Questo sito…..

Nel tardo latino medioevale “compagno” era colui con cui si divideva il pane, “cum panis”. Inevitabile il richiamo al vecchio giradischi di Radio Aut, dove mettevo sul piatto “Rimmel” di De Gregori per mandare in onda “Pablo”, “prima parlava piano, e io non lo capivo, ma il pane con lui lo dividevo”. Magari non era il pane, ma le sigarette. E poi quell’”hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”, con seguito di applausi”, con inevitabile riferimento a Peppino. Compagno è poi […]

Leggi tutto... 2

Giuseppe Insalaco, sindaco per cento giorni

Il 12 gennaio 1988 venne ucciso a Palermo, in pieno traffico e in pieno giorno,  Giuseppe Insalaco,  “Il Sindaco dei cento giorni”. Il fuoco di una 357 Magnum fermò  la sua vita  e quella del suo autista. Originario di S. Giuseppe Jato , aveva portato avanti la sua carriera politica nella Democrazia Cristiana di Ciancimino, di Lima, dei Salvo, toccando con mano i profondi rapporti tra politica e mafia. La morte di Piersantio Mattarella aveva lasciato un segnale profondo  dentro […]

Leggi tutto... 0

20 anni senza Faber

20 anni senza Faber. Non è facile. Forse il più grande cantautore italiano. Capace di rinnovarsi e di rinnovare continuamente la sua musica e i suoi testi. Ha cominciato a dare un’identità alla musica degli anni 60, giovinezza, quando  il panorama si apriva alla musica rock americana, quella dei Platters, di Paul Anka, mentre in Italia l’evoluzione rispetto al bel canto di Nilla Pizzi o di Claudio Villa era affidata a Domenico Modugno  e agli “urlatori”, da Dallara a Celentano, […]

Leggi tutto... 0

Individualismo e rapporto familiare

              Due brevi saggi di Salvo Vitale sul rapporto della famiglia con la morale, l’onore e l’amore nella società mafiosa, pubblicati su Antimafia Duemila.   Egoità e familismo amorale C’è una linea di demarcazione dove finiscono, si chiudono gli orizzonti degli esseri umani. Sarebbe corretto chiamarla “visione della vita”, se non fosse che il richiamo all’originale tedesco Weltanschaung indica il “modo di vedere il mondo”, la propria interpretazione, e quindi un diverso significato rispetto […]

Leggi tutto... 0

5 Gennaio, nasce Peppino Impastato, uccidono Pippo Fava

        Fiore di campo nasce dal grembo della terra nera Fiore di campo cresce odoroso di fresca rugiada Fiore di campo muore sciogliendo sulla terra gli umori segreti.   Peppino Impastato   5 gennaio 1948: nasce Peppino Impastato. Oggi avrebbe 71 anni. Molti si chiedono cosa farebbe oggi, quale strada avrebbe percorso, con chi si sarebbe schierato. Cercare di dare risposte è solo un’esercitazione della fantasia. Peppino era ed è rimasto quello che è, quello che fu, […]

Leggi tutto... 0

Ricordo di Giuseppe La Franca

Ringraziamo Ignazio De Francisci, figlio del cugino di Giuseppe La Franca, che ci ha fornito questo documento e ci ha consentito di pubblicarlo sul sito della nostra Associazione Ignazio De Francisci, nato a Palermo il 25 agosto 1952, è diventato magistrato nel 1977. E’ stato nominato Procuratore Capo dal Consiglio della Magistratura il 21 luglio 1999. De Francisci, allora 47enne, poteva gia’ vantare un’esperienza approfondita, grazie alla sua lunga carriera trascorsa a Palermo e alla sua partecipazione al pool antimafia da Giovanni Falcone. Attualmente lavora […]

Leggi tutto... 0

Il destino degli eroi

Cito questa frase di Lenin che definisce con estrema lucidità il destino dei cosiddetti eroi. Il discorso può valere per Peppino Impastato o per Che Guevara, per Mazzini o per Gandhi, ovvero per tutta quella lunga fila di eroi  diffamati da vivi, diventati tali e poi ridotti a icone dopo la morte (S.V.)  Le classi dominanti hanno sempre ricompensato i grandi rivoluzionari, durante la loro vita, con incessanti persecuzioni; la loro dottrina è stata sempre accolta con il più selvaggio […]

Leggi tutto... 0

Buon Natale siciliano

Buon Natale   Buon natale a tutti, ai longhi e ai curti, a chiddi cu i causi ranni e a chiddi senza mutanni, ai granni e ai nichi, a chiddi chi schucchianu pasta e ncucchianu viddichi, ai sani e ai malati, a sciancati, sgummati, struppiati  e malicumminati, ai ricchi e ai pureddi, a chiddi chi mancianu carni e a chiddi chi arricioppanu cavuliceddi, a cu ci piaci manciari e a cu unn’avi mancu culu pi cacari, a vescuvi e parrini, […]

Leggi tutto... 0

10 dicembre: la Dichiarazione incompiuta

                    Il 10 dicembre 1948 a Parigi  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la Dichiarazione universale dei diritti umani, un documento sui diritti di cui ogni uomo e ogni donna debbono godere in una società civile. Non si tratta di una novità, in quanto questi principi sono già bene individuati su due documenti fondamentali nella storia dell’umanità, scritti alla fine del 1700  e ispirati alle idee diffuse dal grande movimento […]

Leggi tutto... 0

BIOGRAFIA DI FELICIA BARTOLOTTA IMPASTATO

  Felicia Bartolotta, nata il 24 maggio 1916 e deceduta il 7 dicembre 2004 rappresenta una delle figure più significative della lotta contro la mafia in Sicilia. Sposò Luigi impastato, cognato  di Cesare Manzella, capomafia di Cinisi negli anni ’50, deceduto nel 1963 a causa di un attentato dinamitardo. Ebbe tre figli, Giuseppe, Giovanni (morto ancora bambino) e Giovanni, cui venne dato il nome del fratello morto. Le vicissitudini della sua vita sono raccontate nella sua autobiografia “La mafia in […]

Leggi tutto... 0

4 dicembre 1563: l’amaro caso della baronessa di Carini

Il 4 dicembre 1563 venne uccisa  Laurea Lanza baronessa di Carini.  Era nata a  Palermo nel 1529, da Cesare Lanza, barone di Castania e di Trabia, un nobile spregiudicato, violento, soprattutto nella gestione dei suoi affari.  Laura era nata dalla prima moglie, Lucrezia Gaetani, una ricca ereditiera catanese che, nonostante fosse già un’anziana vedova, gli fu promessa sposa quando ancora egli era un bambino e che sposò dopo quattro anni, quando ancora non aveva compiuto i 14 anni. Anche la […]

Leggi tutto... 0

Seguimi su Facebook