Peppino e Mauro, vite parallele

   I depistaggi 26 anni per Mauro, 22 per Peppino: alla fine la sentenza è arrivata. Un tempo inumano per chi aspetta giustizia. Due depistaggi delle indagini attraverso tortuosi sentieri e fervide immaginazioni, per nascondere due delitti di mafia: per Peppino le assurde piste dell’attentato terroristico, magari con l’aiuto dei suoi compagni, tra i quali avrebbe potuto nascondersi anche un complice o  l’assassino, oppure un suicidio eclatante, per Mauro “l’omicidio in famiglia”, maturato all’interno della comunità Saman, l’immaginata tresca tra […]

Leggi tutto... 0

L’affaire Montante: spioni, magistrati, industriali, giornalisti per rimuovere il sindaco di Recalmuto Salvatore Petrotto

Che il sottoscritto, quando era sindaco di Racalmuto, in modo particolare a partire dal 2010, è stato inghiottito da un ciclone mediatico-giudiziario, con tanto di inchieste pilotate ed una pesante attività di spionaggio, ad opera di servizi segreti deviati, che obbedivano agli ordini dei vertici di Confindustria Sicilia, ormai non ci sono dubbi. Le motivazioni che hanno spinto il Montante ed i suoi correligionari dentro Confindustria, qualche magistrato, nonché alcuni giornalisti, a scagliarsi contro di me, è ampiamente spiegato nelle […]

Leggi tutto... 0

40 anni dopo la morte di Peppino Impastato abbiamo bisogno di un giornalismo privo di pigrizia, vigliaccheria, confusa sciatteria (Rino Giacalone)

di Rino Giacalone Cosimo, Mauro, Giovanni, Mario, Pippo, Mauro, Beppe, Giancarlo, Carlo, Walter, Italo, Graziella, Ilaria, Mirian, Maria Grazia, Enzo, Dafne, Jan, Peppino Impastato. Alcuni nomi che ogni volta che parliamo di informazione, di libertà di informazione, di informazione attaccata, dobbiamo tenere ben presenti. Sono stati uccisi per il profondo rispetto e legame con l’articolo 21 della Costituzione, che non è solo un diritto ma è anche un dovere, estremamente legati tra loro, indissolubile. Li dobbiamo ricordare perché è un lungo […]

Leggi tutto... 0

A cosa serve un giornale (Umberto Eco)

      (un testo di Umberto Eco apparso sull’Unità del 28 marzo 2001, ritornata in edicola, dopo otto mesi di chiusura, con la direzione di Furio Colombo)   Quando nasce un nuovo giornale (e meglio ancora se rinasce in modo nuovo uno antico) si desidererebbe sempre che questo giornale ci dicesse le cose che gli altri non dicono, o dicesse altrimenti quelle che dicono. Certo dare consigli è presuntuoso, e sarebbe più cortese limitarsi agli auguri di rito, ma […]

Leggi tutto... 0

MICROSTORIA DEI GIORNALISTI UCCISI DALLA MAFIA (Aaron Pettinari)

      Giancarlo Siani la Camorra e quell’inchiesta sulla politica La storia di Giancarlo Siani è un esempio indelebile per tutti quei precari che credono nel lavoro. Per cinque anni era stato un “abusivo”, senza contratto e senza diritti, corrispondente a Torre Annunziata per la redazione del Mattino. Poi, in un’estate, era arrivata l’assunzione per due mesi, con la promessa di essere definitivamente assunto in un secondo momento. Una sentenza passata in giudicato nel 2000 ha stabilito che ad […]

Leggi tutto... 0

Peppino Impastato e Mauro Rostagno, due storie che s’incontrano

Oggi ricorre il 29° anniversario del barbaro assassinio di Mauro Rostagno. Quasi tutti sembrano essersene dimenticati. Eppure si tratta di uno di quegli uomini che è andato incontro alla morte per rendere migliore la Sicilia. Questo breve saggio è stato pubblicato su Antimafia duemila il 17.5.2014. ed è stato postato su questo blog in quella stessa data. Lo ripropongo, dopo averlo pubblicato nel recente libro “Era di Passaggio”, edito da Navarra Peppino e Mauro: due storie parallele che s’incontrano I […]

Leggi tutto... 0

Ricordando Giancarlo Siani 32 anni dopo il suo assassinio (A.Castaldo)

di Corriere – @Corriereit Giancarlo Siani e la storia che non ha fatto in tempo a scrivere: è stato ucciso il 23 settembre 1985 di Antonio Castaldo Era Lunedì. Giancarlo aveva finito di lavorare prima del solito. Doveva andare a un concerto. La fidanzata lo aspettava. E mentre dal Chiatamone, nel cuore barocco di Napoli, volava verso casa, su al Vomero, molto probabilmente sorrideva. Aveva ottenuto un contratto di due mesi, una sostituzione estiva al Mattino. Da cinque anni era […]

Leggi tutto... 0

Quando la cronaca diventa morbosità

Su “La Repubblica del 15 settembre un articolo di FRANCESCO MERLO, che condivido e che comunque lascia aperto un dubbio: l’interesse per certi argomenti nasce dall’utente televisivo o dal lettore oppure è suggerito, indirizzato e sollecitato da colui che scrive l’articolo?  Pertsonalmente credo che colui che scrive la notizia, che fa diventare notizia un qualsiasi fatto, stimoli l’attenzione verso quello che scrive e crei tutti i relativi coinvolgimenti d’opinione. Esiste poi un’altra più sottile e cattiva considerazione: quanto viene dato, […]

Leggi tutto... 0

I SICILIANI, LA VITTORIA DI ORIOLES

C’è una persona a Catania che più di tutte, secondo noi, ha contribuito a vincere la battaglia contro Santapaola, i cavalieri e Mario Ciancio. Si chiama Riccardo Orioles, è stato – assieme a Giuseppe Fava – uno dei fondatori storici de I Siciliani: è un tipo strano, un caratteraccio, ma coerente e cocciuto come pochi, generoso anche. E poi ha un modo originale di insegnare – ovviamente gratis – il mestiere di giornalista, ma anche di disegnatore, di illustratore e […]

Leggi tutto... 1

Pino Maniaci chiede e ottiene rinvio a giudizio. Intanto Telejato prova a reagire, con enormi difficoltà

aprile 05 15:482017 di Salvo Vitale1 Comment NUOVA UDIENZA PER PINO MANIACI. INTANTO L’EMITTENTE TELEJATO, DOPO IL GRIDO D’ALLARME DI IERI, PROVA A REAGIRE ANDANDO AVANTI, ALMENO PER IL MOMENTO Oggi nuova udienza del processo per l’operazione Kelevra, ma questa volta s’è parlato solo dell’imputato Maniaci Giuseppe, detto Pino. Hanno preso la parola gli avvocati della difesa Bartolo Parrino e Antonio Ingroia, davanti al GUP Natale, passando in esame i capi d’accusa e dimostrandone, a loro parere l’inconsistenza e la […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook