diversa, rispetto alle teorie, alle analisi di mafiologi, rispetto ai rapporti delle forze dell’ordine e  alle ricostruzioni dei magistrati, universalmente accettate, secondo cui  Totò Riina  era ed   è rimasto il capo della “cupola”, o, se si preferisce, della Commissione (provinciale o regionale è poi da discutere), sino al momento della sua morte.  Si sostiene che la Commissione non si è più riunita dal giorno del suo arresto e che pertanto, in mancanza di un suo sostituto, egli sia […]

Leggi tutto... 0

Sentenza 50187: a un boss non si può dire che è un “pezzo di merda”. Questione di dignità

di Salvo Vitale Il boss in questione è Mariano Agate, uno dei più grandi mafiosi della provincia di Trapani: è stato capo mandamento di Mazara del Vallo ed è morto nel suo letto il tre aprile 2013 a 73 anni. Sul suo curriculum spiccano diversi ergastoli per una serie di omicidi eccellenti,  come quelli del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto, quello di Falcone, di sua moglie e della sua scorta e quello di Mauro Rostagno. Il suo nome, a partire dagli anni 70 è ricorrente […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook