Giuseppe Insalaco, sindaco per cento giorni

Il 12 gennaio 1988 venne ucciso a Palermo, in pieno traffico e in pieno giorno,  Giuseppe Insalaco,  “Il Sindaco dei cento giorni”. Il fuoco di una 357 Magnum fermò  la sua vita  e quella del suo autista. Originario di S. Giuseppe Jato , aveva portato avanti la sua carriera politica nella Democrazia Cristiana di Ciancimino, di Lima, dei Salvo, toccando con mano i profondi rapporti tra politica e mafia. La morte di Piersantio Mattarella aveva lasciato un segnale profondo  dentro […]

Leggi tutto... 0

20 anni senza Faber

20 anni senza Faber. Non è facile. Forse il più grande cantautore italiano. Capace di rinnovarsi e di rinnovare continuamente la sua musica e i suoi testi. Ha cominciato a dare un’identità alla musica degli anni 60, giovinezza, quando  il panorama si apriva alla musica rock americana, quella dei Platters, di Paul Anka, mentre in Italia l’evoluzione rispetto al bel canto di Nilla Pizzi o di Claudio Villa era affidata a Domenico Modugno  e agli “urlatori”, da Dallara a Celentano, […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Giuseppe La Franca

Ringraziamo Ignazio De Francisci, figlio del cugino di Giuseppe La Franca, che ci ha fornito questo documento e ci ha consentito di pubblicarlo sul sito della nostra Associazione Ignazio De Francisci, nato a Palermo il 25 agosto 1952, è diventato magistrato nel 1977. E’ stato nominato Procuratore Capo dal Consiglio della Magistratura il 21 luglio 1999. De Francisci, allora 47enne, poteva gia’ vantare un’esperienza approfondita, grazie alla sua lunga carriera trascorsa a Palermo e alla sua partecipazione al pool antimafia da Giovanni Falcone. Attualmente lavora […]

Leggi tutto... 0

RICORDO DI GINO SCASSO

Se n’è andato da quattro anni. Con molta eleganza, in silenzio, cercando di non disturbare nessuno, ma confermando la sua presenza tra tutti coloro che avevano condiviso le sue idee. Ed è una presenza che continuerà ad esserci, perché là dove c’è o ci sarà, cosi come c’è stato, un momento di lotta per la salvaguardia dell’ambiente, là dove si consumerà un’ingiustizia sulla pelle dei più deboli là continuerà ad esserci  Gino, non come reduce del ’68, che egli aveva […]

Leggi tutto... 0

Morto Aznavour, l’ultimo chansonnier

    E’ morto ieri, a 94 anni, Charles Aznavour, forse l’ultimo chansonnier,  il cantautore francese più applaudito nel mondo Nella sua carriera ha venduto 300 milioni di dischi incisi in 7 lingue ed è stato protagonista o interprete di 80 film fra cui “Il passaggio del Reno”, Leone d’oro a Venezia. Alcune sue canzoni come “”Io sono un istrione”, “l faut savoir “(devi sapere), “La Bohème”, “Quel che non si fa più”, “Com’è triste Venezia”, “Ed io tra di […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Giancarlo Siani (19 settembre 1959-23 settembre 1985)

Partecipò ai movimenti studenteschi del ’77 e cominciò a scrivere per il giornale della CISL “Il lavoro nel Sud” interessandosi delle fasce più disagiate, dove maggiormente si annidava la manovalanza mafiosa. Da Torre Annunziata iniziò la sua collaborazione come corrispondente  per il  Il Mattino di Napoli, occupandosi di cronaca nera e quindi di camorra, studiando e analizzando i rapporti e le gerarchie delle famiglie camorristiche che controllavano Torre Annunziata e dintorni. Fu in questo periodo che iniziò anche a collaborare […]

Leggi tutto... 0

Addio a Rita Borsellino,  sorriso dolce dell’antimafia

  Rita ci ha lasciati. Difficile tracciare un profilo di questa donna, all’apparenza molto semplice e dolce, in realtà determinata, precisa e decisa. 73 anni, tre figli, farmacista, ultima di una famiglia con una sorella, Adele e due fratelli, Paolo e Salvatore. Laureata in farmacia a Palermo, ha continuato nel lavoro del padre, gestendo una storica farmacia , sino al momento dell’assassinio di Paolo. Come amava spesso ripetere e come ha scritto nel titolo di un suo libro,  Rita era […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Giuseppe Casarrubea

  In ricordo di Giuseppe Casarrubea ripropongo questo articolo pubblicato su Antimafia Duemila in occasione della sua morte. ( 8 giugno 2015-8 giugno 2018) Forse è ancora presto per accorgersi della grande perdita che, non solo Partinico, ma tutto il mondo della cultura europea ha subito con la morte di Giuseppe Casarrubea. Avrebbe potuto essere un docente universitario, ma, rispetto agli storici accademici aveva scelto di lavorare nella sua casa, nel suo paese, a tempo pieno, con molta umiltà, in […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Turiddu Carnevale nel 64° della sua morte

Salvatore Carnevale, detto Turiddu è uno degli ultimi sindacalisti uccisi dalla mafia, dopo la mattanza degli anni 1946-48.  Fu assassinato il 16.5.1955 a Sciara, un paese delle Madonie, all’età di 32 anni. Aveva dato fastidio ai proprietari terrieri locali, difendendo i diritti dei braccianti agricoli. Nel 1951 fondò la sezione del P.S.I, organizzando la locale Camera del lavoro e portando avanti le lotte contadine con l’occupazione simbolica, qualche anno dopo, delle terre di contrada Giardinaccio, di proprietà della baronessa Notarbartolo, […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Placido Rizzotto 70 anni dopo la sua morte (Giuseppe Crapisi)

Salvo Vitale Placido Rizzotto una vittima della lunga strage Premessa socio-politica     Biografia di Placido Rizzotto Placido Rizzotto era nato il due Gennaio del 1914 a Corleone ed era un ragazzo figlio di un contadino, Carmelo e di Moschitta Giovanna, che morì giovanissima. Dovette abbandonare la scuola perché il padre, sotto il prefetto Mori fu arrestato poiché vicino alla mafia. Fu chiamato alle armi con destinazione i freddi monti della Carnia, in Friuli Venezia Giulia, ma dopo l’8 settembre abbandonò […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook